Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Sanremo, paziente e medico, un libro
andata e ritorno dall’aldilà e guarito.
Santa Barbara a Ventimiglia con i marinai

A villa Ormond si è svolta la presentazione del libro autobiografico del giornalista Arturo Croci il cui titolo, “Coma – La vita in un altro tempo” (Patrician Press 2018). Altro non è che lo stato clinico nel quale l’autore ha compiuto il percorso aldilà, andata e ritorno. Un coinvolgente ed istruttiva testimonianza che l’autore ha vissuto, in coma, nel reparto di terapia intensiva degli Ospedali Riuniti di Bergamo. Altra notizia. Domenica 2 dicembre, a Ventimiglia, solenne cerimonia per festeggiare S. Barbara, Patrona della Martina Militare. Partecipano anche i gruppi delle Associazioni d’Arma degli Artiglieri, del Genio, dei Vigili del Fuoco, Artificieri, Geologi, Architetti, Minatori. Quest’anno è anche il 57esimo di fondazione, unitamente al Gruppo Aggregato di Vallecrosia e ai Marinai Francesi Ammac di Cannes.

COMUNICATO STAMPA – Come consuetudine, la ricorrenza di S. Barbara, Patrona della Marina Militare italiana, ci ritroverà uniti con i  Gruppi delle Associazioni d’Arma degli Artiglieri, del Genio, del Corpo Vigili del Fuoco, degli Artificieri, dei Geologi, degli Architetti, dei Minatori e di tutti coloro che riconoscono in Lei la loro Patrona.  Quest’anno si festeggia il cinquantasettesimo anno di  fondazione, unitamente al Gruppo Aggregato di Vallecrosia e ai Marinai Francesi AMMAC di Cannes, coi quali abbiamo sottoscritto un “ patto d’amicizia ”.

Presenzierà la Funzione religiosa S.E. il Vescovo  con il Parroco don Angelo Di Lorenzo.   Saranno presenti i Gruppi e le Associazioni della Costa Azzurra unitamente agli iscritti all’Associazione Pescatori Sportivi di Ventimiglia con i quali condividiamo la loro sede estiva.

La manifestazione è fissata per domenica  2 dicembre 2018.  

Il programma della stessa, verrà svolto nel seguente ordine: 

–  ore  09.40     Ingresso Vessilli in Chiesa e sistemazione ospiti ed Autorità.;

            –  “     10.00      Funzione religiosa officiata da S.E. il Vescovo nella  Parrocchia di S. Agostino;

            –  “     10.55      Fine Messa: omaggio delle Autorità ai  Vessilli  presenti alla cerimonia religiosa;

            –  “     11.00      Funzione d’Arma con formazione del corteo per il Monumento Marinai: Alzabandiera; Deposizione Corone dei Gruppi Francesi e Italiani; Premiazioni; Allocuzioni; Inno della Marina;

Presterà servizio la Banda Musicale “Città di Ventimiglia” ; il Coro di S. Agostino diretto da  Graziella Balestra D’Alessandro con, all’organo: L. Galluccio, il Gruppo Patronesse dell’ANMI; il Gruppo Sbandieratori;  Presenzieranno Autorità civili ed Ufficiali delle varie Armi.  Rinfresco presso “la Caravella” (g.c.) –

Graditissima sarà la partecipazione alla cerimonia; per i marinai, sarà gradita la  divisa sociale, mentre per le Signore è gradito il  “foulard” marina. 

Seguirà, per chi lo desidera, alle ore 13.00, il  pranzo sociale con  ricchissimo  menù e trattenimento danzante presso il ristorante “rio del mulino” via provinciale per Rocchetta – Dolceacqua – tel.0184.206241

Per motivi organizzativi, la partecipazione al pranzo è subordinata a prenotazione obbligatoria da effettuarsi entro il 26 novembre presso la Sede Marinai (dalle ore 10 alle 12 – tel e fax: 0184.33358 – anmiventimiglia@libero.it)  e, comunque, fino ad esaurimento posti; la quota di partecipazione è  fissata in  € 37 a persona. Bambini metà quota.

In tale occasione, il Presidente ed il Consiglio direttivo saluteranno i convenuti e si accomiateranno da loro per il termine del mandato quadriennale che terminerà a febbraio 2019.

Ventimiglia,  6 novembre 2018, Il Presidente, ( Cap.  D. De Marco )

DA SANREMO SUL CAMMINO VERSO L’ALDILA’, ANDATA E RITORNO

Presentazione del libro “COMA, la vita in un altro tempo” per ‘ viva la vita‘ !

A villa Ormond, lo scorso martedì 20, si è svolta la presentazione del libro autobiografico del giornalista Arturo Croci il cui titolo, “Coma – La vita in un altro tempo” (Patrician Press 2018), altro non è che lo stato clinico nel quale l’autore ha compiuto il percorso aldilà, andata e ritorno. Il libro racconta la vita che l’autore ha vissuto in coma nel reparto di terapia intensiva degli Ospedali Riuniti di Bergamo, dal 15 dicembre 2005 al 9 gennaio 2006 in seguito ad un aneurisma all’arco aortico con disseccamento dell’aorta. Tredici anni fa era pressochè impossibile sopravvivere a tale patologia ma grazie alla professionalità e al coraggio del Dott. Maurizio Tespili, alla forte fibra del paziente e anzitutto all’amore per la vita, Arturo Croci non solo ha evitato di essere strappato alla vita, ma è tornato di qua con le sue funzioni cerebrali indenni, ed ha compiuto sforzi indescrivibili, nei quattro anni successivi, fino al recupero della mobilità.

L’autore del libro Arturo Croci firma la dedica ai partecipanti

Arturo Croci, nato a Vernasca nel piacentino, diede vita nel lontano 1975 a Flortecnica, una rivista mensile ancora oggi molto diffusa tra i florovivaisti italiani e ha sempre avuto un legame particolare con il ponente ligure dove è orgoglioso di avere una notevole concentrazione di amici pur avendo viaggiato molto in tutto il mondo. E gli amici veri non si sono fatti pregare; alla presentazione del suo libro, Arturo ha raccolto una eccezionale quantità di qualificate presenze. Lo ha sottolineato il Sindaco di Sanremo, Alberto Biancheri, nel suo discorso introduttivo: in poche altre occasioni mi è capitato di vedere tanti floricoltori e tutti i dirigenti degli enti pubblici e delle associazioni del settore florovivaistico.

Erano presenti Beruto Dr.ssa Margherita, direttore dell’Istituto Regionale per la floricoltura, Santamaria Dr.ssa Sandra, presidente della locale sezione di Confagricoltura, di Gimelli dott. Fiorenzo, direttore del Centro Ligure per il florovivaismo, di Franco Barbagelata, direttore del mercato fiori, Claudio Bagnoli già direttore della locale Unione Agricoltori, Ancef e assessore alla floricoltura, Ennio Fazio, già sindaco di Ceriale e Presidente della sezione piante e Fiori del Copa-Cogeca dove operava anche Arturo come portavoce delle tre organizzazioni professionali italiane.

Tanti altri gli amici che sono intervenuti vivacizzando il dibattito condotto e guidato da Rinaldo Sartore,  pioniere della floricoltura per le rose in vaso e amico di lunga data di Arturo. Fra gli intervenuti: Valter Pironi, già direttore della Scuola di Minoprio, Chicco Pastorino, fondatore della Scuola Pianeta, Tito Schiva e Enrico Farina, rispettivamente ex direttore e ricercatore dell’Istituto Sperimentale per la Floricoltura. Il Dott. Eugenio Nocita, Assessore alla cultura ma anche chirurgo, oltre all’intervento sui contenuti del libro, è stato chiamato a spiegare gli effetti del  coma farmacologico. Alberto Gulglielmi Manzoni è stato capace di riassumere in modo efficace la carriera di Arturo Croci, ponendo l’accento, fra l’altro, su alcuni aspetti della filosofia di vita dell’autore che possono sfuggire a una analisi superficiale.

Il libro si conclude infatti con una citazione di Carlos Castaneda che l’autore ha fatta sua e che sintetizza la volontà di continuare a lottare per vivere “ognuno di noi deve far fronte a delle sfide … le sfide non sono ne buone ne cattive … sono solo sfide”. Il Saluto finale di Arturo … “spero che la mia esperienza serva ad aiutare gli altri a vivere pienamente la vita … viva la vita”.

Il saluto del sindaco di Sanremo, Biancheri
Avatar

Trucioli

Torna in alto