Numero visualizzazioni articolo: 1.507

La giustizia nelle vicende Fotia e del Comune di Bordighera. Il limite dei sospetti: concreti, univoci, rilevanti

La famiglia di imprenditori Fotia (Savona-Vado) risponde colpo su colpo in sede penale, civile, amministrativa. Dopo l’ultima pronuncia del Tar sulla Scavo-ter S.r.l,  un comunicato stampa: “Il Tar ha fatto il suo lavoro, ma chiede  alla prefettura di rivedere la sua posizione alla luce della sentenza del tribunale di Savona (13 agosto 2012) che ha respinto l’istanza di sequestro di beni”. E ora sul tema rapporti mafia-pubblica amministrazioni-politica e sospette infiltrazioni, il clamoroso verdetto  del Consiglio di Stato sul Comune di Bordighera. Fissa i paletti della legittimità. Quali sono?

Nel comunicato Scavo-ter, indirizzato agli organi di informazione, si dice tra l’altro “Il Gruppo Fotia attende il responso della prefettura, dopo la decisione del tribunale, affinchè provveda a rivedere la decisione interdittiva in materia antimafia del 21 giugno 2012….per dimostrare non solo l’assoluta estraneità a qualsiavoglia attività illecita in sede di acquisizione  e realizzazione di commesse pubbliche e di appalti di fronte allo spregevole tentativo di diffamare il lavoro di dirigenti e maestranze, al fine abietto di favorire la concorrenza sleale e ricavare vantaggi”.

Insomma i Fotia (iscritti all’Unione Industriale della Provincia di Savona, settore edile) non sono più disposti – vedi tutte le battaglie e citazioni legali intraprese anche nei confronti di blog, web, siti internet, giornali – ad essere ‘iscritti’ come un’azienda ed una famiglia che sulla base di semplici sospetti, abbia ‘ contiguità mafiose’.

Ad esempio, nel caso specifico della Scavo-ter e del provvedimento del Tar non c’è dubbio che è intervenuto un fatto nuovo importante. Il no dei giudici del tribunale penale (in sessione collegiale)  ad una misura chiesta dalla Dia (Direzione distrettuale antimafia) ed un’ulteriore memoria presentata dall’Avvocatura dello Stato.  Ci sono in ballo da una parte posti di lavoro, dall’altra l’assegnazione di commesse pubbliche, il  lamentato danno gravissimo di immagine  e credibilità sul mercato degli appalti, nei rapporti con gli istituti di credito. La cessione di linee di credito nell’ordine di decine di  milioni. Il destino, insomma, di un’azienda tra le più importanti della provincia e la maggiore nel settore del movimento terra.

Il discorso sintetizzato in parole povere è semplice. Se esistono elementi concreti, di certezza, sentenze che provano l’esistenza di un ‘filo rosso mafioso’ è un conto, se invece si colpisce un’azienda, una famiglia di origine calabrese in questo caso, esclusivamente sulla base di rapporti investigativi, allora non siamo più in uno stato di diritto.  Con tutto ciò che comporta e impone in una società democratica, ma di facile arbitrio.

La svolta, di conseguenza, può arrivare solo da  sentenze che sanciscano la verità giudiziaria. E’ quanto chiedono a gran voce i Fotia.

Per una storia assai diversa, ma pur sempre a sfondo mafioso, è quanto reclamava  l’ex sindaco di Bordighera, Giovanni Bosio, dopo lo scioglimento del consiglio comunale nel novembre 2011. Ora è arrivata la sentenza del Consiglio di Stato. Conterrà pure una clamorosa svista – come hanno fatto notare diversi articoli di giornale –  sulla recente condanna (peraltro non passata in giudicato) di alcuni pregiudicati calabresi.  Sta di fatto che emergono dal responso del massimo organo della giustizia amministrativa aspetti chiave ai quali si dovrebbero attenere i giudici chiamati a pronunciarsi su casi di sospette “infiltrazioni mafiose”.

Serve soprattutto a fare chiarezza,  in un momento in cui la Liguria  è al centro di diverse inchieste scottanti sulla criminalità organizzata (‘ndragheta soprattutto) ed i rapporti con la politica-affari-voto di scambio. Così come accade in altre regioni italiane, non solo del Sud. Vedi recenti casi in Lombardia, con arresti clamorosi di insospettabili.

Quali sono le linee guida indicate dal Consiglio di Stato? Singoli casi di intimidazione – e in provincia di Savona finora questo filone non pare sia emerso –  o anche di condizionamento, pur se accertati,  non sono sufficienti a sciogliere un Comune per infiltrazioni mafiose, perché la volontà elettorale può essere superata solo  con elementi più forti.

Un episodio di omesso controllo  sull’affidabilità morale in un appalto  deve produrre una sanzione nei confronti del funzionario responsabile, ma non segnala da solo una ‘scorretta gestione di risorse pubbliche con vantaggio per la criminalità organizzata’.

Su queste basi,  il Consiglio di Stato ha annullato lo scioglimento per infiltrazioni mafiose del Comune di Bordighera con i suoi 11 mila abitanti.  Il provvedimento fu firmato dall’allora ministro degli interni, attuale segretario della Lega  Nord, Roberto Maroni ed aveva  superato l’esame del Tar che respinse il ricorso del sindaco.

Altro elemento che merita attenzione, messo in luce da alcuni osservatori. La sentenza del Consiglio di Stato  non smentisce la presenza  ‘ndrangheta sul territorio del ponente  e la sua ombra sulla politica (lo stesso sindaco Bosio del Pdl è indagato per voto di scambio in attesa, occorre ribadirlo, di una sentenza). Ha un rilievo che supera il caso specifico del Comune ligure,  soprattutto nella parte in cui illustra le caratteristiche degli elementi  che possono fondare la decisione di scioglimento.

Proprio per tutelare al massimo  la volontà elettorale, la norma sullo scioglimento per mafia era stata riformata  nel 2009 stabilendo che i presupposti  vadano individuati  in “elementi concreti, univoci e rilevanti“.

La pronuncia declina queste caratteristiche, spiegando che gli elementi di infiltrazione devono essere “assistiti da un obiettivo e documentato accertamento della loro realtà storica” (concreti), sicuramente rivolti a modificare i processi di decisione (univoci) e pesanti a tal punto da “compromettere il regolare svolgimento delle funzioni dell’ente locale” (rilevanti).

Se il quadro non è così delineato lo scioglimento è illegittimo.

La sentenza integrale del Tar Liguria sulla Scavoter di Vado Ligure della famiglia Fotia.

Il Comunicato stampa della Scavo-ter Srl  del 12 gennaio 2013

Condividi!
    Print Friendly and PDF

    collabora

    collabora

    Segnalazioni e consigli

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    Archivio Articoli

    Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su Accetta Più info

    Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. Ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 D. Lgs. n. 196/2003 si rende noto quanto segue: I Suoi dati saranno trattati nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti soltanto dagli autorizzati, esclusivamente per dare corso all’invio della newsletter e informarla sulle novità editoriali del settimanale. Il conferimento dei dati ha natura obbligatoria e autorizza al trattamento in relazione alla sola finalità sopra esposta. Il rifiuto di fornire tali dati comporterà l’impossibilità di inoltrarle via e-mail le informazioni relative alle notizie riportate da: Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. I Suoi dati non saranno comunicati a terzi, né diffusi. Lei potrà rivolgersi in qualunque momento al Servizio newsletter attraverso l’indirizzo Blog@trucioli.it per esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs 196/03. I dati sono trattati elettronicamente, in modo da garantirne la sicurezza e la riservatezza, e sono conservati presso il’archivio di trucioli.it Nel rispetto del art. 7 della legge di cui sopra ti informiamo che puoi modificare o rimuovere completamente i tuoi dati scrivendo a blog@trucioli.it.

    Chiudi