Numero visualizzazioni articolo: 2.420

Tre licei sopra la media: Bruno, Calasanzio, Salesiano, retrocede il Viesseux

L’I.R.I.S. (Indicatore di Rendimento Interfacoltà Studenti) è un indice giustamente temuto dai dirigenti scolastici delle scuole superiori. Giustamente, dicevamo, perchè i dati elaborati annualmente dall’Università degli Studi di Genova fotografano meglio di tanti “open day” scolastici la qualità degli istituti superiori i cui diplomati si sono appena affacciati nell’ateneo genovese. L’I.R.I.S., infatti, è ideato per valutare il “grado di successo”, nelle rispettive Facoltà, degli studenti al loro primo anno, in funzione della scuola di provenienza. Un basso valore di I.R.I.S, quindi, corrisponde a un giudizio severo sulla qualità dell’insegnamento nell’istituto superiore; un giudizio, per di più, oggettivo e quindi molto considerato dai genitori al momento di iscrivere il figlio alla scuola superiore. I dati sono liberamente consultabili al link: http://www.studenti.unige.it/sites/www.studenti.unige.it/files/Iris_2014tot.pdf

Il “Report I.R.I.S. 2014″, che considera gli studenti iscritti per la prima volta nell’ateneo genovese nell’anno accademico 2012/13, sembra deludere di nuovo le aspettative dei licei savonesi: il primo tra gli istituti della nostra provincia, il liceo “Bruno” di Albenga, si piazza infatti al diciassettesimo posto nella graduatoria complessiva dell’ateneo genovese, e le cose non vanno molto meglio in provincia di Imperia: il glorioso “Viesseux”, infatti, occupa la dodicesima posizione, a debita distanza dai licei di maggior successo, tra i quali si segnalano alcuni istituti del Basso Piemonte, a dimostrazione che la pendolarità (o la lontananza da casa) non è per forza sinonimo di magri risultati.

Solo tre licei savonesi si pongono al di sopra della media complessiva (48,42%), e sono tutti fuori dal capoluogo: nell’ordine il liceo “Bruno” di Albenga, il liceo “Calasanzio” di Carcare e l’Istituto Salesiano di Alassio. Un dato che si ripete da tempo e che, al di là di qualche episodico exploit in questa o quella facoltà, pone più di un interrogativo sullo stato della scuola savonese. Un mondo, quello scolastico, che sconta la mancanza di solidi e stabili collegamenti con l’ambiente industriale (ormai alla deriva) e che risente di quell’atmosfera da “periferia culturale” da tempo aleggiante a Savona e dintorni.

LICEI

I.R.I.S. 2014

CASSINI

64,81

MONTI (Asti)

63,72

S.MARIA IMMACOLATA

62,88

LANFRANCONI

58,02

MAZZINI

55,78

DELPINO

54,93

COLOMBO

54,69

MARCONI (Chiavari)

54,36

KING

54

DA VIGO-NICOLOSO (Rapallo)

53,36

DA VINCI

53,36

VIESSEUX

52,85

DA VIGO-NICOLOSO (Recco)

52,72

AMALDI (Novi Ligure)

52,69

BARLETTI

52,69

SALUZZO-PLANA

52,25

PASCAL (Ovada)

51,66

; text-decoration: underline BRUNO (Albenga)

51,66

Tra i licei savonesi, rispetto all’anno precedente l’I.R.I.S. aumenta per il “Chiabrera – Martini” (il liceo savonese nato dalla fusione amministrativa del liceo classico e dell’artistico), il “Calasanzio” carcarese e il liceo “Della Rovere”, cala di poco per l’istituto savonese “Grassi” e rimane più o meno stabile per gli altri licei.

Va poi segnalata l’ottimo rendimento dei diplomati del liceo “Grassi” nella facoltà di Architettura, di quelli del “Bruno” nel corso di Farmacia e degli ex studenti del “Chiabrera-Martini” tra le aule di Medicina. Risultati senz’altro significativi ma che non riescono a nascondere il panorama complessivo.

Per ancorare l’I.R.I.S. a dati meno aleatori di quelli annuali (non va dimenticato, tra l’altro, che la performance dipende molto dal numero dei diplomati iscritti nella facoltà ma che non è detto – anzi – che ad una maggior numero di iscritti corrisponda un risultato migliore) presentiamo due ulteriori dati. Il primo riguarda l’evoluzione dell’I.R.I.S. per istituto dal 2006 (anno in cui l’indice è stato presentato per la prima volta) al 2014. Pur nell’estrema variabilità dei dati, si nota comunque un trend complessivo in lieve crescita, il che significa che i nostri giovani hanno risultati universitari in aumento rispetto al passato.
Il secondo dato riguarda invece la media 2006-2014. In questo caso le differenze nel rendimento tra i licei ad estrazione classica o scientifica e quelli in parte (l’Issel) o in tutto destinati alle scienze umane ( il liceo “Della Rovere”, erede dell’istituto magistrale) sono ancora evidenti.

Condividi!
    Print Friendly and PDF

    collabora

    collabora

    Segnalazioni e consigli

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    Archivio Articoli

    Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su “accetta Più info

    Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. Ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 D. Lgs. n. 196/2003 si rende noto quanto segue: I Suoi dati saranno trattati nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti soltanto dagli autorizzati, esclusivamente per dare corso all’invio della newsletter e informarla sulle novità editoriali del settimanale. Il conferimento dei dati ha natura obbligatoria e autorizza al trattamento in relazione alla sola finalità sopra esposta. Il rifiuto di fornire tali dati comporterà l’impossibilità di inoltrarle via e-mail le informazioni relative alle notizie riportate da: Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. I Suoi dati non saranno comunicati a terzi, né diffusi. Lei potrà rivolgersi in qualunque momento al Servizio newsletter attraverso l’indirizzo Blog@trucioli.it per esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs 196/03. I dati sono trattati elettronicamente, in modo da garantirne la sicurezza e la riservatezza, e sono conservati presso il’archivio di trucioli.it Nel rispetto del art. 7 della legge di cui sopra ti informiamo che puoi modificare o rimuovere completamente i tuoi dati scrivendo a blog@trucioli.it.

    Chiudi