Numero visualizzazioni articolo: 490

Tranello al comandante partigiano Sunner

Il 27 giugno 1944, verso le ore 4,10 il comandante Sunner  (Mario Garbero) partiva con 6 uomini per un’imboscata al gruppo di soldati nazifascisti posti all’avvistamento e difesa del Castello di Cosseria.

Partigiani in via Buffa a Cairo Montenotte

I suoi uomini venivano disposti a semicerchio ed individuato il nemico si portavano sotto ai muri del vecchio rudere ove, per mezzo di un pastore del luogo, si provvedeva ad inviare al presidio nazifascista, composto di 13 uomini, una lettera con cui si intimava la resa e si lasciavano 10 minuti di tempo per arrendersi.

I nazifascisti accettarono e mandarono un soldato con la richiesta di inviare un partigiano a parlamentare; il comandante Sunner acconsentì, fece disarmare l’uomo che era arrivato e dispose che per 20 minuti nessuno dei suoi dovesse sparare un colpo.

Temendo nel frattempo un’imboscata, faceva ritirare i suoi uomini al sicuro, mentre armato di sola pistola si recava egli stesso dai repubblicani della RSI.

Sembrava che tutto procedesse bene, invece Sunner veniva attirato in un tranello da parte del comandante il posto di avvistamento che l’aveva invitato a vedere il suo armamento.

Sunner per non dimostrarsi pusillanime, senza indugio accettava l’invito; estraeva la pistola e facendosi scudo del comandante senza esitare sparava sul mitragliere che gli puntava la mitraglia e a bruciapelo sparava anche contro il comandante repubblicano uccidendolo sul colpo.

Presa la mitraglia la lanciava nel sottostate burrone mentre gli veniva fatta da tutte le parti dai neofascisti una forte reazione.

Il comandante Sunner ebbe scampo perché col suo sangue freddo si lanciò nel burrone sfuggendo in tal modo a morte sicura. In tale azione, mentre Sunner non riportava alcuna perdita di uomini, il nemico perdeva due militari.

Il 29 dello stesso mese di giugno, verso le ore 7,35 il comandante Mario Garbero (Sunner) per rappresaglia all’imboscata tesagli due giorni prima dai repubblicani del posto di avvistamento del Castello di Cosseria, si recava ancora in quel luogo dopo aver disposto gli uomini a ventaglio.

Giunti colà verso le ore 9,40, attaccarono di sorpresa il posto di avvistamento con lancio di bombe a mano.

Catturarono un repubblicano e una donna del servizio ausiliario che vennero passati per le armi sul posto.

L’azione fu condotta in modo repentino e durò circa tre quarti d’ora.

Bruno Chiarlone Debenedetti Carle

 

 

 

 

Condividi!
    Print Friendly and PDF

    collabora

    collabora

    Segnalazioni e consigli

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    Archivio Articoli

    Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su “accetta Più info

    Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. Ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 D. Lgs. n. 196/2003 si rende noto quanto segue: I Suoi dati saranno trattati nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti soltanto dagli autorizzati, esclusivamente per dare corso all’invio della newsletter e informarla sulle novità editoriali del settimanale. Il conferimento dei dati ha natura obbligatoria e autorizza al trattamento in relazione alla sola finalità sopra esposta. Il rifiuto di fornire tali dati comporterà l’impossibilità di inoltrarle via e-mail le informazioni relative alle notizie riportate da: Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. I Suoi dati non saranno comunicati a terzi, né diffusi. Lei potrà rivolgersi in qualunque momento al Servizio newsletter attraverso l’indirizzo Blog@trucioli.it per esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs 196/03. I dati sono trattati elettronicamente, in modo da garantirne la sicurezza e la riservatezza, e sono conservati presso il’archivio di trucioli.it Nel rispetto del art. 7 della legge di cui sopra ti informiamo che puoi modificare o rimuovere completamente i tuoi dati scrivendo a blog@trucioli.it.

    Chiudi