Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Lettera al sindaco di Alassio. Parcheggio ‘noblesse oblige’ di Melgrati e della fedele compagna

Caro Melgrati, lo ripeto: “Non è il padre padrone della Città di Alassio ma solo il sindaco pro-tempore! ”

di Fabio Lucchini

Che gli italiani abbiano delle inveterate brutte abitudini e che soprattutto siano affascinati dal potere e dalle eventuali agevolazioni che ne derivano non è cosa nuova, anzi, ma che il sindaco pro-tempore Marco Melgrati e la sua compagna di vita non facciano eccezione lo abbiamo visto durante il weekend pasquale e ora vi spiego perché.

Il pomeriggio del 17 aprile 2022 , giorno della Santa Pasqua di resurrezione passavo in centro sulla via Aurelia dalle parti del Palazzo civico e sono stato fermato da alcuni cittadini, che mi hanno fatto osservare come nel parcheggio lato levante a fianco del Comune, il cui accesso è delimitato da sbarra automatica radiocomandata, dove erano parcheggiate alcune vetture riportanti le insegne del Comune, quindi auto di servizio dello stesso Ente, e tra queste ci fossero anche due vetture, una Smart utilizzata quotidianamente dal Sindaco Melgrati e una Alfa Romeo “Giulietta” in uso alla compagna del sindaco, sempre parcheggiata in quell’area riservata.

Ora io capisco che a Pasqua sia difficile trovare parcheggio in città, per tutti, residenti e turisti, ma non comprendo perché il sindaco, che possiede una discreta area di parcheggio privato a fianco del suo ufficio, sufficiente per entrambe le vetture, debba approfittare spudoratamente del parcheggio comunale, allorché è certo che non si fosse recato a Palazzo e men che meno la vettura della sua compagna, quasi vigesse un diritto non scritto, ovvero “noblesse oblige”… e così le vetture non si sono più mosse da lì né la domenica di Pasqua né il lunedì di Pasquetta, poi martedì entrambe le vetture sono regolarmente rientrate e parcheggiate nell’area di parcheggio a fianco del premiato studio Melgrati.

Vede, caro sindaco Melgrati… “la classe non è acqua”… diceva un tale: una delle motivazioni per cui l’Italia è un paese sempre in perenne difficoltà è proprio dovuto alla mancanza di “senso civico” di persone come lei, che fanno della politica un mestiere, spesso profumatamente remunerato, anziché una missione, che scambiano il Dovere con il Potere, pensano che a loro sia tutto dovuto, e di poter disporre della “res publica” a loro piacimento, secondo criteri troppo spesso personali, autoreferenziali, utilitaristici e non suffragati da scelte ragionate e pragmatiche, dove il cinismo ha la sua parte.

Lei che ama sfoggiare le cravatte di “Marinella”, i vestiti gessati old english style, i polsini d’oro riportanti il nodo “Savoia”, impari la classe dei politici come Cavour, essenziale, non dirompente o straboccante e l’umiltà, ma soprattutto prenda nota che è con l’esempio che si comanda, non scambi l’autoritarismo con l’autorevolezza e che l’uso e l’abuso che ancora una volta ha dimostrato di apprezzare infischiandosene del “bon ton”, e quel gusto per l’ “understatment” a lei sconosciuto che invece dovrebbe appartenere al primo cittadino, un “primus inter pares” e non il “re sole”de noantri”: ora, parcheggiando anche la vettura in uso alla sua compagna, la cosiddetta “first Lady” di Alassio, non fa fare un figurone ad entrambi, ma anzi la incornicia come prepotente, arrogante e un po’ anche patetico, perché arroga a se stesso e ad altri,  privilegi che non vi spettano.

Di più, egregio Sindaco, mi stupisce che la signora in questione, notoriamente le donne sono più argute di noi maschi e solitamente evitano ai propri uomini di fare figure barbine come quella in questione, solo per pavoneggiarsi, sciorinando alla propria amata di turno un effimero “potere”,  non l’abbia, quindi, dissuasa da quello che si potrebbe definire un presunto “abuso di posizione dominante…”.

Intanto l’umile cittadino, spesso vessato dalle regole che deve però rispettare … se no guai arrivano le salate sanzioni, se deve cercare un parcheggio vicino a casa magari non lo trova o se lo trova lo paga, mentre lei, astuto politico di lungo corso un po’ appannato, lo ha trovato gratis e pure a pochi passi in linea d’aria, dalla sua nuova magione con vista sul golfo a pochi passi dal mare.  Dio salvi la regina !

Fabio Lucchini   

ALTRA IMMAGINE INVIATA DAI LETTORI E POSTATA SU FACEBOOK

         Commenti – Viviana Deorsola. . LA  COPPIA PIÚ BELLA DEL MONDO . . . 👏👏👏🔝🔝🔝

AUGURISSIMI  ! !❤❤❤❤❤
Avatar

Trucioli

Torna in alto