Numero visualizzazioni articolo: 749

Da Savona a Noli, là dove la legge non è uguale per tutti

Sul Secolo XIX, di lunedì 10 ottobre, il giornalista Alberto Parodi racconta delle vicissitudini subite dalla Signora Anna Tarenzi, titolare della paninoteca “il pane nudo” a seguito di una denuncia posta in essere dall’Architetto Andrea Canziani, Soprintendente per i Beni Ambientali della Liguria (vedi a fondo pagina).

Il castello di Noli e i lavori  con le colature di ruggine

Mi pare opportuno riproporlo all’attenzione dei lettori di questo blog, a dimostrazione di come le normative italiane che dovrebbero regolare settori di fondamentale importanza architettonica culturale, oltre che paesaggistica, siano ormai soggetti ad interpretazioni strettamente personali con tutte le conseguenze negative in tempo e denaro che il caso può comportare al richiedente.

Ogni Soprintendente pare abbia la sua personalissima scuola di pensiero, di indirizzo e, conseguentementre, di azione. Azione talvolta dovutamente repressiva, ma sembrerebbe, allo stato dei fatti, soggetta ad una doppia morale. Ed anche qui non si capisce il perchè.

Tutto ciò a conferma di quello che scrivevo, denunciato con dati di fatto (con la soddisfazione di oltre 1000 visualizzazioni) sul No. 17 del 15/01/2015 “Noli, squallida realtà” di Trucioli,it (vedi….).

Rimane tuttavia “l’amaro in bocca” per la vicenda “castello” nel constatare che tutto ciò che è stato eseguito in maniera difforme, tra l’altro con spese di materiale non previsto, poi sostituito, ma pur sempre pagato da “pantalone” nolese ( cosa vergognosa!!!!!! da Corte dei Conti) rimanga impunito perchè lo stesso Soprintendente menzionato nell’articolo, l’ Arch. Andrea Canziani, non ha ritenuto di prenderne atto, e di conseguenza denunciare alla Procura di Savona, con le stesse modalità d’intervento istituzionale (Carabinieri), le palesi prescrizioni non rispettate.

Molte sono le persone interessate (ignoranti in materia come il sottoscritto) che attendono sempre la disponibilità del Soprintendente (magari sollecitato dal Sindaco, richiesta da tempo a lui formulata ma sempre disattesa avvalendosi della facoltà di non rispondere) ad indire un incontro di pubblico interesse per spiegare il concetto di “coevoluzione” che riguarda la novità del “CORTEN” utilizzato nel restauro. Poter apprendere l’utilità di questo metallo che, gratuitamente e sempre più marcatamente, tinteggia di colore ruggine quelle pietre poste una sull’altra, pietre che con il loro immutato classico colore candido delle nostre antiche cave, reggono da secoli le mura del castello. Potremo finalmente saperne di più; essere quindi convinti che lo “squarcio” per la realizzazione di un ascensore era necessario alla valorizzazione/restauro/conservazione di questo monumento nazionale.

Carlo Gambetta

Condividi!
    Print Friendly and PDF

    collabora

    collabora

    Segnalazioni e consigli

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    Archivio Articoli

    Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su “accetta Più info

    Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. Ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 D. Lgs. n. 196/2003 si rende noto quanto segue: I Suoi dati saranno trattati nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti soltanto dagli autorizzati, esclusivamente per dare corso all’invio della newsletter e informarla sulle novità editoriali del settimanale. Il conferimento dei dati ha natura obbligatoria e autorizza al trattamento in relazione alla sola finalità sopra esposta. Il rifiuto di fornire tali dati comporterà l’impossibilità di inoltrarle via e-mail le informazioni relative alle notizie riportate da: Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. I Suoi dati non saranno comunicati a terzi, né diffusi. Lei potrà rivolgersi in qualunque momento al Servizio newsletter attraverso l’indirizzo Blog@trucioli.it per esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs 196/03. I dati sono trattati elettronicamente, in modo da garantirne la sicurezza e la riservatezza, e sono conservati presso il’archivio di trucioli.it Nel rispetto del art. 7 della legge di cui sopra ti informiamo che puoi modificare o rimuovere completamente i tuoi dati scrivendo a blog@trucioli.it.

    Chiudi