Numero visualizzazioni articolo: 1.964

Caffeina per restare svegli. Ogni tanto una buona notizia

I nostri nonni dicevano che le ‘disgrazie non arrivano mai da sole’, un fondo di verità a tutt’oggi valido.  Questa mattina le locandine del giornale ‘più amato dei liguri’, edizione di Savona, spifferavano a grandi caratterri ‘1oo euro di pensione in meno a chi ne ha oltre 1.2oo nette mensili’.  Mi dicevo, mentre correvo al lavoro sperando di non trovare la lettera di licenziamento a motivo degli esuberi, sarà che hanno anticipato il 1° aprile, è uno scherzo, non è possibile.
 Poi, un piccolo dubbio e, crepi l’avarizia, ho acquistato una copia del giornale (per inciso, il mio giornalaio, anche lui in forte crisi economica e depressiva, sotto banco, ai clienti più affezionati, regala una copia ogni dieci acquistate) e appurato: i 1oo euro, alla chetichella, già sono stati sottratti dal questo mese di gennaio, senza alcun preavviso dall’INPS  che è comunque  a disposizione per  ogni delucidazione in merito ma solo esclusivamente via telematica.
Che  ben si sa, i signori pensionati, giovincelli dai 65 anni e oltre (anche un po’  brinconcelli e dispettosi in quanto si rifiutano di passare  a ‘migliore vita’, in tempi brevi  smettendo così di succhiare a ‘sbafo’ ogni giorno di più le tette di mamma Stato), sono ovviamente dei maghi nell’uso del computer e di internet.
E necessita anche masticare di un po’ di economia e di politica, il bilancio dello Stato, particolarmente in questo momento così drammatico, ha necessità di mantenere il proprio equilibio, quindi nulla di strano che i recenti appannaggi riservatesi tout-court  dai nostri Parlamentari & company, siano dipanati, coperti dal prelievo di chi dispone di ben 1.2oo euro di pensione al mese, magari 1.300, o poco più, con fitto da pagare, moglie e figli a carico, anziani in casa e malati.  Che in questo nostro Paese, disgraziato e burlesque, togliere magari 2/3.ooo euro di pensione a chi ne percepisce oltre 20.ooo mensili sarebbe un atto rivoluzionario, da ghigliottina per i proponenti (…e infatti nessuno lo propone: dei nostri politici).
Non resta che arrangiarsi, certo che fa male al cuore, in queste brumose serate nelle  periferie di città, vedere le ragazze di vita  inalberare cartelli con la scritta ‘fai due, paghi una’.
Cosi’ va il mondo, pardon l’Italia’, bellezza! anche la speranza si è smarrita, è una colomba nera nella notte nera: non si vede e non si capisce più un ‘c..zo’.
SALDO NEGATIVO  
 ‘Scomparsi’ 26 milioni di euro a ridosso dello scioglimento dell’ex partito di Fini, ‘Alleanza Nazionale’ nel marzo del
2009, che tutti ben ricordiamo come uno dei siparietti più esilaranti della politica italiana, quel dito alzato di Fini rivolto a Berlusconi con quel ‘che fai, mi cacci?’.
In quattro e quattr’otto (che in Italia, è regola che ogni esodato,espulso o quant’altro, fondi un partito nuovo)  nasce ‘Futuro e Libertà’ che in quanto a ‘libertà’ è sempre la stessa se non peggio, mentre come ‘futuro’, se come palesato a tutt’oggi…meglio il passato: rimangono con Fini un gruppuscolo di fedelissimi, mentre un altro, cosiddetto dei colonnelli ma meglio sarebbe definire dei caporali, si annacqua nel Pdl.
A definizione di questa ‘operazione logistica’, divisione degli ‘stracci e dei quattrini’, si attiva, nel 2011, una Fondazione nella quale, e così è stato, ha confluito il patrimonio spettante ad Alleanza Nazionale: solo che oggi, a distanza di meno di due anni, si scopre, si svela l’altarino di un saldo negativo di ben 26 milioni di ero, il tutto allo scandaglio della Finanza che vuol vederci chiaro. Con molteplici e alcuni sospetti conti bancari (si cerca anche all’estero), pagamenti di laute parcelle a favore di consulenti ed avvocati (e qui c’è da ridere…) impegnati a difendere il Pdl, mentre risulta un prestito di circa 4 mila euro da parte del Pdl a favore di Alleanza Nazionale.
Insomma, qualche pastrocchio deve essere accaduto, come esempio e a proposito, ricordiamo che nel maggio del 2011, Patrizia Cancelli, collaboratrice e creditrice  nei confronti della Fondazione, ha ottenuto dal Tribunale il pignoramento di un immobile personale di Gianni Alemanno: a pagare, ‘ovviamente’ non fu  il Sindaco ma la Fondazione.
BERLUSCONIANA
* Nella ormai celebre trasmissione di Santoro ‘Servizio Pubblico’ , Berlusconi, prima di accomodarsi, pulisce accuratamente la sedia dove fino a quel momento era stato seduto Travaglio: a significare per i malpensanti, i sordi e i ciechi, che lui, il Cavaliere, è ‘una persona estremamente pulita’.
* Nell’incontro con il  candidato degli ‘arancioni’  il P.M. Ingroia, l’altro ieri, il Cavaliere ha mimato le manette ai polsi e tutti, ovviamente, a ridere: e non ci sarebbe nulla di scandaloso, ” i comici fanno ridere’, se non fosse per la tristezza che anche il  Magistrato ha riso di gusto.
* La campagna elettorale si sta rivelando sempre di più come una pantomina pro allocchi, pare infatti funzionare in termini di percentuali di voti, l’esibizione a ruota libera e senza alcuno ritegno di molti dei nostri politici in gara: per tutti, maestro insuperabile, si è visto il Cavaliere entrare in una panetteria e mostrare orgoglioso una grande pane fresco di forno, come dire di non preoccupasi (i cittadini, cioè gli allocchi)  che di ‘pane ce n’è per tutti’, di brioche forse un po’ meno, ma senza alcuna sua colpa essendo solamente un politico e non Maria Antonietta ( e meno male, con la brutta fine che ha poi fatto).
Gianni Gigliotti
Condividi!
    Print Friendly and PDF

    collabora

    collabora

    Segnalazioni e consigli

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    Archivio Articoli

    Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su Accetta Più info

    Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. Ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 D. Lgs. n. 196/2003 si rende noto quanto segue: I Suoi dati saranno trattati nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti soltanto dagli autorizzati, esclusivamente per dare corso all’invio della newsletter e informarla sulle novità editoriali del settimanale. Il conferimento dei dati ha natura obbligatoria e autorizza al trattamento in relazione alla sola finalità sopra esposta. Il rifiuto di fornire tali dati comporterà l’impossibilità di inoltrarle via e-mail le informazioni relative alle notizie riportate da: Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. I Suoi dati non saranno comunicati a terzi, né diffusi. Lei potrà rivolgersi in qualunque momento al Servizio newsletter attraverso l’indirizzo Blog@trucioli.it per esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs 196/03. I dati sono trattati elettronicamente, in modo da garantirne la sicurezza e la riservatezza, e sono conservati presso il’archivio di trucioli.it Nel rispetto del art. 7 della legge di cui sopra ti informiamo che puoi modificare o rimuovere completamente i tuoi dati scrivendo a blog@trucioli.it.

    Chiudi