Numero visualizzazioni articolo: 529

I racconti veri e fantastici di Berio scrittore: 300 pagine sulle Riviere dei Fiori e delle Palme, nelle Valli Cuneesi e Langhe

Proprio in questi giorni di trepida attesa del risultato del ballottaggio francese che vede il faccia a faccia tra il liberalismo internazionalista di Macron e il protezionismo nazionalista dell’Europa continentale della Le Pen, la storica Associazione culturale ” Cumpagnia de l’ Urivu” ospita la presentazione dell’ultima opera letteraria di Enrico Berio, 95 anni, memoria storica della cooperazione transfrontaliera.Berio fervente europeista, militante e uno dei fondatori del Movimento Federalista Europeo in Provincia di Imperia e non solo, dal titolo “ DI QUA E DI LA’ Racconti de l’Alpazur”.

Da grande storico, tra le tante azioni mirate alla promozione della amata terra, negli anni 70, Berio pubblica il periodico bilingue“Alpazur“, per dar voce a quel lembo di territorio franco-italiano con i tanti problemi di confine, composto dalle tre province di Imperia, Cuneo e Nizza, tiene conferenze, organizza incontri, sollecita le autorità e le Istituzioni pur di sollecitare la giusta attenzione sul tema.

Anche questo ultimo scritto prosegue l’instancabile opera di Enrico Berio, infatti in più di 300 pagine sono compresi una trentina di racconti veri, veridici, fantastici, ambientati nella Riviera dei Fiori e delle Palme, nonché nelle Valli Cuneesi e nelle Langhe.

Che siano di nazionalità italiana o francese, tutti si rassomigliano nei lineamenti. Di statura non superiore alla media, con tendenza semmai, a restare al di sotto, hanno tratti marcati che meglio si caratterizzano nelle righe dei vecchi patriarchi. Solo negli abiti si distinguono leggermente….ma è sufficiente che si guardino per capirsi e anche se non hanno mai appartenuto ad una sola nazione, mai nei loro animi è sorto il dubbio sulla loro comunanza, perché le nazioni di appartenenza sono sempre state subite come qualcosa di innaturale “.

Giovedì’ 27 aprile nella sede della Cumpagnia de l’Urivu in Imperia via Zara n.6, la Presidente prof. Cristina Viano ha presentato ai soci ed a tutti gli amici dell’autore il libro “ DI QUA E DI LA’ Racconti de l’Alpazur”- a Europa Edizioni di Roma- che verrà esposto a maggio al Salone del Libro di Torino .

Enrico Berio laureatosi in giurisprudenza a Torino, ritorna in Riviera nel 1949 come funzionario statale, dapprima nell’Amministrazione Provinciale delle Iposte Dirette, a Ventimiglia e San Remo, poi come dirigente dell’Archivio di Stato di Imperia nonché delle Sezioni di Archivio di Stato di San Remo e di Ventimiglia. Si è pure dedicato al teatro dialettale scrivendo vari testi: in piemontese, in sanremasco, in genovese di cui tre selezionate per il Premio Anna Càroli di Genova e l’ultima insignita del 1° premio nella VI edizione del Premio stesso. Una attività socio-etnico-linguistica che lo ha visto collaborare con l’Academia Nissarda, Association Européenne des Enseignants (A.E.D.E.) e con l’Institut Européen des Hautes Etudes Internationales (I.E.H.E.I.) e svariati gruppi e associazioni culturali del cuneese. Nell’anno 2000 gli è stato assegnato, da parte del Comune di Sanremo, del “Premio San Romolo per la cultura”.

Enrico Berio 95 anni, scrittore e memoria storica della Riviera di Ponente, del Cuneese e delle Langhe (foto Sanremo News)

Enrico Berio, nato a Imperia nel 1922, si trasferisce giovanissimo con la famiglia a Cuneo, che considera la sua seconda patria avendovi trascorso tutti gli anni della fanciullezza e della gioventù e dove frequenta gli studi sino al liceo. Quindi intraprende le prime esperienze giornalistiche e letterarie come redattore di numeri unici (Cento anni fa) e di giornali locali (Sentinella d’Italia, La Vedetta) nonché come primo direttore del settimanale satirico “Il Barbaroux”, da lui fondato con la collaborazione del poeta Gino Giordanengo e dei pittori Oscar Giacchi e Nino Marabotto.

Laureatosi in giurisprudenza a Torino, ritorna in Riviera nel 1949. Oltre al costante e fedele impegno nel Movimento Federalista Europeo che lo porta, negli anni ’70 a pubblicare il periodico bilingue «Alpazur», negli anni ha dato alle stampe alcuni romanzi, libri per ragazzi, testi divulgativi (Grano nel deserto, 1958 – Nella gabbia del Vanone, 1963 – I marziani a Borgo Prino, 1969 – Le barche nel cielo, 1976 – Piccola storia di Arturino Bergerello, 1978 – La cornucopia della Dea Matuta, 1985). Si è dedicato al teatro dialettale scrivendo vari testi: in piemontese (La pianta ‘d Coni, 1980 segnalata al Premio Giovanni Toselli di Cuneo), in sanremasco (Ren nu va ciù, 1981), in genovese (Viagiu ae Seycelle, 1984 e Gh’ea ün-a veia, 1988) queste tre selezionate per il Premio Anna Càroli di Genova e l’ultima insignita del 1° premio nella VI edizione del Premio stesso. Altro lavoro teatrale la tragicommedia Sanremo belle époque: la Contessa e il bersagliere, 1989 sulla nota vicenda sanremese della Contessa Tiepolo presentato al Casinò di Sanremo.

DI QUA E DI LA’ Racconti de l’Alpazur”- “Arguzia, tenerezza, limpidezza di una semplicità disarmante, ingenuità, passaggi che sfiorano il trascendente e il surreale: possiamo trovare tutto questo nella raccolta di racconti di Enrico Berio, che di certo non lesina la sua smisurata fantasia, una cultura vasta e sfaccettata e uno stile mutevole che sa adattarsi perfettamente alle varie situazioni create.

L’opera è composta da diverse storie singole, con un racconto principale, ‘Di qua e di là’, il cui protagonista, Gian Carlo, si trova in una condizione sospesa tra la vita e la morte; assisteremo perfino allo sdoppiamento della sua personalità che inizierà a muoversi in due dimensioni parallele. Né lui, né noi sapremo, fino all’ultima riga della vicenda, se le due vite torneranno ad unirsi e se Gian Carlo resterà nella dimensione della vita a della morte. L’intero libro, tuttavia, sarebbe incompleto senza gli altri numerosi componimenti, variegati e coraggiosi, che danno vita ad una raccolta decisamente impossibile da rinchiudere in una qualunque definizione che risulterebbe, per forza di cose, limitante.”

 

Condividi!
    Print Friendly and PDF

    collabora

    collabora

    Segnalazioni e consigli

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    Archivio Articoli

    Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su “accetta Più info

    Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. Ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 D. Lgs. n. 196/2003 si rende noto quanto segue: I Suoi dati saranno trattati nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti soltanto dagli autorizzati, esclusivamente per dare corso all’invio della newsletter e informarla sulle novità editoriali del settimanale. Il conferimento dei dati ha natura obbligatoria e autorizza al trattamento in relazione alla sola finalità sopra esposta. Il rifiuto di fornire tali dati comporterà l’impossibilità di inoltrarle via e-mail le informazioni relative alle notizie riportate da: Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. I Suoi dati non saranno comunicati a terzi, né diffusi. Lei potrà rivolgersi in qualunque momento al Servizio newsletter attraverso l’indirizzo Blog@trucioli.it per esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs 196/03. I dati sono trattati elettronicamente, in modo da garantirne la sicurezza e la riservatezza, e sono conservati presso il’archivio di trucioli.it Nel rispetto del art. 7 della legge di cui sopra ti informiamo che puoi modificare o rimuovere completamente i tuoi dati scrivendo a blog@trucioli.it.

    Chiudi