Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Alassio, il mini terremoto scuote il palazzo
dopo Invernizzi a chi tocca, all’imprenditore
Melgrati solidarietà anche a Pizzimbone

E’ caduta la prima testa nell’inchiesta che in 24 ore ha travolto l’assessore Rocco Invernizzi, già presidente del consiglio comunale ‘esautorato’ e riabilitato,  47 anni, laurea in giurisprudenza, amministratore di condomini. Chi sarà il secondo ?  Il terzo ? In ambienti legali, solitamente informati, si sussurra di un imprenditore assai vicino alla maggioranza che ha portato all’elezione del sindaco Marco Melgrati con il 33% dei voti, un alassino su 3, ma alle urne si era recato solo il 60% degli aventi diritto. Ora suonano a beffa le parole di esordio pronunciate dal tre volte sindaco: “Occorre far funzionare al meglio la macchina comunale perchè ha bisogno di molto olio nelle ruote che si sono inceppate”. Ironia della sorte, l’indagine scaturirebbe proprio da un’asserita pratica ‘oleata da bustarelle’.  Un’estorsione in particolare. ULTIMA ORA: Il sindaco Melgrati scrive la piena solidarietà a Pier Paolo Pizzimbone, vice presidente di Politica per passione coinvolto di un’inchiesta per presunta estorsione.(vedi sotto).Poichè è fuori da ogni logica che uno possa fare tutto da solo in una pratica amministrativa, furto escluso, chi sono gli altri ? Invernizzi, innocente fino a prova contraria, sottoposto ad indagine e secondo la tesi accusatoria, da dimostrare in giudizio, avrebbe agito in concorso.

MELGRATI ED INVERNIZZI SI SONO FATTI RITRARRE INSIEME NEL MOMENTO DELLA CONSEGNA DELLE DIMISSIONI

La rosa dei presunti complici, sempre ammesso che si raggiungano le prove a sostegno delle accuse, pare abbastanza ristretta. Qualcuno sostiene di aver individuato un possibile secondo indiziato in una delle foto che trucioli.it aveva pubblicato ed in altre immagini in cui si vede il candidato sindaco Melgrati intento a fare la conta dei voti. A questo punto il cerchio si ristringe. Potrebbe trattarsi del presidente del consiglio comunale, avv. Massimo Parodi ? Nel 2016 era subentrato a Invernizzi. Non scherziamo, bando ai voci maligne. Il professionista alassino è conosciuto come persona irreprensibile,  grande passione per la politica, dedizione più al Comune che allo studio legale.

Non si può pensare che le  perquisizioni disposte nei confronti dell’indagato Invernizzi (negli uffici comunali e nell’abitazione), non siano avvenute  in casa e nello studio del presunto complice/i.  E si perchè se siamo in presenza di estorsione, per l’accusa, la vittima ha denunciato. Se invece è in ballo la corruzione c’è chi sapeva ed ha dato informazioni abbastanza circostanziate. Ecco che in trappola sono in due o più.

Un titolo significativo ma c’è chi ha aggiunto ironicamente ‘un pacco di bustarelle’, magari si riferiva agli omaggi delle feste natalizie

Bisogna dire che già nelle prime nelle ore, successive al blitz, si erano rincorse voci del coinvolgimento dell’imprenditore e frequentatore del palazzo comunale alassino Pier Paolo Pizzimbone che molti conoscono impegnato nell’agone di Politica per Passione, poi Fratelli d’Italia a livello provinciale, lo stesso schieramento in cui è iscritto Invernizzi. Assia meno nota, di Pizzimbone, la passata attività negli  ambienti del volontariato quale Socio attivo come Soccorritore e Vice Presidente della Croce d’Oro di Imperia-Cervo. E uno scranno da parlamentare, per un breve periodo, eletto in un collegio siciliano nella surroga di un dimissionario. L’imprenditore del settore Nettezza Urbana ed affini, insieme al fratello con interessi su scala nazionale (Biancamano Spa quotata in borsa), non sarebbe estraneo alle accuse contenute nel provvedimento del sostituto procuratore Chiara Venturi. Di conseguenza si possono immaginare analoghe perquisizioni ed acquisizioni di documenti, e magari qualcosa di più. Si aggiunga che il difensore di Invernizzi, l’avv. on. Franco Vazio, in attesa di conoscere le carte, gli elementi accusatori, fase che avverrà solo con il deposito degli atti, ha chiarito che ‘nessun corpo di reato‘ è stato trovato nella perquisizione dell’assistito, esito negativo dunque. L’obiettivo della Polizia (squadra mobile) era di trovare una ‘mazzetta‘ ed altri elementi utili alle indagini ? Si indica pure la somma: 16 mila euro.

E’ possibile che nell’indagine sia coinvolta la persona che appare di schiena sulla destra della foto e lo ritrae il giorno dello scrutinio. Si tratterebbe di Pizzimbone ?

Ancora una considerazione. L’avv. Vazio è il difensore che ha assistito Melgrati durante gli anni e con 30 fascicoli che lo vedevano imputato, sempre assolto e qualche prescrizione. E’ stato lui a consigliare le dimissioni di Invernizzi ? ma nel contempo il sindaco ha espresso nel confronti dell’assessore la “convinzione‘ che saprà fare chiarezza. Resta il nodo del possibile coinvolgimento del big Pizzimbone che metterebbe comunque in difficoltà l’amico di lunga data, Melgrati appunto.

C’è un altro dato di fatto e di cronaca. Il Comune di Alassio, in assoluto, almeno negli ultimi 10- 15 anni, vanta il primato  provinciale di inchieste giudiziarie. Alcune si sono concluse, almeno nei primi gradi di giudizio, con condanne, altre con assoluzioni, per altre ancora non è noto l’esito finale e quali ancora in attesa di sentenza definitiva. Un Comune sicuramente chiacchierato dove tuttavia sarebbe ingiusto accomunare  tutti o la maggioranza degli amministratori. Le mele marce, come si suole dire, sono state o potrebbero

Una serata di svago per Pizzimbone anche e le assessore di Alassio

essere (anche con la nuova inchiesta) una schiacciante minoranza. Resta il fatto di un pantano che, ad intervalli, fa parlare di se. Un sistema da cancrena inguaribile. Creando inevitabilmente un clima di sfiducia in un Paese, l’Italia, che ha il primato europeo quanto a corruzione ed evasione fiscale. Alassio pecora nera,  ma anche la cittadina più ricca e dove forse le tentazioni sono maggiori in una realtà politica assai deteriorata. Forse non era casuale la proposta di quel gruppo che chiedeva di formare una lista all’insegna del rinnovamento totale, nessun esponente che abbia ricoperto cariche pubbliche e comunali negli ultimi 10 anni. Proposta bocciata a larga maggioranza.

ULTIMA ORA:

Il Presidente del movimento Politica per Passione Marco Melgrati vicino al vicepresidente Pier Paolo Pizzimbone e all’associato Rocco Invernizzi nella triste e infamante vicenda che li vede coinvolti.

Marco Melgrati, Sindaco di Alassio e Presidente di Politica per Passione, esprime la propria solidarietà e vicinanza al vicepresidente del movimento Politica per Passione e all’associato Rocco Invernizzi per l’indagine che li vede coinvolti. Personalmente mi auguro che la Magistratura inquirente, di cui ho estrema fiducia, faccia nel breve piena luce su questa vicenda che ha del fantascientifico nei modi e nei fatti… Per come conosco io sia Pier Paolo Pizzimbone che Rocco Invernizzi trovo assurdo che possano anche solo per sbaglio essere coinvolti in una vicenda così assurda, infamante e vergognosa. Peraltro spero che, dopo che la Magistratura inquirente abbia fatto i propri accertamenti e scoperto il colpevole (di qualunque natura di reato si tratti), la punizione sarà esemplare.

IL COMUNICATO STAMPA DEL SINDACO MELGRATI

Nella giornata di oggi l’Assessore Rocco Invernizzi ha presentato nelle mani del Sindaco Melgrati le dimissioni dalla carica di Assessore con tutte le sue deleghe Ambiente, Lavori Pubblici, Informatica e Servizi Cimiteriali.
“L’Assessore Invernizzi – spiega il Sindaco Melgrati – ha compiuto un gesto consapevole, non dovuto, nel segno dell’opportunità e del rispetto delle istituzioni, per poter meglio chiarire la sua posizione e difendersi con serenità senza creare intralcio alcuno all’amministrazione. Lo ringrazio per questo gesto e, nella convinzione che saprà fare chiarezza sulla sua posizione, accolgo le sue dimissioni senza provvedere a una vera e propria ridistribuzione delle deleghe. Terrò personalmente ad interim quella all’Ambiente, nella convinzione che debba essere rispettato al 100% il capitolato di appalto, cosa disattesa fino ad ora come emerge dai numerosissimi rilievi sollevati dai tecnici incaricati. Sempre ad interim, affiderò al Vice Sindaco Angelo Galtieri quelle ai Lavori Pubblici, Informatica e Servizi Cimiteriali”.
Nel corso del Consiglio Comunale convocato per questa sera sarà ufficializzato, al Consiglio tutto, il nuovo temporaneo assetto della Giunta.
I COMUNICATO STAMPA DEL COMUNE: PARLA INVERNIZZI

Perquisizioni all’Assessorato Ambiente.

Invernizzi: “Completamente estraneo ai fatti. Sempre spinto per controlli e verifiche”. “Nella giornata di ieri, martedì 27 novembre,  gli uffici in Comune ad Alassio e la mia residenza e le relative pertinenze sono state oggetto di perquisizione da parte della Squadra Mobile della Polizia di Stato Savona e Genova in merito a un’indagine condotta dalla Procura della Repubblica di Savona che mi vede coinvolto. Perquisizioni che peraltro non hanno dato alcun esito”​. Rocco Invernizzi, Assessore all’Ambiente del Comune di Alassio commenta così gli eventi delle ultime ore: “Nel segno della massima trasparenza, che mi ha sempre contraddistinto, vorrei  precisare e ribadire la mia assoluta estraneità a qualunque fatto ascrittomi e/o che mi possa essere contestato”.

“Dall’insediamento di questa amministrazione – prosegue – e da che ho ricevuto la delega all’Ambiente ho sempre avuto come priorità solo quella di una città più pulita, stimolando gli uffici ad effettuare controlli puntuali, del rispetto del contratto e quindi del capitolato che lega il Comune di Alassio alla ditta incaricata dei servizi ambientali. In relazione a ciò gli uffici hanno evidenziato mancanze importanti da parte dell’azienda e quindi hanno applicato le relative sanzioni nel totale rispetto della legge, del contratto e soprattutto degli interessi dei cittadini. Ho pertanto piena fiducia nella Magistratura inquirente, E sono certo, che la stessa potrà accertare la mia completa estraneità ai fatti.” “Esprimo la mia totale vicinanza e fiducia nei confronti non solo dell’Assessore Rocco Invernizzi – dichiara Marco Melgrati, Sindaco di Alassio – ma anche dell’attività di controllo attuata da parte degli uffici che ha portato a svariate contestazioni nei confronti del gestore del servizio, cosa che non si può dire sia stata fatta negli ultimi cinque anni”.

ALASSIO CON LUCA ABETE (STRISCIA LA NOTIZIA)

Comunicato stampa – Sulla Giusta Strada: gran finale

Il sindaco Melgrati con Luca Abete di Striscia la Notizia

Le forze dell’ordine del territorio hanno incontrato gli studenti delle scuole locali in una settimana che è stata un percorso formativo per imparare a camminare… Sulla Giusta Strada. Oggi e domani Luca Abete per il progetto “Non ci ferma nessuno” simpaticamente accolto dal sindaco Melgrati. ‘E’ difficile spiegare nel dettaglio cosa sia “Sulla Strada Giusta” – spiega Francesco Parrella, Comandante della Polizia Municipale di Alassio – o meglio cosa sia diventata, dopo che l’idea di unire tutte le forze di polizia del territorio di fronti agli studenti della zona, di ogni età, si è concretizzata quattro anni fa in un appuntamento consolidato dell’autunno alassino. La collaborazione tra la nostra Polizia Municipale e la Polizia di Stato, l’Arma dei Carabinieri, il Corpo della Guardia di Finanza e la Capitaneria di Porto – Guardia Costiera, offrirà ai ragazzi che prenderanno parte a questa settimana di incontri la possibilità di ricevere messaggi formativi di straordinaria importanza, utili e di strettissima attualità”.

Dal 26 novembre e ancora per domani, venerdì 30 novembre gli allievi delle scuole di ogni ordine e grado della città di Alassio e comprensorio (ci saranno anche istituti di Albenga, Garlenda, Ortovero e Cisano sul Neva) sono stati e saranno coinvolti  in una serie di incontri presso il Palazzetto dello Sport di Alassio su un programma che nella sua ricchezza ha il pregio di toccare temi coinvolgenti di sicuro appeal su un pubblico tanto dinamico, quanto complesso da attrarre. Si parlerà di droga e contraffazione (Guardia di Finanza), soccorso in mare ed immigrazione (Capitaneria di Porto), bullismo e stalking (carabinieri), educazione stradale (Polizia Municipale e Polizia Stradale), rischi del web e dei social network (Polizia Postale), mentre la Polizia Scientifica ricostruirà completamente una scena del crimine. Incontri, sessioni informative, spettacoli e special guest per fornire una vasta e dettagliata serie di informazioni e per rapportarsi con le forze dell’ordine, conoscere la loro attività ma soprattutto per vivere rispettando il prossimo, le regole del vivere civile, del rispetto dell’ambiente, del proprio contesto sociale. Sarà presente una delegazione dell’Acquario di Genova ad illustrare il Santuario dei Cetacei “Pelagos”, i volontari dell’Avis per sensibilizzare i più grandi alla donazione del sangue, Amnesty International che ricorderà il 70° della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani e la famiglia Guarnieri che nel ricordo del figlio Lorenzo, tragicamente scomparso sulle strade di Firenze, ammonirà i ragazzi sulla necessaria attenzione da prestare alla guida dei veicoli.

Per il gran finale oggi e domani graditissima la presenza di Luca Abete, noto inviato di Striscia la Notizia per presentare il suo progetto “Non ci ferma nessuno” per chiudere con il sorriso ma anche con tanta consapevolezza del proprio ruolo di cittadini, per camminare… Sulla Strada Giusta. Ad accoglierlo anche il primo cittadino di Alassio, Marco Melgrati che si è intrattenuto durante la mattinata con qualche siparietto di simpatica condivisione con i professori e lo stesso Abete.

IL GIORNALISTA ALASSINO LA CORTE PRESENTA IL SUO LIBRO A IMPERIA

ALASSIO VILLE PARADISO RINNOVATA

RESIDENZA PER ANZIANI DAL CONFORT FAMIGLIARE

Ancora una volta Alassio si distingue per l’eccellenza delle sue strutture. Questa volta si parla di anziani. Nel verde di Viale Sant’Erasmo inserita fra le più belle ville Liberty della città i due blocchi della Residenza godono di un giardino bellissimo con una stupenda vista sul mare. Per la direzione l’importante è “garantire un ricovero e un’assistenza che stimoli il recupero delle abilità, incentivandone la riabilitazione, favorendo il mantenimento di contatti con il loro ambiente affettivo e relazionale di provenienza.”

ELISIR DI LUNGA VITA NELLA RESIDENZA PROTETTA VILLE PARADISO- Il mare, il sole, i profumi del Ponente Ligure fanno i miracoli: ad Alassio Lunedì 12 novembre si è festeggiato privatamente il compleanno della Sig.ra Benedetta Gravagno, alassina che ha compiuto ben 101 anni. Il 4 dicembre alle ore 11 in occasione della presentazione ufficiale della Residenza Protetta alla stampa si ricorderà il compleanno centenario.

Sì perché ad Alassio la vita si allunga grazie anche all’umanità che si respira a Ville Paradiso.  Un’oasi per anziani con 33 posti letto di cui 13 privati che impiega solo personale privato che garantisce una cura dedicata per ogni ospite. Esattamente la filosofia di Ville Paradiso: qui ogni ospite è protagonista del suo tempo e della sua tranquillità oltre che del proprio benessere fisico e mentale.

Ad Alassio grazie a Ville Paradiso si invecchia con serenità e con tutte le cure dovute alla fase più importante della vita: la Residenza per Anziani Ville Paradiso è garanzia di efficacia ed efficienza perché attenta ai bisogni dei suoi ospiti; è competenza e professionalità perché il personale ha un continuo aggiornamento e un’esperienza cinquantennale nella gestione di case di riposo, cura e riabilitazione ma soprattutto si gioca la carta vincente dell’empatia attraverso rispetto della dignità della persona,  la disponibilità all’ascolto e la personalizzazione del servizio. La caratteristica unica e preziosa della struttura è la valorizzazione del tempo che i suoi ospiti trascorrono grazie al servizio di animazione impegnato ad organizzare attività volte a mantenere, a far emergere e sviluppare le capacità intellettive e pratiche di ciascun Ospite con la prioritaria attenzione ad ascoltare. Vengono predisposti piani settimanali in virtù degli spazi e delle attrezzature offerte dalla struttura. Sono previste attività motorie, ricreative e culturali sia negli spazi della struttura che nei giardini di Ville Paradiso.
ALCUNI NUMERI DELLA RESIDENZA PROTETTA

  • La residenza dispone di 33 posti letto di cui 20 convenzionati con il Servizio Sanitario Nazionale e Asl 2 Savonese e 13 privati.
  • La Residenza Protetta Ville Paradiso offre ai propri ospiti un’assistenza medica, farmaceutica e socio-sanitaria H24
  • Il medico è presente in struttura 3 volte la settimana ed è in funzione un servizio di guardia medica notturno.
  • Il terapista è presente in struttura 5 volte alla settimana al fine di permettere una continuità di lavoro del mantenimento delle funzioni motorie degli Ospiti.
  • Il Paziente può ricevere le visite dei parenti/conoscenti tutti i giorni dal lunedì’ alla domenica dalle 8:00 alle 20.00

GLI HIGHLIGHTS DI VILLE PARADISO

  • Una cucina interna che mette a disposizione dei propri ospiti un menù giornaliero vario, su base stagionale, in modo da offrire sempre prodotti freschi.
  • Camere doppie o singole personalizzate, che dispongono di letto ortopedico dotato di campanello di chiamata e luce notturna, di un armadio per gli indumenti e di un comodino per i piccoli oggetti personali.
  • Le stanze singole dispongono di balcone o ampio terrazzo dedicato.
Avatar

Trucioli

Torna in alto