Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Pieve di Teco ricca di bellezze storiche. Le brutture dei nostri giorni. L’incivile sosta selvaggia

Chi ha avuto la possibilità di avere nella propria libreria il volume ‘Mete d’autore in provincia di Imperia’, curato da Maria Teresa Verda Scajola, potrà leggere 5 testi  dedicati a Pieve di Teco a firma di Mario Rigoni Stern, Mario Soldati, Francesco Gallea, Franco Bocchieri, Paolo Emilio Taviani. Un genuino borgo storico che dovrebbe presentarsi ordinato, curato nel decoro, capace di far gioire turisti provenienti da ogni dove. E qui possono ammirare i suoi tanti tesori, accoglierli e ricevere i complimenti. Dare loro la possibilità di parcheggiare, un’esigenza primaria e prioritaria per qualsiasi località che si rispetti.

Invece riproponiamo, a testimonianza e documentazione, uno scenario abituale in certe domeniche, festività, ricorrenze, manifestazioni. Il paese vittima, in preda, a parcheggio selvaggio e quasi sempre impunito. Non solo per i divieti di sosta, ma addirittura auto sui marciapiedi nei due sensi di marcia, sulla trafficata statale. Con persone anziane, bambini, mamme e carrozzelle, diversamente abili, costretti  a deviare sulla strada, sfiorati dalle auto, moto, in preda al traffico, i rischi di provocare incidenti per gli stessi automobilisti e motociclisti.

Non è un’emergenza degli ultimi anni, non è un problema irrisolto dal tre volte sindaco  geom. Alessandro Alessandri, ora Marcoscajolano. Non è testimonianza di perdurante incapacità di dare una risposta da paese civile. E’ miopia, affronto al più elementare buon senso di chi dovrebbe dare prova di saggezza e perseguimento del bene comune, nella prevenzione e nel rispetto della legalità. Una salto di qualità, senza bisogno di ordinanze choc e che in parte si erano coperte di ridicolo, di cui ne beneficerebbe l’ospitalità, il commercio, la qualità di vita, l’immagine che si da al visitatore. L’educazione civica che andrebbe a merito di tutti. E non è certamente solo trucioli.it ad invocare un cambio di passo, una generale presa di coscienza.

E cosa scriverebbe il prof. sen. scrittore, Paolo Emilio Taviani ? ‘Pieve di Teco vera e propria capitale della Valle Arroscia. Come un nobile decaduto questa decaduta capitale mostra i segni dell’antica prosperità nella colleggiata di San Giovanni Battista, maestosa come una vera e propria cattedrale, nel Teatro Civico più piccolo d’Italia, nel Chiostro degli Agostiniani, nel Palazzo dei Clavesana, e soprattutto nei portici antichi ed archi medievali, che preannunciano  l’usanza del Piemonte poco distante”. Era il 2002.

Mario Rigoni Stern, ricorrono i 100 anni dalla nascita (Asiago, 1º novembre 1921 – Asiago, 16 giugno 2008……), è stato un militare ed affermato scrittore che rifiutò di aderire alla Repubblica sociale di Mussolini e fu deportato come IMI in un campo di concentramento a Hohenstein (oggi Olsztynek), in Prussia orientale.  Scrive:  Un’esperienza memorabile.  Non pensavo affatto che queste montagne, queste valli potessero esprimere tali sensazioni. ….E invece trovo davanti a me terrazze e muri a secco quasi a 2000 metri di altitudine. Trovo paesi in luoghi impervi, trovo testimonianze di civiltà evolutissima con chiese, chioschi, porticati, ponti, in luoghi lontani e impervi. ….Nella ritirata di Russia  ho avuto modo di affiancare superstiti del glorioso battaglione  alpini ‘Pieve di Teco’ che andò decimato sia nella campagna  dell’Africa Orientale nel 1935 sia in Russia nel 1942. La visita a Pieve di Teco è stata per me un tributo a tanti giovani compagni d’armi che a differenza di me non sono più tornati.

E Mario Soldati ((Torino, 17 novembre 1906 – Tellaro, 19 giugno 1999) è stato uno scrittore, giornalista, saggista, regista, sceneggiatore e autore televisivo italiano.  Pieve di Teco ha un aspetto curiosamente composito, ligure e piemontese insieme: ligure tutto quanto precede il congresso di  Vienna (1815),  e piemontese tutto quanto lo segue.

Fai un click sull’immagine per ingrandire la lettura

E FRANCESCO GALLEA –  Pieve di Teco deve il suo nome ad un termine greco bizantino TEICHOS (muro fortificato) e ha difeso intatto nei secoli il suo fascino segreto di luogo dello spirito. L’antico nucleo del centro storico ha mantenuto la sua originalità, indenne tra le complesso traversie del tempo.

 

Gianni Fazio -Ponte di San Giovanni frequentato dai giovani di Pieve per andare a fare il bagno

ACQUETICO –

Post facebook di Prospero Roveraro- Quando un patrimonio culturale va in malora…Acquetico …Pieve di Teco.. Alta valle Arroscia.. Ligurian Riviera di Ponente..

Piero Claveri – Dispiace vedere la  decadenza di un patrimonio così importante  forse occorrerebbe ripensare a un più proficuo utilizzo anche dei fondi della CEI e dell’8 per mille. Però li andiamo a toccare un tasto dolente perché occorrerebbe approfondire se veramente sono destinati dove servono oppure se vanno dove ci sono i poteri forti e interessi economici di cui  la nostra pur bella valle Arroscia ne è sprovvista.

Giancarlo Rubini – E’ il Vaticano proprietario di questi immobili. Dovrebbe intervenire, ma loro , sono come i politici pensano solo ai soldi. Infatti la banca Vaticana e’ la più potente.

PIEVE DI TECO UNA DOMENICA NELLA MORSA CAOS DI SOSTA SELVAGGIA

L’ingresso sud del paese nel mese di aprile 2021 ci sono le prime erbacce sotto i cartelli stradali 
Sono trascorsi 7 mesi ed un’estate di turismo in ripresa, l’erba ha ripreso vigore e ricopre indisturbata la sede stradale. Pieve non ha personale cantoniere ? Che hanno l’incombenza ?

I MARCIAPIEDI SUI DUE LATI INTERAMENTE OCCUPATI DA VEICOLI ED OSTRUITI AI PEDONI

SPARITE  DA MESI,DALL’ASFALTO STRADALE

META’ DELLE STRISCE PEDONALI. PARADOSSALE ! VERGOGNOSO ! PERICOLOSO !

Pieve di Teco una particolarità assoluta: è l’unico paese dell’entroterra ligure, da Ventimiglia a La Spezia dove le due edicole vendono anche quotidiani e riviste  della Germania
E’ la vigilia dello scorso ferragosto la piazza – sferisterio è a tappo. C’è un automobilista imperiese (dalla targa) che sosta in divieto alle 11,22 del mattino e si ritrova con una multa sul tergicristallo. La vigilessa ha fatto il suo dovere. Ma non può essere a giorni alterni, se è così e visto cosa accade nell’impunità sulla trafficata e pericolosa statale. Ma sarebbe assurdo incolpare chi indossa una divisa ed avrà ricevuto diciamo ‘istruzioni’ e direttive.
Il veicolo multato (per chiarezza non appartiene a chi scrive queste note) non era di intralcio né al traffico veicolare, né ai pedoni, semmai in zona di ciottolato dove non è consentito parcheggiare. Con un’eccezione curiosa perchè l’auto che si intravvede sullo sfondo e che si trovava li ben prima di quella multata non è stata contravvenuta. Forse munita di un pass ? Non lo sappiamo.
Anche in valle Arroscia è boom di tamponi e la farmacia espone il cartello: coda per tamponi

 

 

 

 

Avatar

Trucioli

Torna in alto