Numero visualizzazioni articolo: 420

Notizie da Alassio, Andora,
Borghetto S. Spirito, Savona, Varazze

Leggi le notizie da Andora,  Borghetto Santo Spirito, Savona, Varazze. Ultima ora: è mancato ad Alassio il ‘mitico’ maresciallo (luogotenente) Nicola Marino, 74 anni, lascia la moglie Maria, la figlia Monica ed il figlio Antonio. I funerali, lunedì 21 novembre, nella parrocchia di Sant’Ambrogio.

L’ultima foto del maresciallo Nicola Marino in divisa (Silvio Fasano)

Marino era un personaggio in divisa che ha prestato  servizio per molti anni nel comando di Alassio dove ha ricoperto  più ruoli. Era conosciuto nella cittadina rivierasca, ma anche nel comprensorio albenganese dove era stato destinato dopo Alassio.  Nicola Marino, come altri colleghi che sono rimasti a lungo nella Riviera di ponente, conosceva a fondo il territorio, le realtà sociali e soprattutto aveva fiuto quando si trattava di compiere operazioni anticriminalità o di prevenzione. Ha ricevuto diversi encomi. Sapeva essere duro  e severo quando era il caso, ma anche mettere in pratica il buon senso, umanità, senza accanimento. Il figlio Antonio ha inizialmente seguito la sua strada, poi ha preferito dedicarsi alla vita forense come avvocato. La moglie Maria insegnante, anche lei oggi in pensione.  Le esequie, ad Alassio, alle ore  10 di lunedì  21 novembre.

La mitica squadra dei marescialli in servizio nelle più importanti caserme dei carabinieri della provincia di Savona negli anni ’90. Nicola Marino il secondo da sinistra, vicino al collega Rimicci della stazione di Albisola (foto archivio trucioli.it)

ANDORA, ARTIGIANI PROTAGONISTI- L’ASSOCIAZIONE “ARTI E MESTIERI” CONSEGNA I RICONOSCIMENTI 

Salvatore Derosa presidente Arti e mestieri ad Andora

Andora – Una serata per valorizzare e parlare dell’importanza del lavoro artigiano, premiare chi si è distinto nella professione e coinvolgere le nuove generazioni.

Venerdì 18 novembre, allo ore 20.30, nella sala Polivalente di Palazzo Tagliaferro, l’Associazione “Arti e Mestieri”, propone un incontro sui temi che riguardano gli artigiani, le loro attività e la consueta cerimonia di consegna dei riconoscimenti agli operatori savonesi.

Una premiazione, che gode del patrocinio della Regione Liguria e del Comune di Andora. Il riconoscimento è dedicato quest’anno ad un illustre artigiano del vetro, il maestro vetraio Bernardo Perotto, originario di Altare ed emigrato in Francia.

“La nostra iniziativa, oltre a premiare gli artigiani che abbiano operato con competenza e professionalità, per almeno vent’anni, nei vari settori dell’artigianato, vuol essere un’occasione per incoraggiare coloro che hanno capacità e volontà a trasmettere il loro sapere alle nuove generazioni – ha spiegato Salvatore De Rosa, presidente dell’Associazione “Arti e Mestieri” – Facciamo molti incontri nelle scuole, in tutto in Nord Italia e constatiamo un grande interesse da parte dei ragazzi a cui vogliamo comunicare i valori della serietà del lavoro e far capire che i mestieri artigiani possono dare grandissima soddisfazione, se fatti con passione, impegno, professionalità e onestà.”

 

 

ANDORA, SI’ AL GEMELLAGGIO CON LARVIK:

DELEGAZIONE DELLA CITTA’ NORVEGESE IN VISITA NELLA LOCALITA’ LIGURE

COMUNICATO STAMPA -Andora, Delegazione di Larvik in visita ad Andora. Il comune ligure ha accettato la proposta di gemellaggio con quello norvegese, patria di Thor Heyerdahl, il grande esploratore che nel 1956, fece del borgo andorese di Colla Micheri il suo buon ritiro.

Ancora prima che sia sottoscritto il solenne giuramento di fratellanza, il Sindaco di Larvik Rune Hoiseth ed il Presidente del prestigioso Istituto Thor Heyerdahl, Knut Pihl, hanno voluto incontrare il sindaco Mauro Demichelis per presentare una serie di progetti culturali, sportivi, economici e di scambio con il comune ligure. Della delezione facevano parte anche l’assessore allo Sport ed alla Cultura Bard Jacobsen ed il responsabile della Scuola d’Arte di Larvik Endre Lindstol che hanno incontrato il vice sindaco Paolo Rossi e l’assessore alla cultura Maria Teresa Nasi.

“Si stanno ponendo le basi per una collaborazione che andrà ben oltre il ricordo di Thor Heyerdahl che è naturalmente centrale nel rapporto fra la Norvegia e Andora – ha spiegato il sindaco Mauro Demichelis – I rappresentanti del comune di Larvik, si sono interessati ai prodotti della piana come il Basilico Genovese Dop, quelli orticoli e oleari che hanno conosciuto attraverso visite in aziende locali. Andora e Larvik sono unite anche dalla coltivazione di una particolare aromatica, l’aneto, conosciuta in Norvegia come “dill” molto utilizzata nella cucina dei paesi nordici. Ad Andora c’è un’azienda che, da tre anni, coltiva questa pianta che viene venduta prevalentemente in Norvegia”.

La delegazione ha visitato proprio le serre dell’azienda Paolo Bracco, ha assaggiato il dill che ha giudicato di ottima qualità. La filiera di produzione e vendita del basilico è stata invece presentata nelle serre dell’azienda agricola di Anastasio Ziliani, mentre nel frantoio Fratelli Morro, si è svolta la degustazione di locale olio extravergine d’oliva che è seguita a quella di tipicità locali, Olio di Rollo e vino di Colla Micheri che si è svolta a Palazzo Tagliaferro al termine dell’incontro istituzionale. La delegazione ha, inoltre, scoperto la coltivazione del ciclamino con l’azienda Caviglia. Gli incontri preliminari sono strettamente operativi, organizzati in contatto con il territorio ed evitando costi a carico delle casse comunali. Il tour ad Andora ha toccato il porto di Andora, il litorale, il polo culturale di Palazzo Tagliaferro ed il Museo Mineralogico Dabroi ed i principali monumenti andoresi.

“Sono disponibili a portare ad Andora iniziative culturali e veliche dedicate ai ragazzi ed sono interessati alla nostra offerta turistica ed ai prodotti della piana – conclude il sindaco Demichelis – hanno dimostrato una grandissima sensibilità verso la nostra cultura agricola e verso le bellezze di Andora e di condividere la nostra volontà di realizzare un gemellaggio fatto di progetti che possano avere dei risvolti economici e culturali concreti”.

BORGHETTO SI ACCENDE PER IL NATALE

Incontro con le realtà associazionistiche per programmate eventi e manifestazioni

L’incontro del commissario Santanastaso e funzionari comuni con le categorie cittadine per dare concretezza alle manifestazione ed luminarie natalizie

COMUNICATO STAMPA - Proseguono gli incontri del Commissario Straordinario, che governa l’Ente dal mese di Luglio 2016 in sostituzione dell’Amministrazione Comunale, con le associazioni, i rappresentanti delle categorie, i comitati e le società, finalizzate a conoscere ulteriormente le varie realtà Borghettine, ascoltare le esigenze, fornire le doverose e dovute risposte ed instaurare una proficua ed indispensabile collaborazione.

Dopo le riunioni estive che avevano affrontato e trattato le esigenze immediate della città, nel periodo di massimo afflusso turistico, si è svolta, presso la sala consigliare, un nuovo e partecipato incontro per la programmazione degli eventi natalizi 2016.

L’obbiettivo era quello di arrivare ad una offerta turistica che rilanci l’immagine del paese successivamente alle notizie che erano state diffuse in merito alla situazione economica del Comune ed alla consistente riduzione degli eventi d’intrattenimento estivi. Il focus naturalmente il prossimo Natale 2016 e Capodanno 2017.

Erano presenti i diversi soggetti attivi sul territorio per cercare di creare un’offerta turistica condivisa e partecipata.

Si è compiuta una riflessione sull’andamento della stagione turistica conclusa e si è cercato di individuare una strategia di marketing ritagliata “su misura” sulle necessità delle prossime festività in linea con le disponibilità e la situazione di bilancio comunale, che è in fase di riequilibrio

E’ emersa la necessità di realizzare una programmazione condivisa che abbia una tempistica tale da consentire di promuovere gli eventi per tempo e proporre possibilità di svago per i cittadini, siano essi residenti o turisti. Un percorso per giungere alla creazione e gestione di una valida offerta turistica natalizia coinvolgendo tutti quanti operano in questo settore.

L’incontro è stato positivo e ricco di spunti, con un confronto aperto e costruttivo. Ognuno è stato chiamato a dare il proprio contributo propositivo per il bene della comunità e degli ospiti che verranno a trascorrere le vacanze.

Si tratta di un’occasione di confronto – ha commentato il dott. Andrea Santonastaso, Commissario Straordinario – tra il Comune e tutti coloro i quali sono interessati, direttamente o indirettamente, alla programmazione degli eventi turistici. Le risorse da investire non sono molte ed è per questo motivo che abbiamo l’obbligo, oggi più che mai, di capitalizzare al meglio l’impiego di ogni risorsa. Il Comune, anche in questo periodo non facile sotto l’aspetto economico-finanziario, ha mantenuto in essere tutti i servizi ed evitato tagli nei settori determinanti, soprattutto per i servizi al cittadino. E’ necessario però sviluppare una dialettica collaborativa con tutte le realtà associazionistiche, commerciali, artistiche, sportive e culturali, per fare in modo che la nostra programmazione sia quanto più condivisa ed inclusiva di idee ed esigenze diverse.”

Il rilancio economico della nostra città – ha proseguito il Commissario – è attuabile soltanto se ci convinciamo tutti, della necessità assoluta, di effettuare anche iniziative di carattere turistico, intrattenimento, svago ed associazionismo. Per questo abbiamo bisogno del contributo delle associazioni di categorie economiche, sportive, culturali oltre che dei concittadini, perché senza partecipazione non si raggiunge alcun risultato. Amministrazione comunale e realtà associazionistiche devono camminare di pari passo.L’auspicio – ha concluso il dr. Santonastaso – è quello di avviare una fattiva collaborazione che, oltre al Natale, possa guidarci ad una programmazione estiva capace di soddisfare le esigenze dei Borghettini per attrarre turisti e rilanciare l’economia cittadina nella prossima estate 2017.”

La preoccupazione che da molte settimane impensieriva i cittadini è conclusa: Borghetto si accende per il natale !!! Per le prossime festività sarà garantito ed effettuata l’illuminazione natalizia nelle principali piazze del paese e realizzate manifestazioni in grado d’intrattenere turisti e cittadini.

Il calendario che è in fase d’imminente completamento ed approvazione prevede saggi artistici, laboratori di creatività e manualità, lo svolgimento del presepe vivente nel giorno di S.Stefano, il tradizionale cimento invernale del 27 Dicembre oltre che l’indispensabile Capodanno in piazza che quest’anno sarà condotto dal Dj Franco Branco. Non mancheranno anche gli eventi culturali con la consolidata iniziativa delle strenne di Natale che inizieranno il 28 Dicembre e si concluderanno il 4 Gennaio 2017.

Esso presenta per l’Ente una particolarità da non trascurare: grazie alla collaborazione con tutte le realtà intervenute, le quali hanno fornito la loro preziosa disponibilità, avrà un costo limitatissimo per il bilancio comunale.

Michele MANERA – Unità operativa di Staff del Commissario

BORGHETTO S. SPIRITO UNA BELLA NOTIZIA:ALUNNI PROTAGONISTI DEL 4 NOVEMBRE

Una buona novella dalla cronaca di Borghetto S. Spirito. L’iniziativa del commissario straordinario, Andrea Santanastaso, di celebrare solennemente la ricorrenza del 4 novembre, coinvolgendo anche il mondo della scuola. In particolare gli uomini e le donne del domani. Coloro a quali verrà affidata la sorte della città, destinati ad ereditare – parliamo del tessuto economico sociale e urbanistico – l’opera dei genitori, dei pubblici amministratori che si sono avvicendati, di ciò che resta o non resta della classe dirigente e politica, di chi in prima persona o dietro le quinte ha mosso e forse muove le pedine del potere. Nel bene e nel male, curando gli interessi collettivi o quelli personali. Dando buon esempio o cattivo esempio, lasciando purtroppo molte macerie. E’ importante e qualificante avvinare, nonostante tutto, i giovani alla vita della comunità, facendo conoscere i valori e i disvalori.  Per la storia i martiri che hanno dato la vita per la Patria, per il dovere.

SAVONA APPROVAZIONE PIANO DI RIEQUILIBRIO DECENNALE

Silvano Montaldo assessore al Bilancio

Il Consiglio Comunale di Savona ha adottato il piano decennale di riequilibrio finanziario. “Il piano prevede il ripianamento del disavanzo stimato dell’anno 2016 di Euro 13 milioni nel decennio 2016/2025 e, oltre a prospettare un risanamento di una cifra importante, mette le basi per poter affrontare diversi aspetti: una migliore efficienza nella gestione delle entrate comunali con una attenta e scrupolosa gestione dell’evasione e della riscossione; una razionalizzazione delle spese; la riorganizzazione della pianta organica; una revisione del patrimonio disponibile”, afferma Silvano Montaldo, Assessore al Bilancio.

“Se il piano di risanamento verrà approvato dagli organi competenti, il bilancio del Comune di Savona riuscirà a superare un difficile momento finanziario e iniziare a guardare a un futuro senza particolari insidie”, prosegue. “È di tutta evidenza che il piano presentato richiede sacrifici e necessità di una forte e pesante ristrutturazione organizzativa. I tagli di spesa sono infatti relativi agli oramai noti capitoli di spesa, ma riguardano anche una concezione diversa di come spendere e ci obbligano a

rivedere con più attenzione concessioni, patrocini, contributi e progetti. Non è più pensabile concedere beni, servizi e contributi senza una approfondita analisi e, senza avere chiaro l’obiettivo generale – che è il bene di tutti e non solo di una fascia a volte ristretta, di cittadini”.

Il piano è articolato su due sezioni. La prima, relativa alle cause che hanno determinato lo squilibrio e la seconda il risanamento. Nel piano di risanamento vengono individuate le azioni correttive, sia in termini di entrata che in termini di spesa. La manovra sulle entrate, oramai note, indice, sommariamente per 2.1 milioni di maggiori entrate, mitigate da 1.7 milioni di minori entrate e quindi un saldo di 400 mila di maggior gettito. Il risparmio sulla spesa stimata è di 3.8/4 milioni.

“Ovviamente, non si potranno garantire tutti servizi che in passato venivano erogati, ma è di tutta evidenza che i servizi offerti hanno portato a una situazione deficitaria che oramai è divenuta insostenibile e che se protratta porterebbe in meno di un anno il Comune di Savona a un Commissariamento, togliendo alla città e alla politica ogni scelta discrezionale che, dal 2017, si potrà nuovamente attuare, con qualche sacrificio”, nota ancora l’Assessore.

“Questa manovra ci permette di riportare in equilibrio il bilancio di previsione stimato dell’anno 2017/2019 e ci permette di iniziare a rientrare del disavanzo 2016 (13 milioni), che seguirà sino al 2025. Non si nega una certa irritazione nel dover iscrivere nel piano finanziario, seppur in maniera precauzionale, un accantonamento per la possibile sanzione per lo sforamento del patto di stabilità dell’anno 2016 per un ammontare di 1.5 milioni. Con l’approvazione del piano di riequilibrio edefinito il bilancio di previsione 2017/2019 si torna, con i motori al minimo e con le risorse disponibili, a fare politica. Si torna a fare politica leccandosi le ferite, ma si torna a fare politica”, conclude l’Assessore al Bilancio del Comune di Savona Silvano Montaldo.

SAVONA – Dichiarazione di voto sul “Piano di riequilibrio finanziario pluriennale” di Daniela Pongiglione

Daniela Pongiglione di noi per Savona, consigliere comunale

COMUNICATO STAMPA – Sulla manovra di riequilibrio oggi in esame, ho espresso alcune considerazioni già in Commissione. Oggi vorrei fare una riflessione generale sulle scelte che stanno alla base della politica economica della Giunta.

In Italia ci sono 6 milioni di Cittadini sotto la soglia di povertà. Noi non dobbiamo contribuire ad aumentare tale condizione anche nella nostra Città.

In particolare, sono assolutamente da non condividere gli interventi sui Servizi, quelli che interessano le giovani famiglie con bambini, quelli che imporranno a tante donne la rinuncia ad andare a lavorare fuori casa. Con l’attuale Bilancio noi stiamo colpendo le fasce economicamente e socialmente più deboli. Dovremmo invece intervenire con scelte che riguardino coloro che non vengono interessati dall’aumento del costo delle mense scolastiche o degli asili nido.

Con l’abolizione dell’IMU prima casa, voluta dal Governo, non ci troviamo più in una condizione di equità. Noi dobbiamo chiedere contributi fiscali a chi se li può permettere, nello spirito più democratico e costituzionale della collaborazione tra le parti.

E l’Associazione nazionale dei Comuni Italiani (ANCI) deve fare sentire con forza le richieste delle Amministrazioni e dei Sindaci che non possono più sopportare i tagli, se non addirittura l’azzeramento, dei trasferimenti dallo Stato.

C’è anche il problema del reperimento Fondi europei.

A tale proposito vorrei sollecitare la creazione, negli Uffici comunali, di un gruppo di esperti che siano in grado di trovare i finanziamenti messi in campo dall’Europa, non solo per le grandi opere dell’Urbanistica, come sta succedendo ora. Si tratta invece di trovare fondi e individuare i Bandi europei finalizzati a investimenti nei settori dell’economia locale, del sociale e della cultura.

Ieri il Sindaco ha elencato tante ipotesi nell’ambito culturale. In molti casi, saranno necessari progetti concreti con cui partecipare ai Bandi europei, negli ambiti della produzione agricola del biologico e della ristorazione a Km.zero, nell’ambito del turismo e dell’industria.

La mancanza di lavoro non deve essere una maledizione a cui ci stiamo rassegnando.

E alle difficoltà economiche dell’Amministrazione, non dobbiamo reagire solo con i tagli. Dobbiamo invece intervenire con progetti e iniziative, con un Piano coraggioso di investimenti, per risollevare la nostra economia e il clima culturale della Città.

I nostri giovani devono poter essere ancora fiduciosi. Noi glielo dobbiamo garantire.

L’Assessore Montaldo, sollecitato più volte a individuare chi siano i responsabili dell’attuale situazione del Bilancio, ha dichiarato che non si è percepita la presenza di dolo.

Io mi permetto di rilevare che non è competenza di un privato Cittadino, né di un Amministratore, il definire il dolo, che è compito esclusivo della Magistratura.

E’ invece necessario individuare quali siano state le cause dell’attuale disastro della finanza cittadina (inadempienze, scelte non oculate, errori e criticità di vario genere). Tenete conto che pochi anni fa il dott. Luciano Locci, che aveva fatto parte del Collegio dei Revisori, lasciò una memoria scritta in cui sollevava e denunciava metodi e inadempienze messi in atto nelle Amministrazioni da lui controllate.

Si dovrebbero allora portare tutti gli elementi alla conoscenza degli Organi collegiali (Giunta, Commissione, Consiglio comunale) perché vengano individuate le responsabilità di chi ha operato le scelte e ha gestito i Bilanci, di chi le ha avallate (anche obtorto collo), e di chi ha controllato in modo troppo soft. Queste sono responsabilità non di tipo penale, ma certamente amministrative e politiche e queste devono essere valutate dagli organi collegiali e dai Cittadini savonesi.

Daniela Pongiglione

SAVONA CON GUSTO GUSTO, MOSTRA MERCATO DELLA BUONA TAVOLA

Sabato 19 e domenica 20 novembre, dalle ore 10.00 alle ore 20.00, Corso Italia a Savona ospita un nuovo appuntamento di Savona con Gusto, mostra-mercato rivolta agli appassionati della buona tavola e a tutti coloro che vogliono riscoprire i sapori semplici e genuini dei migliori prodotti tipici italiani.

«Le oltre trenta imprese agroalimentari di qualità coinvolte nell’iniziativa – afferma Fabio Bongiorni, presidente dell’Associazione Nazionale La Compagnia dei Sapori – sono state contattate e selezionate in base alla tipicità, all’eccellenza della produzione e alla provenienza territoriale. Alcune sono state segnalate su importanti guide enogastronomiche e pubblicazioni che valorizzano l’eccellenza regionale italiana».

Per due giorni i visitatori avranno la possibilità di conoscere l’identità delle regioni attraverso un entusiasmante viaggio nel gusto tra le eccellenze del nostro territorio: dalla pasticceria ligure a quella siciliana, dalla liquirizia grezza calabrese ai liquori artigianali sardi, dai salumi toscani a quelli piemontesi, dai taralli pugliesi lavorati a mano alle conserve piemontesi. Ed ancora frutta e verdura di stagione, formaggi campani, olio extravergine di oliva, Parmigiano Reggiano, miele e prodotti dell’alveare, pesto, vino, cioccolato artigianale..

Per appassionati e curiosi, a cornice della mostra-mercato, sabato 19 novembre alle ore 16.00 è in programma “Fantasia d’Autunno”, show cooking a cura dallo chef ligure stellato Mauro Manfredi. Il pubblico avrà la possibilità di osservare un grande Maestro all’opera che si cimenterà con le verdure di stagione, in particolare la zucca e le castagne, accompagnate da coscette di galletto ripieno.

L’evento, voluto dal Comune di Savona, è ideato dall’Associazione Nazionale La Compagnia dei Sapori, che dal 2004 sostiene e promuove artigiani del gusto, aziende agricole e piccoli produttori dell’enogastronomia regionale italiana che fanno della qualità, del forte legame con il territorio e delle lavorazioni il loro punto di forza.

SAVONA- L’ACCADEMIA MUSICALE FERRATO – CILEA HA RIAPERTO I CORSI 

Ferrato dell’Accademia musicale

Dopo un lungo periodo di enormi difficoltà economico-finanziarie e pesanti interrogativi sul proprio futuro l’Accademia Musicale di Savona “Ferrato-Cilea” ha avviato i corsi 2016-2017. La riapertura è stata possibile grazie allo sforzo straordinario ed una tantum di privati e dell’Associazione Carla e Walter Ferrato.

Da 60 anni la “Ferrato-Cilea” – confluenza nei primi anni 2000 delle preesistenti attività del Liceo Musicale “F.Cilea” e dell’Accademia Musicale di Savona – porta avanti una importante tradizione didattica in ambito musicale nella nostra città e provincia, proponendo servizi qualificati di insegnamento musicale ad una media di 150-200 allievi annui (dati 2006-2015).

Analizzata congiuntamente all’Amministrazione Comunale – ma scartata per motivi di costo – la costituzione di una Scuola Civica di Musica, l’Accademia ha di fatto assolto questo ruolo operando in regime di Convenzione con il Comune di Savona, che ne ha definito standard di servizio, modalità di erogazione, tariffazione, utilizzo degli spazi ed entità di contributo. L’attività è sempre stata partecipata da un rappresentante del Comune membro del Consiglio Direttivo nonché supportata da attento controllo di gestione e formale rendicontazione preventiva e consuntiva.

L’Assemblea del 31 ottobre u.s., ha esaminato le motivazioni prodotte dall’Amministrazione Comunale per spiegare l’azzeramento del contributo comunale per l’anno 2016, ha valutato la conseguente grave situazione economica e finanziaria e – facendo ricorso a grande senso civico e rispetto istituzionale – ha deciso di riavviare i corsi, ma non trattando alcun bilancio preventivo per il 2017, alla luce della grande incertezza economica che condiziona la programmazione futura. Il riavvio dei corsi è stato possibile grazie al contributo straordinario ed irripetibile di privati e dell’Associazione Carla e Walter Ferrato, nonché a misure riorganizzative eccezionali tra le quali – con grandi sofferenze ed imbarazzi personali – riduzione di organico ed interruzione di rapporti di lavoro in essere da molti anni con ruoli diversi.

L’Assemblea ha pertanto attribuito ampio mandato al presidente Gerardo Ghiliotto di intraprendere ogni possibile forma di riorganizzazione, razionalizzazione operativa ed efficienza di gestione, anche attraverso operazioni straordinarie ed ogni possibile sinergia con realtà affini. C’è la volontà unanime di non “gettare la spugna”, per rispetto al ruolo svolto per decenni ed alle decine e decine di famiglie che già si sono iscritte e che continuano in questi giorni a farlo, ma è certo una partenza in una situazione di ristrettezze eccezionali.

Il piano draconiano di ristrutturazione attivato all’Accademia Musicale in poche settimane non penalizzerà gli standard di qualità da sempre praticati né inciderà sulle rette, a rimarcare la funzione sociale e l’ispirazione civica che l’Accademia intende continuare a svolgere. Certamente il futuro presenta scenari cupi e caratterizzati da grandi difficoltà con la certezza di non poter raggiungere una gestione in pareggio, in assenza di sostegno economico esterno, sia di provenienza pubblica che privata.

È di grande significato il dibattito sulla cultura recentemente aperto cui hanno contribuito anche voci illustri toccando temi cruciali per le future generazioni: anche in tempi difficili, senza investimento nella cultura non c’è futuro per una comunità civile.

Consci della gravità del momento dal punto di vista dei bilanci pubblici, i soci e sostenitori dell’Accademia sono ancor più consapevoli, nel momento di crisi, della necessità di aprire un corretto e partecipe dibattito sulla cultura e sulla futura utilizzazione, equanime nei confronti dei soggetti beneficiari, delle risorse pubbliche. La scelta quindi compiuta dall’Accademia di riaprire i corsi per l’anno accademico 2016-2017, nonostante l’allarmante situazione economico-finanziaria, costituisce un atto di speranza e di fiducia, confidando che il Comune vorrà riappropriarsi del proprio ruolo e assicurare la continuità dell’attività formativa musicale che coinvolge tanti giovani del nostro territorio. Misure straordinarie in corso di studio – indispensabili per il prosieguo dell’attività – verranno presto condivise con l’Amministrazione Comunale nello sforzo di garantire continuità ad una Istituzione centrale in campo formativo per la nostra città.

 VARAZZE LA FIVL CREA UN NUOVO CENTRO, FIDUCIARIO ENNIO BIANCHI

Varazze. Con una suggestiva cerimonia presso la “Gallery Malocello”, di via Malocello n.37, nel centro storico di Varazze, prestigiosa sede del “Gruppo Artisti Varazzesi“, in occasione dell’inaugurazione della mostra personale di pittrici Caterina Galleano e Demj Canepa, note artiste varazzine, la FEDERAZIONE ITALIANA VOLONTARI DELLA LIBERTÀ – (Ente Morale D.P.R. 16-4-48 n.430) (FIVL), attraverso l’associazione federata “Centro XXV Aprile”, ha costituito un proprio gruppo nella Città di Varazze. In presenza del Presidente del “Gruppo Artisti Varazzesi“, Corrado Cacciaguerra, di artisti e amici, giunti da varie località, la FIVL, con la consegna, da parte del suo Presidente, Ten. Antonio Rossello, delle tessere, di attestati e delle insegne sociali (basco e fazzoletto azzurro), ha accolto nelle proprie fila i nuovi soci:

Caterina Galleano, Nunzia Giarratano, Demj Canepa, Antonio Rossello ( le due artiste protagoniste della mostra in corso).

Ennio Bianchi (nella foto) è stato nominato Fiduciario del “Centro XXV Aprile” – F.I.V.L. per Varazze. Grazie alla presenza e all’apporto di Bianchi, e dei nuovi associati, in collaborazione con l’Amministrazione comunale e le associazioni locali, il territorio si arricchirà di nuove iniziative. Il Centro XXV Aprile – F.I.V.L. si prefigge di rafforzare l’idea che i valori espressi dalla lotta partigiana, dalla Resistenza e dalla nostra Costituzione, nell’affermazione della libertà e della democrazia, siano sempre vivi e presenti nella società civile, anche attraverso la promozione di studi, mostre, incontri, convegni e iniziative editoriali, nell’ambito della Cultura e dell’Arte, quali libere espressioni dello spirito. Già il prossimo 17 dicembre, alle ore 17, con il patrocinio del Comune di Varazze, la FIVL e la Libreria Tra le Righe, presso la sede della libreria di Corso Colombo 11, sulla passeggiata a mare, hanno in programma la presentazione del volume “La Fiamma che arde nel cuore”, di Antonio Rossello, e l’inaugurazione della mostra collettiva, “Ombre e colori”, con opere di Ennio Bianchi, Demj Canepa e Caterina Galleano, che resterà aperta e visitabile, in orario commerciale, fino al 6 gennaio 2017. Sono previsti gli interventi da parte del Sen. Prof. Adriano Icardi, Presidente dell’ANPI e già Sindaco di Acqui Terme, del giornalista Giorgio Siri, del tenore, Colonnello in quiescenza, Gennaro Cascone e del prolifico ed illustre poeta cittadino Silvio Craviotto.

Condividi!
    Print Friendly and PDF

    collabora

    collabora

    Segnalazioni e consigli

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    Archivio Articoli

    Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su “accetta Più info

    Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. Ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 D. Lgs. n. 196/2003 si rende noto quanto segue: I Suoi dati saranno trattati nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti soltanto dagli autorizzati, esclusivamente per dare corso all’invio della newsletter e informarla sulle novità editoriali del settimanale. Il conferimento dei dati ha natura obbligatoria e autorizza al trattamento in relazione alla sola finalità sopra esposta. Il rifiuto di fornire tali dati comporterà l’impossibilità di inoltrarle via e-mail le informazioni relative alle notizie riportate da: Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. I Suoi dati non saranno comunicati a terzi, né diffusi. Lei potrà rivolgersi in qualunque momento al Servizio newsletter attraverso l’indirizzo Blog@trucioli.it per esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs 196/03. I dati sono trattati elettronicamente, in modo da garantirne la sicurezza e la riservatezza, e sono conservati presso il’archivio di trucioli.it Nel rispetto del art. 7 della legge di cui sopra ti informiamo che puoi modificare o rimuovere completamente i tuoi dati scrivendo a blog@trucioli.it.

    Chiudi