Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Lettera / La mia multa a Borghetto S. Spirito.
Pronto Soccorso ospedale di Albenga, Foscolo e Ripamonti sollecitano riapertura

Leggo che a Codogno è  stato tolto il divieto di stare gli uni vicino agli altri ?  E la folla che si è vista in televisione sembrava da Movida  più  sfrenata. La mia esperienza, a Borghetto S. Spirito, definita ‘città martire’ del Savonese anche per il numero di decessi nella Rsa, credo meriti una pacata riflessione. Leggi la presa di posizione degli onorevoli  Foscolo e Ripamonti  (Lega) per la riapertura del primo soccorso all’ospedale di Albenga. Notizie dell’ultima ora, inoltre, riferiscono che anche in futuro l’apertura sarà limitata a 12 ore al giorno.

Gianni Bruzzone popolare commerciante di Loano multato a Borghetto S. Spirito

A Codogno erano presenti Carabinieri, Polizia e Vigili urbani. Ho letto che a Savona, in Darsena, qualcuno si è indignato perchè nella prima Movida del venerdì sera è successo il caos: assembramenti fuori controllo nonostante la presenza massiccia di Forze dell’Ordine.

Io sono stato multato dalla Polizia locale di Borghetto S. Spirito mentre un lunedì sera, chiusa l’attività commerciale a Loano,  tornavo a casa ad Alassio, percorrendo via Ponti, anziché la parallela via Aurelia. Punito per non aver percorso il tratto più breve ? Ho dovuto pagare, anche se un legale sostiene che avrei potuto vincere e vedermi annullata la sanzione. Avrei dovuto infatti portare la vertenza al Tar (dando per scontato che il ricorso in prefettura non lascia solitamente scampo), ma mi sarebbe costato di avvocati assai più  di 378 euro. Vinci e ti paghi i tuoi  legali. Al Tar si parla di onorari minimi di 3.500 €.  Resta da chiedersi, con una certa amarezza per un cittadino rispettoso delle leggi, quando sia opportuno mettere in pratica il buon senso anche da chi indossa una divisa. E questo dovrebbe valere per tutti. O sbaglio ?
Gianni Bruzzone
OSPEDALE DI ALBENGA, FOSCOLO E RIPAMONTI:
ACCELERARE LA RIAPERTURA PRIMO SOCCORSO
SENZA ATTENDERE ANCHE QUELLO DI CAIRO MONTENOTTE

Il senatore Paolo Ripamonti e la deputata Sara Foscolo, entrambi savonesi e della Lega a proposito dell’ospedale di Albenga: “Bene riaperture Punti primo socciorso ma si velocizzi in vista di flussi turistici alle porte”

“Prendiamo atto con soddisfazione del segnale da parte dell’assessore regionale alla Sanità sull’annosa questione legata alla riapertura dei Punti di primo soccorso. La sua visione regionale è assolutamente comprensibile, ma per la provincia di Savona le tempistiche che vengono date non ci possono soddisfare. Parlare di riattivazione entro giugno significa, al più tardi, riaprire i Ppi 27 giorni dopo la riapertura degli spostamenti tra regioni. Questo sarebbe in concomitanza con un incremento massiccio di presenze nella nostra provincia e di conseguenza potenziali accessi al Santa Corona di Pietra Ligure, peraltro già sotto stress per questi mesi di emergenza Covid-19. Sappiamo che il Ppi di Albenga per accessi, struttura e personale sarebbe nelle condizioni di aprire molto prima di quanto preventivato, così come il Ppi di Cairo Montenotte, con tempistiche diverse. Fatto salvo che l’impegno a riaprire tutti i Ppi della provincia sia meritevole, sentiamo il dovere di rivendicare che per Albenga si velocizzi più possibile senza associarne l’apertura a quella di Cairo, visto che risulta chiaro a tutti non abbiano le stesse condizioni per farlo”.

 

Avatar

Trucioli

Torna in alto