Numero visualizzazioni articolo: 287

Nella casa in collina, al Todocco

Si era imprigionato da solo nel bozzolo del racconto portoghese. Il cemento stava asciugando in fretta. Lui si era accorto al risveglio di essere sprofondato fino alla cintola nella massa liquida e come si muoveva per uscirne scivolava ancora di più verso il fondo. Da solo non poteva uscire dal bozzolo.Il filo del racconto era molto esile, soprattutto nel rapporto con gli altri e le parole vivaci che si erano aggiunte nelle righe immobili, avevano peggiorato la situazione. Avevano finito per riempire il foglio, come protette nella moltitudine e al sicuro nella massa allineata, riga dopo riga ognuna porta il suo minimo pezzo di realtà e il suo peso lo faceva sprofondare sempre di più nel cemento molle.

Ognuna inseriva un frammento di senso che gli spiegava meglio il suo stato ma non serviva minimamente a tirarlo fuori dalla buca in cui era finito.

Il senso e la direzione del cammino verso un tempo in continuo divenire del racconto portoghese, nella buona fede del suo autore, lo avevano fatto cadere nella trappola che volontariamente si espone all’esame perpetuo, alla trasformazione dei tempi e all’interpretazione mutevole della storia e del senso…  (nei secoli dei secoli?).

Anche le istantanee che aveva scattato con il suo telefonino venivano tradotte in parole che si pietrifica sulla pagina, attimi di vita scheggiata, vocaboli di vecchi libri portoghesi con la sorpresa del reperto, un’archeologia del passato di verdura inscatolato nella pagina lusitana, ricca di reperti umani e di brandelli di carne persi nel tempo, immagini abbozzate e appese nella luce gentile del sogno, dialoghi esplicati in forma barocca, pieni di vita imbalsamata…

Quelle parole messe fuori testo cadono a terra sfrigolando come petardi abbandonati alla forza di gravità… sul pavimento della sua casa in collina, al Todocco.

 

Bruno Chiarlone Debenedetti

 

Condividi!
    Print Friendly and PDF

    collabora

    collabora

    Segnalazioni e consigli

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su “accetta Più info

    Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. Ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 D. Lgs. n. 196/2003 si rende noto quanto segue: I Suoi dati saranno trattati nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti soltanto dagli autorizzati, esclusivamente per dare corso all’invio della newsletter e informarla sulle novità editoriali del settimanale. Il conferimento dei dati ha natura obbligatoria e autorizza al trattamento in relazione alla sola finalità sopra esposta. Il rifiuto di fornire tali dati comporterà l’impossibilità di inoltrarle via e-mail le informazioni relative alle notizie riportate da: Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. I Suoi dati non saranno comunicati a terzi, né diffusi. Lei potrà rivolgersi in qualunque momento al Servizio newsletter attraverso l’indirizzo Blog@trucioli.it per esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs 196/03. I dati sono trattati elettronicamente, in modo da garantirne la sicurezza e la riservatezza, e sono conservati presso il’archivio di trucioli.it Nel rispetto del art. 7 della legge di cui sopra ti informiamo che puoi modificare o rimuovere completamente i tuoi dati scrivendo a blog@trucioli.it.

    Chiudi