Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

‘Stadio Alassio Parking’, la svolta. Il Palazzo esulta e spiega. Delusione di un cittadino acquirente. Due esposti archiviati e causa in corso

350 box e 28 posti auto privati: 378 unità immobiliari ricomprese nel condominio “Stadio Alassio Parking”. Nelle casse comunali dovrebbero entrare 3 milioni di €. Si dice soddisfatta l’assessore al Patrimionio, la commercialista dr.ssa Patrizia Mordente. E l’arch. Marco Melgrati sindaco: la somma ci permette l’acquisto della Piccola della Stazione e il relativo sopralzo per altri 200 posti auto in centro città. Non manca il cittadino deluso: tra i primi acquirenti. Ha cercato di ottenere giustizia anche con due esposti, ma archiviati. Resta in piedi una causa civile. Asseriti danni da infiltrazioni per mezzo milione di €.

Via all’alienazione del diritto di proprietà su box e posti auto di Alassio Stadio Parking

COMUNICATO STAMPA – Chi già in possesso del diritto di superficie potrà acquisire l’intera proprietà. Dal ricavato dell’operazione circa 3 milioni di Euro per l’acquisizione e l’ampliamento a 200 posti auto del parcheggio della Piccola della Stazione. ​Si tratta di 350 box e di 28 posti auto privati per un totale di 378 unità immobiliari ricomprese nel condominio “Stadio Alassio Parking“.

L’assessore Patrizia Mordente

“Viste le numerose richieste – spiega l’Assessore al Patrimonio Patrizia Mordente – abbiamo recentemente deliberato di concedere il passaggio da diritto di superficie novantanovennale a diritto di proprietà ed affrancazione del vincolo di prezzo imposto convenzionalmente”. “A tal fine – aggiunge Mordente – non solo nel corso del Consiglio Comunale del 29 luglio scorso i box e i posti auto facenti parte del condominio “Alassio Stadio Parking” è stato inserito negli immobili di proprietà comunale suscettibili di alienazione e/o valorizzazione per il 2021, ma l’Ufficio Tecnico Comunale ha anche redatto una perizia di stima  dell’immobile per identificare il valore di mercato del diritto reale oggetto di alienazione. In buona sostanza quanti già in possesso del diritto di superficie novantanovennale, hanno ora la possibilità di entrare definitivamente in possesso della totale proprietà del box o del posto auto”.

La somma individuata per acquisire il diritto di proprietà di box e posti auto  è di Euro 4.263,09 a millesimo della ripartizione generale, somma che potrà essere versata in un’unica soluzione o in quattro rate trimestrali da concordarsi all’atto di vendita. “Un’operazione che potrebbe portare nelle casse comunali – aggiunge Mordente – circa tre milioni di Euro. In proposito gli uffici si stanno già attivando per gestire le pratiche, soprattutto a fronte delle richieste già pervenute”.

“Mi piace pensare – aggiunge Marco Melgrati, Sindaco di Alassio – che le somme ricavate dall’alienazione dei diritti di proprietà di box e posti auto dell’Alassio Stadio Parking possano permetterci di procedere con l’acquisto della Piccola della Stazione e il relativo sopralzo per la realizzazione di altri 200 posti auto nel pieno centro della città, progetto peraltro già previsto dalle stesse Ferrovie e per il quale rileveremmo quindi un iter già avviato”.

IL CITTADINO ACQUIRENTE  DI CUI ABBIAMO PREFERITO OMETTERE IL NOME, PERALTRO NOTO NEGLI STESSI UFFICI COMUNALI CHE HANNO SEGUITO NEL CORSO DEGLI ANNI LA PRATICA, CI SCRIVE ALCUNE RIFLESSIONI.

…..Grazie per quello che trucioli.it, in solitudine rispetto ad altri mass media locali, ha raccontato condividendo o meno la mia delusione e purtroppo la rassegnazione di fronte ad  ingiustizie e l’ uso della cosa pubblica che si prospetta di vendere ai privati, distribuendola in piccole dosi, delle quali alla fine c è chi ne prende più di altri pur essendo teoricamente di tutti noi e per la quale tutti siamo chiamati a contribuire in misura proporzionale attraverso le imposte.

Alassio Parking una strana (?) società dove tutti sono uguali perché hanno pagato lo stesso prezzo ma votano in assemblea in modo diverso con qualcuno che conta più di altri per quota millesimale. Situazione ridicola o sbaglio ?

Il prezzo imposto dalla società era per il finanziamento dell’ opera. Il prezzo unitario box era stato annunciato dal Comune per unità da 18 mq che poi son diventate tutte diverse con caratteristiche diverse e vendute allo stesso prezzo.  Si è perso un’occasione di trasparenza e …….applicando la tabella millesimale dei tre si è confermato che il condominio del quale non so perché, c’è chi non ne fate parte, ma  corresponsabili delle infiltrazioni e dei danni in quanto proprietari.
Ha ricevuto e letto copia delibera 258 della giunta comunale di Alassio per Alassio Parking. A mio modesto avviso restano molti interrogativi; per esempio valore probabile – perizia stima da approvare- prezzi convenzione imposti ?! Prezzo stato di fatto nonostante causa infiltrazioni in corso, valutata 500.000 euro che andrà a sentenza 2022, salvo rinvii  e ulteriori ricorsi.
Resto del pare che il comunicato  stampa sia stato redatto in modo approssimativo, incompleto e non chiaro per chi legge, ma la sostanza dovrebbe rimanere per i prezzi iniqui prima al 100% e dopo lo saranno al 90%.
Vorrei spiegazioni di cosa vuol dire 4263 € millesimo della ripartizione generale? Se un box da 18 mq  e di 80 millesimi vale 336000€. Per capire come sarà valutato un box in concessione per diventare proprietà privata.
Il comunicato è fatto male ma come sospettavo la sostanza non cambia e le ingiustizie forse non saranno sanate,  il favoritismo originale rimane così come la iniquità e l’ ingiustizia rimangono nonostante trattasi di bene pubblico ceduto ai privati dove qualcuno è stato favorito più di altri.
Il problema – controversia annosa si dovrebbe chiudere ormai con o senza soluzione o la emersione dei presunti misfatti. Nonostante l’impegno di trucioli.it non è scaturito quasi nulla di quello che mi sarei immaginato. E cioè i torti, le iniquità o ingiustizie perpetrate utilizzando un bene pubblico il cui valore è stato distribuito sotto forma di concessione e poi privatizzato.
Finisco ricordando il vostro primo servizio nel 2015  mi era molto piaciuto e dove auguravate che qualcuno leggendolo avrebbe potuto mettere le mani sul presunto misfatto segnalato (Finanza, carabinieri, polizia) in un mondo sempre più degradato e di impunità. Invece sono trascorsi sei anni. Il mio dovere l’ha fatto, con le mie povere forze. Resto tra i cittadini delusi della verità e della giustizia. Uguali diritti, uguali doveri ? Non è così. Ripeto: non accuso ma mi sento solo in una battaglia che avrebbe dovuto raggiungere per altre conclusioni.
Sempre in attesa di smentite, rettifiche, precisazioni, nessuna accusa, ma ancora domande, domande. Non è forse strano che nessuno mi abbia risposto salvo che, secondo loro che gestiscono la Cosa Pubblica , l’unica risposta sia quella di rivolgermi ad un avvocato ?  Il cittadino ha o non ha diritto di chiedere conto dell’ uso che si fa in un progetto che coinvolge sfigati Sic e fortunati ?”

 

Avatar

Trucioli

Torna in alto