Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Al sindaco di Genova, il meraviglioso ‘ponte Piano’ fa però a pugni con il progetto Gronda

Al Sindaco di Genova, Marco Bucci, Al Presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti. Ho appena visto il progetto di nuovo ponte presentato dall’arch. Renzo Piano e mi sono molto meravigliato del fatto che l’arch. Piano non abbia considerato la ricostruzione del ponte in una ottica futura che contempli una visione urbanistica nuova della Valpolcevera, né una integrazione con la Gronda. Col ponte Morandi in servizio la Valpolcevera era connessa male all’autostrada, in quanto si appoggiava ai caselli di Cornigliano, Bolzaneto, Genova-ovest Sampierdarena, e richiedeva l’attraversamento di parti di città trafficate.

Oggi, con la costruzione di un nuovo ponte, c’è l’opportunità connettere meglio la Valpolcevera realizzando una nuova connessione all’altezza di Ikea-Ansaldo ovvero al centro dell’area commerciale-industriale. Come? Abbassando il livello del ponte in corrispondenza di corso Perrone, e realizzare nuove gallerie in leggera discesa dal casello di Cornigliano–aeroporto: si riesce quindi a creare uno svincolo “Perrone-Morandi” che connetterebbe l’area alla futura autostrada “declassata”, connetterebbe direttamente sia il ponente genovese che il centro Genova attraverso Genova-ovest e libererebbe la viabilità urbana da una notevole mole di traffico.

Non trascurabile la diminuzione della “criticità” attuale legata alla unicità di vie di comunicazione, che così drammaticamente stiamo vivendo in questi giorni.


Il percorso del ponte potrebbe anche essere leggermente modificato rispetto al Morandi, in modo da poter agire quasi indipendentemente dalle opere di demolizione.

Lo svincolo Perrone-Morandi è stato soltanto indicato, ma ci sono ampi margini di progettazione.

Conosco perfettamente i problemi di viabilità della Valpolcevera avendo lavorato per anni in Ansaldo, e spero che questo mio contributo venga accolto nell’ottica di poter fare qualcosa di più di una semplice ricostruzione, a favore di una miglior mobilità genovese ed anche con alternative possibili rispetto alla situazione preesistente alla caduta del ponte.

Cordiali saluti, ing. Paolo Forzano

Presidente Comitato Casello Albamare Albisola Savona

P:S. Il progetto Piano non è coerente con il progetto Gronda:


IL PROGETTO DI RENZO PIANO DEL NUOVO PONTE

Avatar

Trucioli

Torna in alto