Numero visualizzazioni articolo: 5.023

Inaugurazione ‘Delbalzo supermercati’
Da Loano ad Albenga, 86 anni di attività

Senza squilli di tromba si direbbe, né discorsi, all’insegna di quella ‘modestia’ che è uno dei ‘marchi ‘caratterizzanti della famiglia Del Balzo – Cha di Loano, presente ad Albenga all’inaugurazione ufficiale del nuovissimo ‘delbalzo supermercati – Crai Extra’, sulla statale per Garessio, a monte dell’abitato di Leca. Un investimento notevole, posti di lavoro, passato per le forche caudine di sette ricorsi al Tar e di un’indagine della magistratura. Alla cerimonia e al taglio del nastro riservato al sindaco Giorgio Cangiano, con a fianco il predecessore Rosy Guarnieri che si  era adoperata per andare incontro alle legittime aspettative dei Del Balzo, ha preso parte con la benedizione il vescovo emerito di Savona Noli, Vittorio Lupi, e l’ex priore del convento di Monte Carmelo di Loano, padre Enzo Viviani. Presente il sindaco di Loano, Luigi Pignocca.

Le tre generazioni della famiglia Del Balzo – Cha posano con il sindaco di Albenga Giorgio Cangiano ed il predecessore Rosy Guarnieri

Il taglio del nastro del sindaco Cangiano con a fianco Rosy Guarnieri e Graziella Cha Del Balzo

Il nuovissimo centro commerciale Del Balzo è aperto da un paio di mesi; una volta completati i lavori esterni, compreso un ampio parcheggio quanto mai vitale all’attività dei supermercati, è arrivato il giorno dell’inaugurazione ufficiale, dei convenevoli, degli inviti, del brindisi, degli spuntini. Un evento che è stata l’occasione per radunare attorno alla famiglia Del Balzo amici, conoscenti, collaboratori, clienti, autorità civili.

Un’occasione per un’inedita foto di gruppo, con tre generazioni  e antiche origini loanesi; la moglie Gabriella Cha ha invece origini nella pianura ingauna. Il marito Giuseppe (Pino) Del Balzo, i figlio Giacomo, sposato, padre di una bimba, il fratello Mario, la sorella Rosaline madre di due bimbe, sono il team di una realtà commerciale che da lustro a Loano, al tessuto imprenditoriale della cittadina votata al turismo, al comprensorio. Il capostipite (U Punta Russa) aveva aperto la prima attività Del Balzo vicino allo storico ‘orologio’ del centro storico, vendeva frutta e verdura. Negli anni dopo la guerra il trasferimento in via Ghilini  e apertura del primo magazzino all’ingrosso all’insegna ‘Moisello – Del Balzo ‘  successivamente, in via Doria, la società coinvolgeva anche Sica. I generi alimentari, i gelati (Sica), tra cui formaggi e salumi, erano prevalenti nell’attività che nel periodo di maggiore sviluppo vedeva impegnati sette piazzisti a tempo pieno che ‘giravano’ il ponente e l’entroterra, Val Bormida inclusa. Con gli anni ’80 la graduale chiusura, moria di negozi e l’avanzare dei supermercati, di conseguenza la cessazione della vendita all’ingrosso.

Il vescovo emerito di Savona Vittorio Lupi con padre Enzo Viviani, già priore del convento di Monte Carmelo a Loano e oggi parroco di San Pietro a Savona, con Mario Del Balzo

Pino Del Balzo, nella vita, ha avuto l’opportunità di girare l’Europa, la Germania precursore nello sviluppo commerciale. Da qui la decisione di impegnarsi passo dopo passo nel settore. A Loano, tre punti vendita, il maggiore è ai confini con Borghetto S. Spirito, i primi due di dimensioni ridotte sono nel centro città. Poi la scelta di puntare su Albenga. Un osso duro a quanto si è letto sulle cronache dei quotidiani. Il colosso Coop non ha dato tregua, schierandosi apertamente contro l’apertura del supermercato di Leca. Pioggia di ricorsi al Tar e non solo. Fino al verdetto finale  (e sudato) del Consiglio di Stato.

I Del Balzo che si sono affidati, in uno scontro più che impari, all’avvocato amministrativista e penalista Mauro Vallerga di Varazze, figlio di boscaiolo, studio avviatissimo a Genova.  Una nomea nel mondo delle toghe di ‘avvocato delle cause vinte‘. Ed alcune hanno avuto risonanza clamorosa: la T 1 di Ceriale (non difendeva Nucera, anzi si era ritrovato imputato), la Cava Cerruti di Zuccarello, con immobile finito sotto sequestro e dalla Cassazione il verdetto assolutorio; le mansarde di Villanova d’Albenga; solo per citare il ponente savonese. C’è qualcosa che solitamente sfugge alle cronache e cioè che i Comuni, assistiti dallo studio Vallerga, hanno iniziato a vincere le cause, cosa che non accadeva nel passato. Manco a dirlo per Vallerga pare non siano stati anni di rose e fiori, i giornali hanno scritto che per  mesi era stato intercettato, pedinato, accertamenti e perquisizioni a destra e manca, persino nella sua ‘casa agricola’ di Varazze. Nulla di nulla è emerso.  Chissà sei i magistrati inquirenti si siano posti qualche scrupolo di coscienza e forse professionale.

Per i Del Balzo la ‘corsa ostacoli’ sembra ora davvero finita in quel di Albenga e non resta che confrontarsi attraverso una sana e leale concorrenza. Sarà il mercato a premiare il migliore, sarà la capacità di fare squadra con i collaboratori ad offrire un servizio di qualità al giusto prezzo. Saper andare incontro  alle mode dei consumi. Il banco dei formaggi del nuovo supermercato, come trucioli.it ha già pubblicato, è un impegno serio e concreto alla genuinità del prodotto, alla lavorazione in proprio, alla collaborazione con un’azienda agricola di produzione biologica di Campochiesa. E i progetti non sembrano esauriti.

Il momento della benedizione del vescovo Lupi

La presenza del vescovo Lupi, di don Viviani, ora parroco a San Pietro di Savona, chiesa dei Carmelitani, è la testimonianza della vicinanza cristiana che accomuna i Del Balzo. Don Viviani ha conosciuto per prima la mitica ‘nonna Rosa‘, mamma di Graziella. Poi i fratelli Mario e Giacomo, lo aiutavano per la festa della Madonna del Carmine, è seguito qualche pellegrinaggio con i genitori. I Del Balzo sono anche impegnati nella ricettività alberghiera di cui si occupa il figlio Mario.  Una famiglia unita, quell’unità che li rende solidali, al lavoro senza risparmio di energie in quella missione imprenditoriale dove il dipendente può essere il valore aggiunto dell’azienda. Non a caso, ci sono dipendenti che hanno percorso tutto il cammino dei supermercati.

L’inaugurazione in una giornata di splendido sole e temperatura estiva, una tappa, non sarà l’ultima, che per Albenga rappresenta un’iniezione di fiducia e una pagina di storia per l’album della famiglia Del Balzo. Per le nipotine strette all’affetto dei nonni e ricche della loro innocenza.

Condividi!
    Print Friendly and PDF

    collabora

    collabora

    Segnalazioni e consigli

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    Archivio Articoli

    Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su “accetta Più info

    Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. Ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 D. Lgs. n. 196/2003 si rende noto quanto segue: I Suoi dati saranno trattati nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti soltanto dagli autorizzati, esclusivamente per dare corso all’invio della newsletter e informarla sulle novità editoriali del settimanale. Il conferimento dei dati ha natura obbligatoria e autorizza al trattamento in relazione alla sola finalità sopra esposta. Il rifiuto di fornire tali dati comporterà l’impossibilità di inoltrarle via e-mail le informazioni relative alle notizie riportate da: Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. I Suoi dati non saranno comunicati a terzi, né diffusi. Lei potrà rivolgersi in qualunque momento al Servizio newsletter attraverso l’indirizzo Blog@trucioli.it per esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs 196/03. I dati sono trattati elettronicamente, in modo da garantirne la sicurezza e la riservatezza, e sono conservati presso il’archivio di trucioli.it Nel rispetto del art. 7 della legge di cui sopra ti informiamo che puoi modificare o rimuovere completamente i tuoi dati scrivendo a blog@trucioli.it.

    Chiudi