Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Noli, park della discordia
Sbagliato far pagare i residenti
Ingiusto imporre il ticket alle ‘seconde case’

Massimo Venini, tra i proprietari di seconda casa a Noli, ha scritto il 1° luglio scorso sulla sua pagina Facebook. In merito alla questione parcheggi, residenti, seconde case ecc ecc. ….. e non solo, mi sono permesso inviare al signor Sindaco della V Repubblica Marinara una e-mail che, come è doveroso, sottopongo agli amministratori del gruppo che decideranno se pubblicarla o meno.

Al sig sindaco del comune di Noli Vª Repubblica Marinara
Buongiorno, Le scrivo alcuni giorni dopo aver provveduto al pagamento dell’acconto IMU sulle seconde case. Seconda casa per la quale verso, giustamente, al comune la TARI e per la quale pago bollette dei servizi con aliquote maggiorate.
Ma non sono qui per disquisire sui quattrini che devo sborsare, d’altronde se, per mia fortuna, possiedo una seconda casa è logico e giusto che ne paghi “le conseguenze”
Nel primo week end di giugno in cui è stato finalmente possibile spostarsi sono venuto a Noli per dare una occhiata alla casa nella quale (ahimè) non mettevo piede da diversi mesi.
Ho incontrato, salutato e parlato con la solita miriade di Nolesi che conosco (ci vengo da 57 anni e questo è di per sè esplicativo) e ovviamente i discorsi sono caduti sempre e con tutti sulla questione parcheggi.
Sono stato felicemente sorpreso dal fatto che tutti i Nolesi con cui ho discusso siano d’accordo sul fatto che le tariffe applicate siano inique e, soprattutto, discriminanti.
In sostanza concordavamo che è stata applicata una forte discriminazione nei confronti di chi possiede una seconda casa a Noli.
I proprietari di seconde case NON possono essere equiparati ai turisti del cosiddetto “mordi e fuggi” perché, come mi hanno confermato commercianti, negozianti, autonomi e titolari di bagni marini, sono quelli che oltre a pagare le tasse dovute, contribuiscono in maniera sostanziosa all’economia del paese.
Oltre a soggiornare per magari 3 o 4 mesi in estate, sono quelli che vengono a Noli approfittando della Pasqua, del 1 maggio del Natale e magari anche di giornate estemporanee di vacanza nel corso dell’anno.
Come mi è stato riferito da queste persone “…. voi siete quelli che ci date da mangiare” (frase magari un po’ colorita e forte ma che va ovviamente interpretata).
A chiarire ulteriormente il messaggio ricevuto Le ripeto quanto dettomi da cittadina e imprenditrice Nolese (della quale per privacy ometto il nome): “la cosa più bella di questa riapertura e rivedere finalmente le persone che hanno casa a Noli e che passano qui da me solo per un saluto ed un sorriso”.
Le tariffe che il comune ha deciso di applicare si dividono, sostanzialmente, in 2 categorie: residenti e “altri”.
Io personalmente trovo folle che un residente debba pagare per posteggiare la sua auto nel luogo dove abita, e questa mia convinzione non riguarda solo Noli, ma qualunque comune in Italia: lo trovo concettualmente sbagliato, ed il fatto che sia uno status presente in tutti i comuni non ne giustifica (per me) l’assurdità.
La tariffa categoria “altri” non prevede una tariffa agevolata per i proprietari delle seconde case e questo è, per i motivi sopra esposti, una discriminazione ingiusta e fuori di ogni logica.
Se decido di passare un mese di vacanza a Noli dovrei sborsare 300 euro per posteggiare l’auto. Francamente mi pare una esagerazione, tenendo conto che poi, da cosa ho capito, il posto non sarebbe assicurato.
Una tariffa a prezzo più agevolato e magari annuale sarebbe stata una mossa opportuna perché, non penso di dire un’eresia, i proprietari di seconde case è giusto che abbiano un trattamento diverso.
Mi è stato riferito che durante la Sua campagna elettorale Lei abbia più volte rimarcato l’intenzione di lavorare al fine di agevolare il turismo e la situazione parcheggi a Noli. Se così è mi pare che poi i fatti differiscano in modo lampante dalle parole.
Ritengo inoltre che, mai come ora, il momento di mettere in atto queste decisioni e delibere comunali sia terribilmente ERRATO
Non devo certamente ricordarLe il momento da cui siamo (quasi) usciti. C’è bisogno di ripartire, di far girare l’economia, di far arrivare gente in quella perla della Liguria che è Noli (bandiera blu per l’ennesimo anno-evviva!!!) e questi provvedimenti assurdi non fanno altro che erigere un ulteriore muro intorno alla città
E non penso e spero che questa sia l’intenzione né Sua né dei Suoi amati concittadini.
Ho appena visto on line un bellissimo video prodotto dall’Associazione CO.ART in cui si invita a trascorrere le vacanze a Noli. Bene! Questo è lo spirito giusto. Ma come si fa a venire se si fa invece il possibile affinchè nessuno o pochi possano godere di questo pezzo di paradiso storico e naturalistico?
Le austere modifiche alla viabilità/posteggi ho il timore che acuiranno il problema.
Negli anni ho visto solo scomparire. Le Nolesiadi (quante ne ho fatte), i cinema, il tennis, le sale giochi, il ping pong, le belle serate in http://p.za/ Chiappella……
Tutto ciò soppiantato dal nulla o quasi
Grazie alla Civitas Nauli per fortuna resistono ancora alcune manifestazioni di rievocazione storica.
Quando ho espresso agli amici Nolesi l’intenzione di scriverLe, sono stato invitato a non perdere tempo “….tanto non ti risponde. E’ già tanto se legge l’e-mail”. Ma io a questo non voglio credere.
Mia moglie mi dice spesso che sono nato nel mondo sbagliato perché combatto contro i mulini a vento cercando sempre la logica ed il buon senso in ogni cosa e soprattutto nell’amministrazione della cosa pubblica……ma cosa ci vuol fare sono un Alpino e quindi testardo e, come si dice, per noi nulla è impossibile.
Al fine di interpretare correttamente quanto Le ho scritto, tenga presente che possiedo anche un box e quindi il problema potrebbe non toccarmi, ma sono abituato a guardare oltre gli stupidi egoismi (della serie…che me frega, tanto ho il box). NOLI è casa mia. NOLI è nel mio cuore e vorrei vederla rifiorire e straboccare di gente festosa (purchè civile). E’ chiedere troppo?
Concludo la mia noiosa tiritera con una domanda. Come funziona la possibilità di posteggiare nei parcheggi riservati di via Matteotti ang V Monastero-p.za Aldo Moro e quello che si trova dopo l’ex campo da tennis?
Anche d’estate li vedo spesso mezzi vuoti e non capisco il perché. Ecco dove si potrebbe intervenire. Riservati ai proprietari di immobili non residenti con abbonamento annuale.
Mi scuso per la lungaggine e per averLa annoiata.
Grazie per la Sua attenzione
La saluto cordialmente e Le auguro una buona, oculata e onesta amministrazione
Massimo Venini
p.s.
Sono membro del gruppo su Facebook “Città di Noli Antica Repubblica Marinara”; per correttezza Le comunico che posterò questa mia lettera poco dopo avergliela inviata e sempre ammesso che l’amministratore del gruppo (come è giusto che sia) dia il suo benestare.
Germana Picco commenta – Lei ha perfettamente ragione. Fra le manifestazioni scomparse c’è anche la regata storica! Quando però, su una pagina di fb qualche turista si lamenta, ci sono residenti che scrivono che se va bene è così altrimenti si può andare da un’altra parte , ecco va via tutta la poesia e ci si rassegna a subire ma più che altro per i legami amicizia che si sono creati in tanti anni .( per me 45 anni che abbiamo casa a Noli )

E ALFREDO GARBARINO POSTA UNA FOTO E COMMENTO

NOLI. L’ingresso a ponente della galleria del treno, dismessa nel 1977. Da allora sono passati più di quarant’anni. In un lasso di tempo così ampio non si poteva progettarne l’ampliamento e il riutilizzo per bypassare Capo Noli? Sia pure con un realizzo (e una spesa) diluito nel tempo non avremmo oggi una valida alternativa al traffico veicolare? Mi fa sempre piacere suscitare piacevoli ricordi e simpatiche condivisioni di pensiero, ma sono sincero, mi avrebbe fatto ancor più piacere che le opportunità e le necessità storiche e infrastrutturali di questo Paese fossero state un pò più tutelate, perseguite e realizzate.

Avatar

Trucioli

Torna in alto