Numero visualizzazioni articolo: 1.453

Il veterinario chitarrista più amato: 13 mila lettori. Nella storia di Calice Ligure prima di lui solo Maria Luisa Migliari a Rischiatutto

Emilio Scanavino, compianto pittore e scultore di fama internazionale, era figlio di calicesi. Maria Luisa Migliari, nei primi anni ’70, gestiva un ristorante a Calice, fu campionessa di Rischiatutto con Mike Bongiorno: ribalta nazionale in tv, rotocalchi, quotidiani. E’ tornata ad aprile 2016 con la Rai a Rischiatutto di Fabio Fazio (vedi….). Riccardo Pampararo, medico, nato a Calice L. dove ha lo studio veterinario più frequentato della Liguria; involontario protagonista di una clamorosa sorpresa con la messa in rete su trucioli.it del fotoservizio di Silvio Fasano: ” Quel veterinario che parla a cani e gatti e incanta con la sua chitarra”. In soli 6 giorni già un record: 13 mila visualizzazioni. Un’intera città che lo segue, condivide gli onori. 

L’artista di fama internazionale Emilio Scanavino, origini a Calice Ligure, le quotazioni delle sue opere ammontano a milioni di euro

Siamo negli anni ’60 quando Emilio Scanavino, ceramista e pittore, figlio di calicesi dopo studi a Genova ed un lungo percorso artistico, giunge alla fama internazionale, diventando uno dei maestri della pittura informale, più precisamente gestuale, proponendo opere segnate da tagli, graffi, nodi e intrecci costanti della sua visione della vita. A lui si deve la promozione del Museo d’Arte contemporanea Remo Pastori, costituito negli anni ’80 e che rappresenta un’importante realtà culturale in quest’area della Liguria.

Siamo nel 1973 quando Calice Ligure sale alla ribalta della cronaca televisiva e dei rotocalchi grazie a Maria Luisa Migliari assurta a campionessa di Rischiatutto (8 milioni di telespettatori a puntata) con Mike Bongiorno. Nell’aprile scorso tornata sui teleschermi nazionali con un revival di Fabio Fazio. Peccato che non abbia ricordato che Calice le aveva portato fortuna, forse Fazio neppure ricordava. (vedi servizio a fondo pagina).

Siamo nel marzo 2017 quando Riccardo Pampararo, 61 anni – consigliere comunale che con la consigliera Enrica Brambilla, 51 anni, può esibire il certificato ‘nato a Calice Ligure…‘ – si esibisce al teatro San Carlo di Albenga. Una serata da solista, di grande musica e come sempre è solito fare a scopo benefico. Pampararo, con la sua abituale modestia, tutta la tenacia la riserva ai suoi pazienti a quattro zampe e salendo sul palco per i concerti, non è un personaggio comune, che si incontrano spesso. Un eccezionale ambasciatore della promozione sociale, culturale, umanistica. Forse Calice dovrebbe sfoggiare un po’ di estro e sfruttare le risorse promozionali del valoroso concittadino.

QUANDO MARIA LUISA MIGLIARI DA CALICE LIGURE ARRIVO’ SUI TELESCHERMI NAZIONALI DI RISCHIATUTTO CON MIKE BONGIORNO

Maria Luisa Migliari, a Calice Ligure, quando nel 1973 fu campionessa a Rischiatutto di Mike Bongiorno: nella foto mentre viene intervistata da Luciano Corrado giovanissimo redattore del Secolo XIX

Non si ripeterà, insomma, ciò che accade quando il paese e l’intera provincia, ma non solo, scoprirono i talenti di Maria Luisa Migliari con la partecipazione a Rischiatutto (nel 1973), seguitissima trasmissione quiz di Mike Buongiorno, che Rai 1 e Rai 2 mandarono in onda in prima serata dal 1970 al 1974. E quando ancora la televisione di Stato aveva l’assoluto monopolio, senza concorrenti, con milioni di telespettatori.  Autori del quiz di successo erano Paolo Limiti (rimasto un affezionato cliente-villeggiante ad Alassio) e Ludovico Pellegrini.

Per Calice Ligure e la Migliari che superò al telequiz altri due concorrenti (Sandro Minelli e Antonio Sodde), furono giorni di tifoserie e notorietà, con la presenza di inviati speciali dei patinati nazionali. Molto spazio e successo sulla cronaca locale (pubblichiamo una foto d’archivio di quel periodo, 1973 del Secolo XIX).

Successivamente Maria Luisa Migliari (le sue origini non sono calicesi), aprì un ristorante a Calice; ben presto si abbassarono i riflettori del palcoscenico, della notorietà, della curiosità, per finire come quasi sempre succede ai “famosi per poco” nel dimenticatoio. Negli archivi cartacei e della Rai. Nei ricordi di chi oggi appartiene alla terza età. Ma anche di chi l’ha rivista nel Rischiatutto edizione 2016 del savonese Fabio Fazio, tra i big del mondo televisivo italiano.

Maria Luisa MIgliari, nell’aprìle 2016, a Rai Uno con Fabio Fazio nella nuova edizione di Rischiatutto

Condividi!
    Print Friendly and PDF

    collabora

    collabora

    Segnalazioni e consigli

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    Archivio Articoli

    Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su “accetta Più info

    Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. Ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 D. Lgs. n. 196/2003 si rende noto quanto segue: I Suoi dati saranno trattati nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti soltanto dagli autorizzati, esclusivamente per dare corso all’invio della newsletter e informarla sulle novità editoriali del settimanale. Il conferimento dei dati ha natura obbligatoria e autorizza al trattamento in relazione alla sola finalità sopra esposta. Il rifiuto di fornire tali dati comporterà l’impossibilità di inoltrarle via e-mail le informazioni relative alle notizie riportate da: Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. I Suoi dati non saranno comunicati a terzi, né diffusi. Lei potrà rivolgersi in qualunque momento al Servizio newsletter attraverso l’indirizzo Blog@trucioli.it per esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs 196/03. I dati sono trattati elettronicamente, in modo da garantirne la sicurezza e la riservatezza, e sono conservati presso il’archivio di trucioli.it Nel rispetto del art. 7 della legge di cui sopra ti informiamo che puoi modificare o rimuovere completamente i tuoi dati scrivendo a blog@trucioli.it.

    Chiudi