Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Ceriale il vice sindaco ‘spazzino’ nel Torsero e San Rocco. Albenga ordinanza pulizia fossati e canali ma c’è chi segnala: non è cambiato nulla

Un vice sindaco che si ‘sporca le mani’ o forse usa i guanti. Sta di fatto che a Ceriale Luigi Giordano, affermato mister preferenze, svolga di domenica e da volontario il ‘lavoro’ di spazzino dei rii che sfociano a mare. E’ vero che nei pioccoli comuni non è difficile incontrare sindaci, assessori che indossano l’abito del cantoniere. Il ‘caso Ceriale’ appare obiettivamente unico. Ad Albenga ordinanza per pulizia fossati e canali, ma c’è chi segnala: è tutto come gli anni scorsi.

Il vice sindaco Giordano sorpreso alla foce del rio Torsero, con la volontaria Delfi Fracchia, al termine della mattinata trascorsa a raccogliere la rumenta nel corso d’acqua. E’ domenica 12 settembre. Utile annotazione. In passato hanno cementato la pavimentazione del tratto finale per alcune centinaia di metri. Non è l’unico esempio di cementificazione di corsi d’acqua nella zone urbanizzate delle nostre città. A Ceriale è stata una soluzione praticata in lungo ed in largo. E non ha risparmiato le esondazioni, con il San Rocco che  trascina acqua e melma in centro città.

Non è uno spaccato per promuovere la propria immagine ed incrementare ulteriormente la caccia alle preferenze la prossima tornata elettorale, tra poco meno di due anni. E forse il ritorno ad una lista con Luigi Giordano candidato sindaco e la probabilità che sia premiato primo cittadino. Accade che il cronista sorprenda del tutto casualmente, una domenica mattina di settembre, il vice sindaco al termine della mattinata nell’alveo del rio Torsero e dopo aver ultimato la pulizia del rio san Rocco. Ovviamente si tratta dei tratti terminali sotto e poco sopra l’Aurelia. Il bottino come documentano le immagini sono sacchi e sacchi ricolmi e in attesa di essere smaltiti dal servizio di Nettezza Urbana.

Il vice sindaco Giordano  all’opera  con la volontaria cerialese doc Delfi(na) Fracchia, il papà compianto gestiva una fiaschetteria in centro città.  “E ora diranno che voglio farmi pubblicità…..”. In effetti il volontariato risale al 2018 subito dopo  essere stato eletto. Si è fatto promotore di un gruppo di volontari che ‘puliscono’ gli angoli delle strade, marciapiedi, dell’immediata periferia e della prima zona collinare, raccogliendo quanto i cittadini ‘incivili’ abbandonano. Un’opera, questo si, che è stata raccontata attraverso i social,  pagine Facebook e La Gazzetta di Ceriale. Un buon esempio di civismo e di tirarsi su le maniche. Poi le critiche (vedi sotto) sul servizio di raccolta rifiuti urbani ad opera della SAT, i costi, sono altra cosa.

Resta la realtà di un pubblico amministratore che dedica una domenica d’estate, con le spiagge affollate e la città invasa da turisti, a pulire i rii dalla rumenta abbandonata da altri cittadini e turisti. “Lasciano di tutto – commenta Giordano – e da non credere cosa raccogliamo e finisce nei sacchi.”. Ma ripetiamolo, il vice sindaco è stato davvero sorpreso e del resto è pure difficile che un vecchio cronista si aggiri alla periferia di una cittadina e si ritrovi con una sorpresa non certo abituale almeno dalle nostre parti.

CERIALE- RODOLFO SANNA: RIFIUTI I CONTI DEL COMUNE (1 MILIONE 600 MILA) E LA S.A.T. SPA- AGOSTO 2021

Due anni fa, con l’affidamento alla ditta S.A.T. S.p.A., a Ceriale aumentava il costo del servizio di raccolta rifiuti del 6%. Recentemente è stato prorogato il contratto, da Luglio a Dicembre 2021, per un ammontare di quasi 800 mila Euro, quindi a Ceriale paghiamo circa 1,6 milioni di Euro l’anno solo per la raccolta rifiuti, in quanto i costi di smaltimento sono a parte.
La giunta ha sempre proclamato che il servizio sarebbe decisamente migliorato, nelle immagini avete un piccolo quadro di quanto accade in questi giorni, ma potete verificare voi stessi facendovi un giro per il paese guardando con i vostri occhi (e sentendo con il vostro naso). Posso dire che quello che ho trovato sicuramente migliore della precedente gestione è l’area dell’ecocentro, più ordinata e pulita e gli operatori sono impeccabili e fanno il loro lavoro egregiamente e con cortesia.  Indubbiamente il rifiuto non va lasciato fuori dai bidoni, ma se questi sono evidentemente sotto-dimensionati non si può dare tutta la colpa ai cittadini.
Gli utenti vanno messi in condizione di rispettare le regole per il conferimento, vanno periodicamente istruiti sulle regole del corretto conferimento ed a quel punto gli incivili (che probabilmente saranno pochi) vanno sanzionati. I cittadini non possono e non devono tenere la rumenta in casa o portarla autonomamente all’ecocentro, soprattutto se parliamo di anziani e categorie fragili in genere!  La capienza dei bidoni è inadeguata e, come ripeto da tempo, va dimensionata per sopportare i periodi di massima affluenza, altrimenti il problema non si risolverà mai.
Le isole ecologiche condominiali sono una modalità di conferimento obsoleta e fallimentare perché non permettono di raggiungere alte percentuali di differenziata e soprattutto alte percentuali di reale destinazione al riciclo dei rifiuti. Inoltre passando nel periodo estivo vicino ad ognuna di esse si sente una puzza nauseante. Bisogna cambiare subito direzione progettando un sistema di raccolta di porta a porta spinto che premi i cittadini virtuosi predisponendo una tariffa puntuale!
E’ sotto gli occhi di tutti il fatto che il servizio non è migliorato e le responsabilità sono di chi amministra Ceriale e non ha avuto la capacità e forse neanche la volontà di analizzare il fabbisogno del paese per pianificare una raccolta rifiuti differente dal passato!  Ceriale merita più attenzione al decoro, quanto ancora dovremo attendere per avere un servizio di raccolta rifiuti che ci meritiamo ed adeguato a quanto paghiamo?

Rodolfo Sanna
Meetup Ceriale in MoVimento

ALBENGA 26 AGOSTO -Ordinanza pulizia fossati e canali

Comunicato stampa – Terminati gli interventi di pulizia straordinaria del fiume Centra, rio Carenda, Avarenna e canale sito in Reg. Bagnoli a Leca d’Albenga – oltre a quelli effettuati su di rio Inferno e Ciambellino – l’Amministrazione sta già riservando altre risorse per la sicurezza idrogeologica del territorio e per proseguire i lavori su altri rii così come avviene secondo la programmazione che prevede, a rotazione interventi su tutto il territorio.

Per garantire la sicurezza idrogeologica del territorio e per ragioni igienico-sanitarie, inoltre, il sindaco di Albenga Riccardo Tomatis ha firmato ordinanza rivolta ai proprietari, possessori o detentori di terreni prospicienti le strade e confinanti con fossi e canali siti nel Comune di Albenga intimando loro di provvedere, entro e non oltre il 31 ottobre 2021 : alla pulizia e ripristino delle originarie sezioni e livellette di fossi e canali ostruiti da detriti e rifiuti di ogni genere;

  • a rimuovere ogni materiale che ostacoli il regolare deflusso delle acque, ripristinando le condizioni di regolarità;
  • a ripristinare i fossi di scolo delle acque eventualmente abbandonati o eliminai per l’introduzione di nuove tecnologie colturali in agricoltura;
  • ad effettuare il taglio delle piante cresciute negli alvei e lungo le sponde dei corsi d’acqua;
  • ad effettuare il taglio delle siepi e dei rami che si protendono sui corsi d’acqua e sul suolo pubblico.

È fatta salva, inoltre, l’obbligo di effettuare costante, continua e regolare manutenzione dei fossi stradali e di scolo dei terreni che, se abbandonati o intasati, devono essere ripristinati. Si avverte che, trascorso infruttuosamente il termine perentorio del 31 ottobre senza che si sia ottemperato a quanto richiesto, si provvederà d’ufficio all’esecuzione della pulizia e le spese derivanti verranno addebitate ai soggetti inadempienti. Inoltre, la violazione di tali disposizioni darà luogo all’applicazione della sanzione amministrativa prevista dalla normativa e dal Regolamento di Polizia Rurale.

DA PINO BRIOZZO (pagina Facebook) – Qualcuno di voi ha visto qualche lavoro di miglioramento dei rii e dei fossi di scolo nel territorio comunale di Albenga? Io no! Sta arrivando il periodo delle piogge ed è tutto come gli anni scorsi. Preparatevi a lamentarvi come è di solito fare. Penso che non servano delle piogge abbondanti come quelle di questo filmato per creare problemi e disagi ad Albenga e dintorni…..

Avatar

Trucioli

Torna in alto