Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Il Pd sbaglia, a Grillo il ruolo di mattatore

II PD sbaglia. Non vuole il governo con il PDL ed é giusto che sia così, però poi cerca il consenso solo di quest’ultima forza politica all’elezione del Presidente della Repubblica a nulla rilevando le offerte del M5 Stelle, che propone come candidato il prof. Stefano RODOTA’, persona meritevole della massima attenzione e stimato giurista.
Francamente il PD non si fa capire.
Appare un partito senza alcuna strategia, fermo sulle gambe, incapace di comunicare ai cittadini le proprie idee e determinazioni.
Eppure il PD ha una grande responsabilita in questo momento storico di enorme difficoltà  peril nostro Paese essendo l’unica forza politica che in una delle due Camere ha la maggioranza assoluta.
E’ auspicabile che il PD sappia dimostrare di saper cambiare e sia capace di fornire prima di tutto a se stesso la prova di poter essere portatore di una innovativa politica.
Anche se, in tutta franchezza, quest’ultima é solo una flebile chimera oramai avendo il PD deluso in troppe occasioni.
Forse questo mio intervento, nel momento in cui il numero del blog uscirà, sara già superato, ma, alla luce delle ultime notizie, non posso non offrirvi, per quanto possa valere, il mio pensiero sull’accaduto.
Quanto a SEL, alleato del PD, temo che stia emergendo la triste realtà.
L’unione con il PD ha ridotto SEL ad un ruolo di piena emarginazione politica.
Peccato quel movimento poteva essere davvero la chiave di volta per una nuova sinistra.
Sara per un’altra occasione.
Questa pero vede assegnato a Grillo il ruolo di vero mattatore.
Chissà se il PD se ne renderà conto .
Chissa se il PD comprendera, una volta per tutte, che, se non si Iibera dei vecchi schemi, non andra da nessuna parte.
Questo però non significa che necessariamente Renzi abbia sempre ragione e sia una valida alternativa a Bersani, a proposito del quale non si può non evidenziare l’estrema fatica che ha sostenuto per cercare una soluzione alla formazione del
governo senza che da questo punto di vista sia invece comprensibile l’atteggiamento di chiusura del M5Stelle, che forse oggi potrebbe giocare un ruolo più determinante nell’elezione del Presidente della Repubblica se avesse saputo condividere con Bersani almeno una parte del suo progetto politico.
Quanto al PDL e a MONTI mi pare che non vi siano molti commenti da fare: tutto ruota solo intorno a Berlusconi, quanto al primo, mentre il secondo deve fare i conti con i risultati di un governo, quello dei ”professori”, veramente deludente.
Speriamo in bene, in fondo non ci costa nulla.

Giovanni Sanna

 

Avatar

G.Sanna

Torna in alto