Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Ricordo che a Londra, olimpiadi

LONDRA OLIMPIADI 2012  *  Ricordo che a Londra, quando ancora non avevo i baffi, le ragazze ti portavano a letto ma pretendevano assolutamente di pagare la corsa del taxi Oggi ugualmente ti portano a letto ma prima vogliono sapere quando hai fatto l’ultima doccia, quanto hai in banca e quanto sei disposto a sborsare per gli extra più qualche souvenir che ricordi loro ‘la simpatia canaglia degli italiani’ e, ovvio, il taxi te lo paghi.

E’ superfluo sommare gli aggettivi di ammirazione per questa Olimpiade, almeno per quando concerne la grandiosità dell’inaugurazione: una maccchina organizzativa perfetta, pur dal costo quadruplicato rispetto al preventivo iniziale, il pianeta intero a bocca aperta: dalla ripresa sott’acqua delle sorgenti del Tamigi a tutto il percorso fino a Londra, dalla focalizzazione del servizio sanitario con una spianata di lettini e bimbi accuditi da giovani infermiere, al solito humor inglese con la Regina (sosia) che si lancia assieme a James Bond dall’elicottero, a quella nuvoletta impertinente sali-scendi a ricordare e sfottere per lo spread. 

 Certo che se l’Inghilterra avesse fatto parte della Comunità Monetaria Europea, sarebbe stata una bella dimostrazione al resto del mondo di quanto ancora nel  vecchio Continente  c’è capacità, volontà, coraggio e merito.  Con un piccolo neo, per l’Italia, di una grande occasione fortunatamente persa: la rinuncia  a suo tempo quale sede alternativa a queste Olimpiadi.  

Penso che sarà difficile, per fantasia  e mezzi tecnologici, superare in bellezza queste Olimpiadi, salvo, come pare certo, che le prossime non si tengano sulla Luna .

 

Gianni Gigliotti

www.azioneriformista.

 

Avatar

Trucioli

Torna in alto