Numero visualizzazioni articolo: 444

Santa Corona, sanità, libro bianco, ma dimenticano il forte flusso turistico

Intervento di Marco Melgrati,  vice coordinatore ligure di Forza Italia, già capogruppo nella precedente legislatura. Tra i temi, il futuro del Santa Corona di Pietra Ligure, ma anche il ruolo della sanità nella provincia di Savona che rispetto a Genova è caratterizzata da un forte flusso turistico (arrivi e presenze) con ciò che comporta anche sul fronte dall’assistenza ospedaliera. Dal pronto soccorso all’emodinamica, ai reparti DEA, ovvero urgenza ed emergenza. Proprio di recente si sono aggiunte le statistiche contenute nel libro bianco della sanità. Si fa allarmismo prendendo anche a pretesto i ricoveri complessivi confrontandoli con il numero numero dei residenti. Una mostruosità sotto questo aspetto, ignorando cosa comporta il movimento turistico e la presenza di tanti anziani.

COMUNICATO STAMPA - Nuovo Ospedale Santa Corona: l’assessore Sonia Viale ha riportato il progetto del nuovo Ospedale di Pietra Ligure alla sua corretta dimensione: il punto zero della pratica! E le “balle colossali” che il PD ci ha rifilato in tutti questi anni?

Melgrati (Forza Italia): non esiste un piano finanziario quindi non esiste alcuna certezza di sostenibilità economica ed ovviamente non esiste nessun finanziamento o ipotesi attuali di poterne attivare alcuno. Una “bufala” raccontata da giunta Comunale Pietrese del Pd e da Giunta Regionale del PD a scopo propagandistico. E l’Emodinamica da mantenere sia a Pietra Ligure che a Savona!

Queste le parole del vicecoordinatore regionale di Forza Italia Marco Melgrati, che continua: “sono invece fortemente deluso dalla situazione che la giunta Burlando ha lasciato in merito alla programmazione della riqualificazione del DEA di S Corona di Pietra Ligure. Ci si ritrova con l’amara sorpresa di una non-programmazione, fatta di qualche bozza di progetto, di fantomatici “protocolli di intesa” forse utili a scopo propagandistico elettorale, a quanto pare insussistenti e insufficienti in quanto non accompagnati da alcun atto programmatorio serio e concreto che sarebbe necessario per avviare la progettazione definitiva ed avviar l’iter di reperimento delle risorse finanziarie con l’alienazione di aree e volumi. Tale pare essere lo stato dell’arte sul fronte S. Corona! Dopo anni di promesse e di proclami, ora restiamo con in mano il nulla che ci veniva propinato come “programmazione “ “il punto zero della pratica”, come definito dall’Assessore: “Non esiste alcun progetto concreto sul nuovo Ospedale Santa Corona, ma solo una serie di progetti su carta che non hanno alcun valore. Manca un piano economico d’investimenti.” Queste le parole dell’assessore alla Salute Sonia Viale, come riportate in virgolettato dai media.

Perseguendo la linea da sempre seguita che dal lontano 2010 vado proponendo, di realizzare un DEA organizzato su due plessi e di potenziare l’ospedale ingauno per farlo lavorare su una parte di attività ora svolta in S Corona, come la chirurgia di elezione a media complessità, esorto la regione a voler fissare il ruolo del DEA del ponente organizzato su due plessi, quello ingauno e quello pietrese, organizzandone di conseguenza la riqualificazione della sede pietrese con un taglio di questo tipo, in maniera da razionalizzare le risorse che saranno disponibili dall’alienazione di parte delle aree e volumi esistenti, riducendo le nuove edificazioni e le riqualificazione dei volumi esistenti per REPARTI AFFERENTI L’ATTIVITA’ TIPICA DEL DEA DI URGENZA/EMERGENZA, oltre a dotazioni imprescindibili. Che si tratti di un mini monoblocco o di un riuso di parte dei volumi integrandoli e collegandoli, alla luce dei propositi sull’assetto ospedaliero del ponente savonese ove gravita anche il nuovissimo e funzionale ospedale ingauno, credo sia opportuno considerare una nuova progettazione che tenga conto anche delle funzioni ripartite tra i due ospedali in questo modo. Per anni la premiata ditta Burlando/Montaldo/Paita con i loro sindaci De Vincenzi/Valeriani ci hanno imbonito di speranze, quando sventolavano il protocollo di intesa come la soluzione salvifica dell’ospedale, lasciando intendere la fattibilità economica di soluzioni intermedie ed una programmazione che in realtà era limitata a qualche idea abbozzata? Siamo stanchi di speculazioni sulla Sanità e non mi piace neppure veder utilizzare i numeri di questa, usandoli strumentalmente come se i cittadini dovessero vergognarsi di qualche cosa. Mi riferisco alla presentazione errata e strumentale che alcuni organi di informazione hanno fatto dei dati della Sanità ligure e savonese nel libro bianco predisposto dalla Regione.

Leggo sui media di ipotesi di reparti “doppioni” da sopprimere, tra i quali l’Emodinamica presente a Savona e Pietra Ligure, quest’ultima di nuovo aperta 24 ore su 24 grazie ad una battaglia che ho condotto in prima persona con lo stimolo di Ingrid Petani, il supporto dei comitati cittadini e le migliaia di firme raccolte. L’Emodinamica rappresenta un presidio salvavita fondamentale e non è ipotizzabile la chiusura di nessuno dei due reparti, che servono uno tutto il savonese, il levante della provincia e la val Bormida, l’altro tutto il finalese, il pietrese, l’albenganese e le valli retrostanti. Meno che mai si può immaginare la chiusura del reparto di Pietra Ligure, il quale come DEA di 2° livello, per legge ( Decreto 70/2105 sugli Standard Ospedalieri) deve esserne per forza dotato.

Inoltre, credo che le rappresentazioni rese dalla stampa sullo stato della sanità savonese dovrebbero essere riviste. In particolare osservo che essendo la nostra una provincia a forte vocazione turistica sia ovvio che i costi della Sanità pro-capite risultino superiori a quelli della provincia di Genova la quale ha inferiori flussi turistici…. visto che non si possono respingere i malati in funzione della loro residenza geografica, ancorchè temporanea!!! Inoltre, la provincia di Savona sede del DEA del ponente ligure, mi pare piuttosto ovvio che disponga di un numero di posti letto equivalenti a quelli del comprensorio genovese anch’esso sede dell’altro DEA ligure di San Martino!!!!

Piuttosto, conclude il vicecoordinatore regionale di Forza Italia Marco Melgrati, sarebbe corretto riequilibrare scelte politicizzate (dal PD) e clientelari che sono state fatte nel passato, privilegiando correttamente il ruolo fondamentale del DEA di II livello di Santa Carona, spogliato di specialità e di centralità specialistiche a favore del nosocomio savonese, come ho esaustivamente espresso nella corposa mozione di tutela del DEA pietrese e dell’assetto ospedaliero esistente, approvata all’unanimità del Consiglio Regionale il 27/1/2015 della precedente legislatura, la quale, rappresentando un atto di indirizzo importantissimo, espressione propositiva del centro-destra, votato peraltro all’unanimità dell’Aula, credo debba essere presa in considerazione quale atto programmatorio anche in questa legislatura.

Marco Melgrati

SONIA VIALE ‘AFFONDA’ IL NUOVO SANTA CORONA, TITOLAVA IL SECOLO XIX DEL 19 FEBBRAIO

Sonia Viale, vice presidente della Regione Liguria e assessore alla Sanità

“Sono solo disegni su un pezzo di carta, manca un piano di investimenti”. Un’affermazione che non sembra lasciare spazio a dubbi quella  dell’assessore regionale alla Sanità, Sonia Viale, imperiese, leghista ‘dura e pura’ della prima ora, già sottosegretario con l’ultimo governo Berlusconi.  E ancora più esplicita: ” Non esiste alcun progetto concreto sul nuovo ospedale Santa Corona, ma solo una serie di progetti su carta che non hanno alcuna valore. manca un piano economico d’investimenti”.  Eppure a Pietra Ligure, sui media, se ne parla, si scrive, si titola, anche nella locandine, da almeno una decina d’anni.  Con tanto di ipotesi di spesa, tra i 60 e 120 milioni di Euro, a seconda della scelta, ed un protocollo  d’intesa firmato dall’amministrazione presieduta dal sindaco Luigi De Vincenzi. Protocollo  presentato sia dall’assessore all’urbanistica Francesco Amandola che dal neo sindaco Avio (Dario) Valeriani, con impegno elettorale a reinvestire in opere il ricavato della vendita dell’area di ponente del nosocomio pietrese. Al punto che sempre Viale ha rimarcato: ” In un periodo in cui le risorse sono limitate è necessario fare un’attenta analisi dei fabbisogni effettivi delle varie  Asl prima di decidere di portare avanti investimenti”.

Francesco Amandola, assessore comunale all’Urbantisca

LUIGI DE VINCENZI, EX SINDACO E CONSIGLIERE REGIONALE PD DI OPPOSIZIONE REPLICA DURO

Il geo,. Luigi De Vincenzi, ex sindaco, consigliere regionale d’opposizione Pd

Dopo le dichiarazioni stampa, il geom. Luigi De Vincenzi non ha perso tempo. I media locali riportano le sue affermazioni: ” Quanto sostiene l’assessore Viale è gravissimo perchè non tiene conto  del protocollo d’intesa  che in primis reca la firma  della Regione Liguria, del Comune di Pietra Ligure,  dell’Asl 2. La Regione stessa si era già espressa  in tal senso in quanto aveva già dato incarico per la progettazione del nuovo ospedale alla società ‘Infrastrutture Liguria Srl’. Il Piano degli investimenti doveva essere fatto  dalla Filse che aveva a sua volta siglato il protocollo. E’ gravissimo inoltre che a sette mesi  dall’insediamento, l’assessore Viale non abbia ancora  esaminato i documenti, presenti in Regione, che riguardano un progetto ben definito  per la ristrutturazione ed in mantenimento del Santa Corona”. Era stata l’amministrazione Valeriani, nel 2015, due giorni prima delle elezioni regionali, a presentare in una riunione pubblica, presente il candidato De Vincenzi,  lo schema urbanistico  del nuovo ospedale.  Mantenere l’esistente, creando un collegamento tra i padiglioni 17 e 18 ed il chirurgico.  Il nuovo monoblocco doveva essere finanziato per la maggior parte dall’alienazione dell’ala ospedaliera a ponente del vialone centrale. “Sono esterefatto – ha dichiarato Valeriani –  , dopo aver letto le dichiarazioni del vice presidente della Regione Viale.C’è il protoccolo  ed il mantenimento dei posti letto e dei livelli occupazionali e tutti gli introiti dell’alienazione della parte a ponente del Santa Corona reinvestiti nel nuovo ospedale”.

Dario Valeriani sindaco di Pietra Ligure

 

Condividi!
    Print Friendly and PDF

    collabora

    collabora

    Segnalazioni e consigli

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    Archivio Articoli

    Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su “accetta Più info

    Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. Ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 D. Lgs. n. 196/2003 si rende noto quanto segue: I Suoi dati saranno trattati nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti soltanto dagli autorizzati, esclusivamente per dare corso all’invio della newsletter e informarla sulle novità editoriali del settimanale. Il conferimento dei dati ha natura obbligatoria e autorizza al trattamento in relazione alla sola finalità sopra esposta. Il rifiuto di fornire tali dati comporterà l’impossibilità di inoltrarle via e-mail le informazioni relative alle notizie riportate da: Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. I Suoi dati non saranno comunicati a terzi, né diffusi. Lei potrà rivolgersi in qualunque momento al Servizio newsletter attraverso l’indirizzo Blog@trucioli.it per esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs 196/03. I dati sono trattati elettronicamente, in modo da garantirne la sicurezza e la riservatezza, e sono conservati presso il’archivio di trucioli.it Nel rispetto del art. 7 della legge di cui sopra ti informiamo che puoi modificare o rimuovere completamente i tuoi dati scrivendo a blog@trucioli.it.

    Chiudi