Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Giàn Poggi tra i ‘cervelli’ di Ponte Morandi

Giovanni Battista “Giàn” Poggi, architetto dalla lunga carriera come dirigente tecnico (Direttore Infrastrutture nella giunta Burlando) in Regione Liguria e prima ancora al Comune di Genova (con Marta Vincenzi sindaco), tornato in Comune, è uno dei “cervelli” dell’operazione Morandi e dell’operazione Gronda (sindaco Marco Bucci). Per intanto “ispirati da Gian Poggi si farà una ennesima retromarcia su quale “Gronda fare” ? Il Secolo XIX lo ha citato in poche righe.

Ha scritto Genova 3000.it ,il 12 agosto scorso: Il mitico Gian Poggi verso la pensione. Classe di ferro 1954 mese di dicembre. Dalle parti di via Garibaldi è una vera e propria istituzione, idem in piazza De Ferrari ed in via Fieschi. Alzi la mano chi non lo conosce a Genova, nell’ambiente politico cittadino ? Impossibile non notarlo per via di quella capigliatura anni Settanta, che in molti lo accostano al famosissimo personaggio di Asterix, il gallo nemico numero uno dei romani di Giulio Cesare nei cartoni animati e anche nei film. Ebbene, il mitico “Gian”, con i suoi folti baffoni, la sua andatura da uomo vero, le sue camicie sempre chiare, è ormai prossimo alla pensione.
Gian” Poggi iniziò a lavorare nel 1982, quando l’Italia di Enzo Bearzot vinse i mondiali in Spagna e si cucì la terza stella sul petto. Tra le sue varie mansioni, capo di Gabinetto del sindaco, Direttore della Progettazione e Lavori Pubblici di Tursi, Direttore Generale della Regione Liguria. Fu vicinissimo ai sindaci Beppe Pericu ai tempi del G8 del luglio 2001, di Marta Vincenzi e del Governatore Claudio Burlando. Con quest’ultimo, “Gian” si sente ancora spesso e alcune volte lo va a trovare nel suo eremo di Torriglia. Poggi non è amante della tecnologia: non ama i social e non possiede whatsapp, ma senza dubbio è un vero professionista nel suo settore. Ce ne fossero persone preparate nella “cosa pubblica” come il mitico e bonaccione “Gian”.

Avatar

P. Forzano

Torna in alto