Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Loano autorizza spettacoli viaggianti davanti a chiesa parrocchiale. Scelta horribilis del ‘pio’ sindaco e giunta! E commissione paesaggio, nomi

Inserimento di Piazza Italia fra le aree destinate a spettacolo viaggiante (vedi delibera di giunta…) Esordio con la pista di pattinaggio sul ghiaccio dal 4 dicembre al 9 gennaio. Il Comune fa cassa, almeno 38 mila € per occupazione suolo pubblico.  Siamo in piazza della chiesa, simbolo storico, religioso, trasformata in ‘cassiera’ del divertimento. Sarà stato consultato (preventivamente) il parroco ? C’è da sperare che l’esempio non contagi altre città rivierasche. Se lo fa Loano…con le sue venti processioni all’anno, un vescovo,  fucina di vocazioni sacerdotali…

La ‘pista’ poteva rimanere benissimo, come in passato, nell’area portuale dove non arrecava problemi, almeno notoriamente. Si pensi ora alle esequie funebri, alle veglie di preghiera, alle funzioni religiose quotidiane, prefestive e festive. Certo la chiesa con i suoi rappresentanti non deve ‘interferire’, ma qui siamo di fronte ad una scelta di ‘opportunità’ e soprattutto buon senso e ‘rispetto’. Se accadesse di fronte ad una moschea in un paese mussulmano? Comunque Loano ha scelto un primo cittadino a ‘furor di popolo‘ (e di ‘non voto‘) che la penna di ‘Bellamigo‘ dipingeva come il ‘pio‘. Uomo di chiesa e morigerato. E poi l’ex vice sindaco Lettieri, da 24 anni  promosso e impegnato nel solo bene collettivo, non ha imposto un bel nulla. La scelta della pista in piazza della chiesa è unanime della giunta  comunale (riconfermata in blocco ). E dalla opposizione tutto tace nel merito.

Il motivo del trasferimento dal vasto piazzale del porto (che incassava l’affitto) a piazza Italia ? Solo uno e nobile, è riportato in delibera:”….arricchire maggiormente l’offerta di animazione in centro città…”.  Quello che solitamente è assai più frequentato ed affollato rispetto alla periferia, con i suoi salotti ‘commerciali’ e se non bastasse la testimonianza del ‘caro affitti’ anche se non siamo ancora ai ‘salassi’ di Alassio, capitale turistica.

 Il porto è già periferia ? Non è forse da integrare maggiormente nel tessuto commerciale ? Non è forse il caso di avere più cura di una periferia assai abbandonata, da troppi anni, sotto ogni aspetto ? Il porto a 250 metri dall’inizio di corso Roma, il lungomare, primo ad essere affollato. Non offriva garanzie a sufficienza alla fruizione del bene comune e del sano divertimento ? Suvvia chiedere il parere del parroco, can. Edmondo Bianco, non avrebbe certo significato ‘lesa maestà’. Un utile confronto con il rappresentante massimo della comunità parrocchiale. Non uso interferire con polemiche fine a se stesse, molto attento e rispettoso come i suoi stretti collaboratori.

Non è insomma la fievole voce di trucioli.it che pone in risalto come Loano sia rimasta l’unica città della Riviera Ligure dove la destra governa da ‘sempre’, dove la sinistra è capace di annientarsi, al punto da non essere neppure più rappresentata nel massimo consesso cittadino, nelle commissioni comunali. E dal Pd locale, provinciale e regionale si tacciono le responsabilità anche gravi, i nomi (sulle dita di una mano) dei ‘garanti’ al fallimento.

 A Loano la salutare alternanza democratica del mondo civile pare non abbia cittadinanza. Qui non serve, basta e avanzano i soliti noti. Non è solo un problema di persone (quasi sempre le stesse nella cabina di regia, comando e scia clientelare), è sale della democrazia. E’ vero che nessuno è imposto, ma premiato dal voto democratico, semmai c’è da chiedersi la motivazione che porta Loano ad essere l’unica città che si affida agli stessi ‘esperti e strateghi’ che decidono dell’avvenire presente e futuro. Che nomina commissioni (vedi sotto) con palesi conflitti di interesse professionale, visto che operano primeggiando e sbarazzando soprattutto in città.

Loano dove non sono lontani i tempi in cui  il compianto parroco don Pino Zunino, come trucioli.it aveva pubblicato in solitaria, non aveva esitato a difendere, ricorrendo al tribunale civile, il ‘duomo’ dalle follie della speculazione immobiliare, dei box interrati a pochi metri dalla chiesa, capaci di causare persino un cedimento che ha imposto la chiusura precauzionale del tempio e costosi lavori; in ballo una Srl, con oscuri personaggi e il giallo di una scomparsa che ha coinvolto uno dei soci della Valbormida. E una ‘voce amica’ che invitava il giornalista a non essere troppo curioso “perché quelli non scherzano, non te lo mandano a dire”. Purtroppo ci è mancata la forza per approfondire nelle sedi competenti. 

Chi era condannato a pagare i danni si rifiutava. Gli anni di Angelo Vaccarezza sindaco. Poi il successore Luigi Pignocca. (Vedi articolo di trucioli del 13 novembre 2014)

Oggi  contestando la scelta della pista di pattinaggio e ciò che comporta, possiamo immaginare di finire nell’angolino dei ‘cattivi’, nell’ultimo banco riservato ai dissidenti. Non ci spaventa, non corriamo né col potere, né per la gloria, anzi, pure gli amici spesso consigliano di ‘girarsi dall’altra parte’, ma non è questo il dovere di chi sceglie, anche per vocazione, di fare il giornalista, il suo ruolo spesso scomodo ed inviso.  E non accade certamente solo a Loano. E perché non godersi la pensione, non rimetterci (con il blog) di tasca propria e farsi tanti amici degli amici ? (L.Cor.)

Determina dirigenziale SERVIZIO TURISMO: AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DI SUOLO PUBBLICO PER
L’ALLESTIMENTO
E LA GESTIONE DI UNA PISTA DI PATTINAGGIO SUL GHIACCIO (ANCHE
SINTETICO)
PER LE FESTIVITÀ NATALIZIE 2021 (vedi……..)

PREMESSO che con deliberazione della Giunta Comunale n.120 del 22.05.2008 successivamente integrata con deliberazione di Giunta Comunale n.61 in data 29.06.2016 è stato aggiornato l’elenco delle aree comunali disponibili per le installazioni dei circhi, delle attività dello spettacolo viaggiante e dei parchi di divertimento e sono stati indicati i criteri di assegnazione delle aree per gli spettacoli viaggianti cosiddetti minori (saltimbanchi, burattinai etc.);

CONSIDERATO che, al fine di arricchire maggiormente l’offerta di animazione in centro città e nell’area dei mercatini natalizi, si reputa opportuno, esclusivamente per il prossimo periodo natalizio e fino al 9 gennaio 2022, destinare ad area di spettacolo viaggiante; VISTO il parere favorevole espresso in merito dal Comando di polizia locale;  ATTESO di assegnare allufficio turismo i seguenti criteri cui attenersi per lattribuzione dello spazio:
porre in capo all’affidatario:

integrale pagamento dei costi di energia elettrica previa stipula di autonomo allaccio provvisorio;

pagamento spese SIAE;

allestimento impianti di illuminazione;

organizzazione delle necessarie misure di sicurezza con produzione delle relative certificazioni;

messa in atto di protocolli Covid;

pagamento di tutti gli oneri connessi all’autorizzazione (oneri SUAP);

garanzia dell’apertura dell’attrazione tutti i giorni dal 4 dicembre al 9 gennaio 2021 per minimo 6 ore al giorno;

pagamento tributi nel rispetto delle vigenti disposizioni emergenziali;

messa in sicurezza di tutti i cavi, compreso quelli destinati allalimentazione delle luminarie natalizie, ed eventuale noleggio di copri cavi…

DELIBERA DELLA GIUNTA COMUNALE – La Commissione Locale per il Paesaggio è composta da tre membri, uno dei quali eserciterà le funzioni di Presidente, scelti dalla Giunta Comunale nell’ambito dell’Albo Regionale degli esperti in materia di paesaggio…i componenti possono essere rinominati per una sola volta e durano in carica 5 anni.

DI NOMINARE: Alberto Dellisola geometra; Angelo De Francesco architetto; Marta Pirovano geologo.

LA MINORANZA PRESENTA DUE INTERPELLANZE –

MERCATINO DEGLI AGRICOLTORI E PALESTRE DELLE SCUOLE:

ECCO LE DUE NUOVE INTERPELLANZE DI NUOVA GRANDE LOANO

Trucioli.it ha scritto il 12 maggio 2016 (Loano al mercatino agricolo…..).

C’è un regolamento in vigore  dal 10 dicembre 2018 approvato dal consiglio comunale (vedi…….)

Il 15 aprile 2019, La Stampa, titolava: Al mercatino di Loano arrivano i “vigilantes” per i prodotti a Km 0. I verbali saranno consegnati alla polizia municipale – Il Comune chiederà a un agronomo di verificare la provenienza di frutta e verdura sulle bancarelle.

Trucioli.it, anche leggendo interventi della minoranza consiliare (LoaNoi), ha più volte riproposto il tema (come quello dei venditori abusivi del ‘napoletano’ che hanno base a Ceriale) di conoscere il numero e l’esito dei controlli, non per manie di persecuzione, ma per tutelare gli agricoltori che producono e vendono solo i prodotti della loro terra, del loro sudore, anche se fuori dai confini loanesi, purchè di produzione propria e non acquistata da altri per commercio.

L’articolo del La Stampa a firma di Giò Barbera riportava: “A.A.A. controllore speciale di frutta e verdura del mercatino di Loano cercasi. Il Comune di Loano ha deciso di affidare un incarico di addetto alla vigilanza per i prodotti agricoli venduti a Km 0 che dovrà svolgere controlli tra le bancarelle di piazza San Francesco. Dovrà insomma verificare la provenienza certa della merce messa in vendita sui banchi e la genuinità del prodotto. In particolare la figura ricercata dall’ente è quelle di un agronomo. La prestazione professionale richiesta consiste in almeno cinque sopralluoghi distribuiti nell’arco di dodici mesi, dalla data di affidamento dell’incarico. Ovviamente dovrà redigere i relativi verbali dei controlli da consegnare in seconda battuta al comando di polizia locale dopo ogni sopralluogo. Non solo: altri 7 sopralluoghi, sempre distribuiti nell’arco di dodici mesi, dovranno essere compiuti sempre al mercatino di piazza San Francesco tra dei coltivatori diretti in questo caso estratti a sorte. Il professionista incaricato dal Comune dovrà impegnarsi a realizzare le prestazioni secondo un preciso disciplinare che dovrà comprendere le consulenze, le spese dei sopralluoghi, così pure quelle di trasporto, gli oneri di taratura della merce ed eventuali compensi a collaboratori. L’importo previsto è di 2.100 euro riferiti a tutta la durata del mandato.

Tra le modalità richieste per la partecipazione al bando che scadrà alle 9 del prossimo 29 aprile viene richiesto di «aver preso visione del luogo di svolgimento dell’incarico ovvero il mercatino di piazza San Francesco». Ovviamente si dovrà anche dimostrare di essere iscritti all’albo regionale degli agronomi. Infatti gli agronomi sono esperti ed eseguono controlli qualitativi sia dei prodotti agricoli che dei processi attinenti la loro trasformazione nelle varie filiere agroalimentari con l’obiettivo di ottenere la migliore qualità. In particolare assicurano il controllo delle produzioni biologiche; il controllo all’esportazione dei prodotti ortofrutticoli; la certificazione della conformità dei prodotti alle norme vigenti; l’attivazione dei sistemi di assicurazione di qualità nelle aziende agroalimentari.”

LE INTERPELLANZE DI ‘Nuova Grande Loano’/

ANCORA AZIONI A DIFESA DI LOANO E DEI LOANESI

“Le richieste protocollate il 16 novembre sono differenti l’una dall’altra ma toccano temi per noi importanti.

Il consigliere di minoranza avv. Giuseppe Rembado

La prima interpellanza: abbiamo chiesto al sindaco Lettieri di esprimersi circa la pericolosità oggettiva in Via Ponchielli e Via Carducci” – dichiara l’avv. Giuseppe Rembado, consigliere di Nuova Grande Loano – “I residenti hanno più volte lamentato l’eccessiva velocità con cui vengono percorse, causa anche di diversi incidenti. In particolare l’incrocio tra Via Verdi e Via Ponchielli/Via Carducci necessita di una revisione della segnaletica. Anche per i pedoni queste strade rappresentano un pericolo, mancando i marciapiedi. Inoltre, percorrendo il lato mare del tratto di Via Carducci compreso tra Via Verdi e Via Rossini, sovente i pedoni accostandosi ai bordi della carreggiata al passaggio di macchine e furgoni, trovano ulteriore inciampo nello scolo delle acque, il cui dislivello dal piano stradale è causa di infortuni”.

“Confidiamo nel fatto che la maggioranza voglia prendere opportuni provvedimenti a riguardo, con azioni svolte ad una messa in sicurezza della zona.” – prosegue il consigliere Rembado– “Ci aspettiamo, così come se lo aspettano i cittadini, che il sindaco Lettieri si prenda cura della salvaguardia della sicurezza delle persone. Speriamo che la risposta a questa interpellanza non sia nuovamente una fumosa quanto inutile elencazione di dati per negare l’evidenza, come già capitato in occasione dell’interpellanza sull’alta velocità di Via Olivette e Via degli Alpini.”

“La seconda è una mozione e riguarda la nuova impennata di casi di Covid-19” – spiega Luana Isella, Capogruppo di Nuova Grande Loano – “ Chiediamo al sindaco Lettieri e alla sua giunta di prendere ufficialmente una posizione per dare impulso alla campagna vaccinale necessaria per arginare la pandemia, e dichiarare chiaramente se e quali interventi di informazione intendano attuare per aumentare il numero dei vaccinati. In particolare, dal vicesindaco Dott. Bocchio, dalla prima ora impegnato a combattere la pandemia e sostenitore della campagna vaccinale, ci aspettiamo una ferma presa di posizione al riguardo.”

“Parallelamente esortiamo il sindaco ad agire velocemente per pulire le scritte no-vax che ancora deturpano le mura storiche di Loano in Piazza Cadorna e nei pressi dell’ex convento di Sant’Agostino. Atti vandalici di fronte al quale le istituzioni devono esprimere la propria indignazione non solo a parole, ma soprattutto rimuovendole. Un segnale chiaro che indichi come il vandalismo non possa essere un modo per esprimere la propria opinione. E in questo senso avremmo voluto vedere il sindaco Lettieri agire con maggior sollecitudine.” – conclude la capogruppo Isella.

LE INTERPELLANZE  di “Nuova Grande Loano/ “Coerente con il suo impegno verso i cittadini, continua a lavorare per farsi interprete e portavoce delle loro esigenze. I consiglieri della lista hanno depositato due nuove interpellanze, per le quali auspicano dalla maggioranza risposte chiare ed esaustive.

La prima interpellanza ha come argomento il Mercatino degli Agricoltori di Piazza S. Francesco” dichiara Luana Isella, capogruppo di Nuova Grande Loano – “È una realtà che secondo noi andrebbe ampiamente valorizzata. Gli agricoltori rappresentano una parte fondante della storia di Loano, che ha sempre avuto una doppia anima, marinara e contadina. Inoltre, mai come adesso viene capita l’importanza di utilizzare i prodotti del territorio, a tutto vantaggio della qualità e freschezza dei cibi, contribuendo anche a diminuire l’inquinamento.”

“A sostegno e tutela del Mercatino degli Agricoltori “- prosegue Giacomo Piccinini, consigliere di Nuova Grande Loano – “chiediamo al Sindaco Lettieri e all’Assessore competente non solo di evidenziarlo con una cartellonistica adeguata, e di pubblicizzarlo anche in altre zone della città attraverso indicazioni stradali o similari che ne indichino l’esistenza, l’ubicazione e gli orari. Ma anche di riqualificare la struttura che ospita il Mercatino, al momento costituita da una parziale copertura, inadeguata ed insufficiente sia per le esigenze di chi espone che per quelle dei clienti.” “Questa nuova struttura” – sottolinea poi Luana Isella – “oltre ospitare in modo più decoroso e dare maggior visibilità al Mercatino degli Agricoltori, potrebbe diventare uno spazio ideale per manifestazioni, rassegne, promozione di eventi.” La seconda interpellanza, con carattere di urgenza, depositata da Nuova Grande Loano riguarda l’utilizzo delle palestre delle scuole Valerga e Milanesi.

“Qui le criticità sono molteplici, e di conseguenza anche i quesiti che poniamo al Sindaco Lettieri” – spiega Francesca Munerol, consigliere di Nuova Grande Loano – “Sono criticità da tempo indicate dai cittadini, insegnanti e genitori, e che noi stessi avevamo riscontrato in campagna elettorale.”  “È sconcertante che la palestra delle scuole elementari e medie “Milanesi” versi in condizioni critiche già dal periodo immediatamente successivo alla sua inaugurazione” – prosegue la consigliera Francesca Munerol – “Ma ancor più sconcertante è che problemi importanti come le porte antipanico rotte o gli spogliatoi che si allagano durante l’utilizzo delle docce, già oggetto di un’interpellanza presentata nel 2019 dai gruppi LoaNoi e Pd, non siano ancora stati risolti. Ci chiediamo come sia possibile che in svariati anni queste situazioni non siano state affrontate, e chiediamo al sindaco Lettieri se, quando e come pensi di intervenire.”

“Relativamente alla palestra delle scuole Valerga abbiamo poi altre perplessità” – dichiara il capogruppo di Nuova Grande Loano Luana Isella – “Gli alunni della scuola non possono accedere alla palestra, e sono costretti a svolgere l’attività fisica all’esterno o a non svolgerla affatto, in entrambi i casi a danno della loro salute. Però la stessa palestra viene utilizzata al pomeriggio dalle associazioni sportive. Quindi è inevitabile chiedere al sindaco Lettieri, visto che l’utilizzo delle palestre scolastiche è regolamentato dal Comune, di spiegare a noi ed ai cittadini questa “doppia vita” dello stesso spazio. È agibile per alcuni e per altri no, perché mai? “

“Le nostre interpellanze non sono polemica gratuita come a qualcuno piace pensare “- conclude il consigliere Giacomo Piccinini – Nuova Grande Loano ha il dovere di portare in evidenza i problemi che i cittadini riscontrano e di sollecitare una loro soluzione. La maggioranza non risponde solo a noi, ma risponde a tutti i loanesi che noi rappresentiamo in quel momento su un preciso argomento. Per questo ci ha molto deluso l’assessore Enrica Rocca quando, di fronte alla nostra interpellanza, presentata dal consigliere Giuseppe Rembado, sul problema della velocità e dei conseguenti rischi in Via Olivette e in Via degli Alpini, ci ha sostanzialmente risposto che i controlli fatti non rilevano condizioni di pericolosità in quelle strade chiudendo frettolosamente la pratica….”.

UNA BENEMERENZA E UNA RICORRENZA CHE FA ONORE ANCHE A LOANO

Il sindaco Lettieri ha postato sulla sua pagina facebook: Ottica Mosso festeggia mezzo secolo di vita.  Insieme all’assessore alle attività produttive Enrica Rocca siamo stati invitati alla festa dei 50 anni di attività della storica ottica di corso Europa gestita dalla famiglia Squarotti. Era il 1971 quando Agostino Squarotti, già dipendente della Salmoiraghi a Savona, entrò in società con l’allora principale titolare dell’attività, Giuseppe Mosso. Dopo dieci anni, Squarotti e sua moglie Nicoletta rilevarono la gestione dell’attività. Nel 2001 Agostino è stato affiancato dalla figlia Elena mentre nel 2007 si è ufficialmente ritirato dall’attività, passando definitivamente il testimone dell’attività di famiglia alla sua erede. Ad affiancare negli anni genitori e figlia c’era e c’è ancora Corrado Angioni, storico collega e collaboratore di due generazioni. Nell’attesa che il testimone passi alla terza generazione l’amministrazione comunale augura alla famiglia Squarotti altri 50 anni di attività.

L.Corrado

L.Corrado

Torna in alto