Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Dego, il postino di Santa Giulia

A Santa Giulia, il piccolo centro sulle langhe liguri, un tempo aveva il suo ufficio postale. Il paese che sorge ad un’altitudine di 682 m.s.l. del mare, contava 742 abitanti e dista 11 km dal Comune di Dego a cui apparteneva. Qualche anno fa un abitante del Carretto, il sig. Viglino, mi ha mostrato una foto del postino coi baffi e cappello a visiera, elegantemente vestito con giacca cravatta e corpetto, nel taschino un candido fazzoletto, che faceva servizio a Santa Giulia e nel circondario; colgo l’occasione per presentarlo qui, con la sua famiglia sorridente.

La moglie del postino Pennino, serena e prosperosa, sfoggia abitualmente la sua pettinatura stile Impero che possiamo ammirare nella vecchia fotografia.

Anche il Carretto, nucleo storico sul fianco del monte ad un’altezza di 521 m. sul livello del mare, aveva la sua Posta e gli abitanti erano ben 199. Non è escluso che il portalettere con i baffi di Santa Giulia facesse le sue consegne pure per l’ufficio postale del Carretto.

Prima di proseguire nello scrivere queste vecchie novità, devo rivelare un segreto: i dati precisi che fornisco sono stati dedotti da un grande librone ingiallito che l’ex impiegato postale Alessio Siri ha salvato dal macero e mi ha messo gentilmente a disposizione.

Si tratta nientemeno che della “Guida generale amministrativa giudiziaria politica e delle comunicazioni dei comuni e frazioni di comuni del Regno d’Italia, corredata da una nota aggiuntiva degli istituti scolastici e delle R. R, Dogane” a cura di Antonio Melis, stampata a Roma nel 1928 e consegnata in dotazione a tutti gli uffici postali d’Italia.

Un documento per me curioso e utilissimo per tracciare una mappa ormai antica e poco conosciuta, ma tuttavia reale, dei nostri piccoli centri che ci riservano ancora sorprese. Come, ad esempio, scoprire che anche una piccola frazione di Dego, come Brovida, aveva la sua Posta, pur contando solo 197 persone abitanti attorno al suo campanile.

Mentre il più grande centro della Val Bormida, la ridente e prosperosa cittadina di Cairo Montenotte, aveva solo 6.873 abitanti ed un unico ufficio postale, come accade oggi che gli abitanti sono circa 15.000.  Però allora funzionavano anche gli uffici postali di Montenotte Superiore (100 abitanti) e Montenotte Inferiore, con i suoi 98 abitanti.

Non dimentichiamo Rocchetta Cairo, comune autonomo fino al 1880, che nel 1928 contava 674 abitanti ed aveva un moderno ufficio postale.

Ringrazio il neo-cairese Alessio Siri per il suo prestito librario che utilizzerò ancora un po’ per cercare altre gustose curiosità locali.

Bruno Chiarlone

 

 

Avatar

B. Chiarlone

Torna in alto