Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Fotonotizie/ Savona, Povia ringrazia. Albenga, Gabriele Noberasco 45 anni di carriera agonistica. Loano, Daniele neo ingegnere. Pietra L., Nicole laurea in Scienza degli Alimenti e del Farmaco. Ranzo, Deperi ‘cantine memorabili 2021’

Le buon notizie e quelle ‘curiose’ che si prestano a riflessioni. La prima scaturisce dal ‘comizio-esibizione’ di Povia a Savona e le irridenti frustate di Mimmo Lombezzi. A Loano un altro loanese che si fa onore e onora la città: Daniele Roncallo neo laureato in Ingegneria Meccanica Energia e Produzione. A Pietra, Res pubblica si complimenta con Nicole Genta, neo dottoressa in Scienze degli Alimenti e del Farmaco.

SAVONA – “La fine di tutte le cose”. Sabato 13 novembre alle 21 al Sacco di Savona.

Alessandra Schiavoni

S’intitola «La fine di tutte le cose» lo spettacolo di Alessandra Schiavoni con Alessandra Frabetti per la regia di Alessandra Schiavoni che andrà in scena sabato 13 novembre alle 21 al Teatro Sacco di Savona. Sinossi. La gelida penombra del corridoio di un Pronto soccorso. In un angolo, accanto alla finestra, una donna seduta su una sedia a rotelle, attende di essere visitata. Nella mano stringe il cellulare, sperando che la figlia le risponda. La pioggia fuori e la grondaia che sbatte danno vita a una serie di ricordi, dall’infanzia al giorno del matrimonio, alla sua vita da insegnante alla scuola materna, al rapporto difficile con la figlia. Il dolore che aumenta, la solitudine, poi la paura di essere stata dimenticata, lì in quell’angolo.

La nostra protagonista è una mamma e una nonna, una donna di questi tempi in grado di fotografare, con estrema lucidità e semplicità, la caducità della vita e il bisogno, per sopravvivere, “di andare oltre le cose, oltre la forma, oltre il colore, oltre l’odore”.Un monologo a tratti divertente, a tratti commovente che aiuta a riflettere sul disordine dei nostri tempi e sulle reali ricchezze dell’esistenza.

Per rispettare la normativa vigente sulla sicurezza anche in materia di emergenza sanitaria da Covid – 19, il Teatro ha una disponibilità di posti a sedere limitata al 50% della sua capienza. La visione dello spettacolo sarà consentita soltanto su prenotazione del posto e presentazione del green pass o del tampone con esito negativo entro le 72 ore. INFO E PRENOTAZIONI. TEL: 331.77.39.633

ALBENGA 3° “Giro dei Monti Savonesi Storico” a Manuel Villa – Daniele Michi (Bmw M3)

Sempre al comando della gara, hanno regolato Gabriele Noberasco e Renzo Grossi

COMUNICATO STAMPA – Tre piloti locali ai primi tre posti del 3° “Giro dei Monti Savonesi Storico” e successo finale di Manuel Villa, in coppia con il toscano Daniele Michi (Bmw M3 – Grt Rally Team), sullo zio Gabriele Noberasco, in gara con il figlio Nicolò e su un’analoga vettura con i colori del Team Bassano, e sulla Lancia Delta 16v di Renzo Grossi, con la figlia Alice alle note. Netto il successo del “faraone”, già vincitore nel 2003 dell’ultima edizione disputata del rally moderno: si è imposto in 5 delle 6 prove speciali, imprimendo al rally, ottimamente organizzato dalla SportInfinity, un ritmo notevole e difficile da contrastare.

Gabriele Noberasco, che oltre a portare in gara per la seconda volta il figlio Nicolò festeggiava, per l’occasione, i 45 anni di carriera agonistica, ci ha provato in tutte le maniere a contrastare il nipote: ha vinto una ps, la quinta, in un’altra ha segnato uno scratch inferiore di 7 decimi a quello del vincitore e, dopo aver realizzato che non era facile andare a prendere Manuel Villa, ha contenuto i distacchi senza però privarsi della sua guida, come sempre spettacolare.

Il rally ingauno, dopo aver perso nelle prime battute i vincitori della prima edizione Mano – Aviano (Toyota Celica St 165) per un problema alla trasmissione, ha confermato anche la qualità di Renzo e Alice Grossi, in gara con Lancia Delta 16v: secondi nell’edizione 2019 e fermi dall’inizio dell’anno dopo, hanno fornito una prestazione regolare e tutta sostanza con cui hanno occupato costantemente la terza posizione in gara. Alla fine del confronto, dopo il ritiro, per noie alla pompa della benzina, della Bmw M3 di Claudio Biga e Cinzia Collo, a lungo quarta forza del rally, i due locali si sono lasciati alle spalle l’apprezzata Ford Escort RS 1600 (Rally & Co) di Dino Vicario – Fausto Bondesan, che a loro volta hanno preceduto, di una manciata di secondi, Ermanno Sordi – Maurizio Barone (Porsche 911 RSR – Team Bassano).

Manuel Villa e Daniele Michi si sono anche imposti nel 4° Raggruppamento. Gli altri sono andati a Roberto Rimoldi – Roberto Consiglio (Porsche 911 SC – Team Bassano), a lungo in sofferenza per problemi al cambio, ai già citati Dino Vicario – Fausto Bondesan e a Pietro Turchi – Francesco Donati (Fiat 125 – Team Bassano), primi rispettivamente nel 3°, 2° e 1°. Hanno concluso la gara 44 dei 68 equipaggi ammessi alla partenza. La 3^ “Regolarità Sport Infinity”, disputata in coda al rally, ha visto al via 7 vetture, 6 deiie quali sono giunte al traguardo. E’ stata vinta da Luca Monti e Marco Vida (Peugeot 304), primi davanti a Andrea Giacoppo – Nicola Randon (Lancia Fulvia Hf – Team Bassano) e a Gianvittorio Bianchi – Maurizio Torlasco (Porsche 911), anche loro del Team Bassano.

Tanti i premi speciali assegnati dal “3° Giro dei Monti Savonesi Storico”: il “Franco Sanfrancesco” è andato ad Alice Grossi quale prima navigatrice savonese, Nicolò Noberasco ha ricevuto il Memorial “Dario Fadini” quale più giovane licenziato dell’Aci Savona mentre Manuel Villa e Daniele Michi hanno ricevuto il trofeo “Leo Bracco” per il miglior scratch segnato nella prova speciale “Il Bosco di Babbo Natale” ossia sul Colle dei Giovetti. Il “3°Giro dei Monti Savonesi Storico” era valido come ultima gara del Trofeo Rally di Zona 1 (Piemonte, Valle d’Aosta, Lombardia e Liguria) oltre che per il “10° Memory Fornaca”, per la “Michelin Historic Rally Cup” e quale ultimo atto della “Coppa 127 Pro Energy”. Il rally è stato seguito con servizi, interviste e collegamenti dall’emittente televisiva genovese Primocanale. Hanno supportano il “3°Giro dei Monti Savonesi Storico” Noberasco Spa, Bruno Basso Logistica & Distribuzione, Sauro Imballaggi, Autotrasporti Fata e Impresa Edile Vignola. Come sempre importante la collaborazione con il Comune di Albenga.

A RANZO CANTINA DEPERI: Premio cantina memorabile Liguria 2021 #golosaria

Il premio alla cantina Deperi

A marzo 2021 invece la notizia dello spumante nelle segrete del Castello. Il Metodo Classico Deperi affinato nelle segrete del Castello dei Marchesi di Clavesana di Rezzo, in provincia di Imperia, nasce dalla passione per la terra e per il vino tramandata di generazione in generazione nella famiglia Deperi.

Paolo Deperi, oggi al timone dell’Azienda di famiglia, con sede a Ranzo, sempre nell’imperiese, ha fatto il salto di qualità che ha portato questa realtà vitivinicola ai vertici, ampliando la produzione tradizionale con nuovi progetti interessanti, tra cui lo stesso Metodo Classico e il Pigato Cremen, vinificato in botte francese di rovere.  I vini Deperi, sono figli del territorio, della passione e della tradizione.

Come è nata l’idea di affinare il vino nelle segrete di un castello?
Il Metodo Classico Deperi nasce da un lungo percorso di prove e riflessioni che ci hanno portato a realizzare un prodotto unico e originale. Qualche anno fa la mia famiglia ha comprato il Castello dei Marchesi di Clavesana, risalente all’ultimo quarto del XVII sec. Il Castello da subito è stato protagonista di un progetto di recupero territoriale, per rivalorizzare le vecchie vigne di Ormeasco, il cui primo esemplare fu piantato a Rezzo dai Marchesi Clavesana nel XIV secolo. Nelle segrete del Castello lasciamo invece ad affinare sui lieviti il nostro Metodo Classico: un ambiente perfetto per la conservazione del vino, con temperatura e umidità costante, assenza di luce e rumore. Il risultato è unione suggestiva tra vino, storia e cultura.

Ci racconti di più di questo spumante, tra i migliori 100 vini d’Italia.
Quando abbiamo deciso di iniziare a produrre il Metodo Classico siamo stati in Franciacorta per una consulenza, vista la scelta azzardata di vinificare un vitigno come il Pigato.  Abbiamo iniziato aggiungendo nel corso della maturazione dei liqueur d’expedition, ma ci siamo accorti che per confezionare un prodotto veramente originale avevamo bisogno di un pas dosè, che ha dato al nostro vino un gusto molto più particolare, puro e raffinato. Al naso ha profumo di agrumi, sentori floreali e nota di crosta di pane. In bocca, il sorso ha una caratteristica acidità marcata, un perlage fine e molto persistente. La scelta di lasciare riposare le bottiglie nelle antiche segrete ci ha permesso di presentare sul mercato un prodotto originale al 100% di cui andiamo molto orgogliosi.

La famiglia Deperi vanta una storia molto antica. Come nasce l’azienda agricola?
La mia famiglia è figlia della tradizione agricola locale, già dai primi decenni dell’800 coltivava la passione per la vite.  A mio nonno, Clemente Deperi, dobbiamo il merito di averci trasmesso la passione per la viticoltura e per la nostra terra.  Quando smise di andare in campagna, all’età di 90 anni, l’azienda stava per andare in malora. In quel momento ci siamo resi conto che non potevamo lasciare morire la nostra eredità familiare. La sua dedizione a quella terra è stata la scintilla che ci ha spronato a riportare in auge la sua opera. Da una produzione agricola semplice di uve e di olio, abbiamo deciso di dare vita a un’azienda vitivinicola di tutto rispetto. Concretizzare il sogno della nostra famiglia è sempre stato il nostro obiettivo. Questo sogno ci ha portato a costruire una moderna cantina attrezzata con tecnologie all’avanguardia, in costante rinnovamento.

LOANO CHE SI FA ONORE –

LOANO – Daniele Roncallo-Dott. in Ingegneria Meccanica Energia e Produzione …. 109 – Con 180 congratulazioni di amici e parenti. Papà Pierluigi è artigiano del ferro con officina in via Degli Orsolani.

COMMENTI – Vincenzo LoggiaBravissimo e auguri per la tua meritata laurea!! Buona fortuna per il tuo futuro.
Francesca Caringella- Complimenti a questa bellissima famiglia!❤️

PIETRA LIGURE – Da Res pubblica– 1 ottobre 2021 – Complimenti alla “nostra” Nicole Genta, dottoressa in Scienze degli Alimenti e del Farmaco presso l’Università di Parma con il punteggio di 110/110! Ad maiora!

LOANO, quel 18 agosto 2021- Massimo Anselmo: 20,20……..e tutto bloccato……a livello organizzativo siete fantastici……passaggi a livello ancora chiusi

L’ULTIMA CONFERENZA STAMPA DEL SINDACO LUIGI PIGNOCCA

CON I CRONISTI ACCREDITATI A PALAZZO DORIA. LA FOTO RICORDO

Silvia Andreetto (Il Secolo XIX), Valeria Pretari (La Stampa), Selena Borgna (Consigliera di Bellezza YR, Carta Bianca Magazine e L’Eco – Il giornale di Savona, Trucioli Savonesi) Roberto Vassallo (Savona News), Luca Berto (Ivg.it- Ufficio stampa Comune di Loano)
Avatar

Trucioli

Torna in alto