Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Lusignano d’Albenga dopo 53 anni torna il presepe della Confraternita di S.Bartolomeo. A Palazzo Oddo inaugurata la bottega errante

Martedì 8 dicembre, Festa dell’Immacolata, nella frazione di Lusignano d’Albenga, per la prima volta dopo 53 anni, il Presepe torna tra le mura dell’Oratorio. Leggi anche l’inaugurazione a Palazzo Oddo della ‘bottega errante’ della scultrice Sonia Angarano. Vedi pure la serata a San Giorgio (teatro dialettale) con i protagonisti di  ‘E Brao Bacciccin’.

 

Raiko Radiuk, il priore della Confraternita di San Bartolomeo di Lusignano d’Albenga (foto Ivg.it)

L’inaugurazione del presepe tradizionale ligure  è avvenuta ad opera della Confraternita di San Bartolomeo che dopo oltre mezzo secolo, ha deciso di riportare questa tradizione all’interno delle mura del suo Oratorio.

I comunicato stampa della Confraternita ricorda: “Ci sono voluti quasi due mesi di duro lavoro da parte dei confratelli e dei volontari che tutte le sere si sono incontrati e passo dopo passo, scelta dopo scelta, abbiamo realizzato un presepe che supera i 30 metri quadrati di superficie, con più fiumi, giochi di prospettiva, le case realizzate una per una, plastici, giochi di luci. Perché il presepe vuole rappresentare non solo la nascita di un bambino, ma che la venuta al mondo di Gesù, pur avvenendo in una povera stalla di un paesino sperduto, si va a inserire in un tessuto di relazioni, nella vita di più persone, di cui questo bambino rappresenta il centro di tutto, la speranza quella notte di duemila anni fa è venuta al mondo. La speranza di un futuro migliore, di pace e prosperità per l’intera umanità”, spiegano  inoltre gli organizzatori per voce di Raiko Radiuk, priore della Confraternita e che si è distinto nel recente passato per iniziative di portata inyternazionale. “Ancora oggi dopo duemila anni questa tradizione si rinnova. Per noi il presepe non è solo un simbolo Cristiano, ma un vero e proprio messaggio di pace. Per questo abbiamo deciso di raccogliere fondi da destinarsi ai bambini del Gaslini di Genova”.

Alle 15:00 è stata celebrata la messa dell’Immacolata Concezione nella Chiesa Parrocchiale di Santa Margherita, è seguita la processione la processione con la cassa e l’artistico crocifisso, attraverso le vie del bordo. La liturgia è terminata nella piazzetta dell’Oratorio. Qui, alla presenza delle autorità ecclesiastiche e comunali, sono state aperte le porte dell’Oratorio e inaugurato il presepe.

Per chi volesse visitare il presepe, resta aperto fino a fine gennaio, tutti i sabati e domenica pomeriggio dalle 14:30 alle 20:00, mentre sarà aperto dalle 15:00 alle 19:00 nei giorni delle vacanze festive, oltre che 30 minuti dal termine di ogni messa. Per chi volesse avere informazioni più dettagliate sugli orari o prenotare una visita per se e lassa famiglia, può telefonare al num. 328-4947723.

Raiko Radiuk era tra i presenti a Wikimania, 2011, a Haifa (Israele). La conferenza viene organizzata ogni anno dalla Wikimedia Foundation per gli utenti dei progetti wiki. Il giovane ingauno, 27 anni, frequenta la Facoltà di Ingegneria Edile – Architettura dell’Università degli Studi di Genova. Grazie ad una borsa di studio ottenuta per meriti scolastici, Radiuk è tra i pochissimi italiani ad avere l’opportunità di partecipare a grande eventi, nei quali centinaia di giovani, provenienti da tutto il mondo, si incontrano per discutere sullo stato di salute del movimento Wikimedia, per creare un mondo in cui ogni singola persona possa accedere liberamente e gratuitamente alla conoscenza universale.

 

 

Avatar

S.Fasano

Torna in alto