Numero visualizzazioni articolo: 813

Albenga corsa alla cementificazione per 8 mila nuovi abitanti. Viveri: mostruosità!

Il nuovo PUC di Albenga prevede altra cementificazione. Con due ipotesi di crescita: una  “prudenziale” e una decisamente ottimistica, ma dipinta come in linea con tendenze attuali.  Entrambe, però, sono infondate: già a fine-2015 ci sono 165 abitanti in meno rispetto al 2010.  Per il periodo 2011-2015, un debole aumento del saldo totale (+17 unità annue) era dovuto  all’immigrazione. Col nuovo PUC che toglierà circa 60 ettari all’agricoltura, facendo perdere posti  di lavoro in un settore che impiega molti immigrati, anche quel debole aumento è messo in forse. Scendo in campo anche Igi Viveri per l’Osservatorio Pubblico.

La piana di Albenga in una veduta area dove il Puc prevede un’espansione edilizia per altri 8.410 abitanti

Escludendo gli stranieri, infatti, tra il 2005 e il 2014 gli albenganesi residenti sono diminuiti di 669  unità: la popolazione è, dunque, stabile, ma tende a diminuire.

Il dimensionamento del PUC, però, prima ipotizza irreali incrementi di cittadini, poi ragiona,  scorrettamente, in termini di nuove famiglie; queste, per quanto sembri strano, possono aumentare  anche se la popolazione diminuisce: un nucleo può originarne molte (separazione di coniugi,  residenze solo formali, ecc.) e, oggi, le famiglie unipersonali sono in aumento.  Perciò, siccome ad aumento di famiglie NON corrisponde aumento di popolazione, dati e  ipotesi andrebbero rivisti: Peraltro essi appaiono creati apposta per trovare a tutti i costi deficit  edilizi e l’oscurità d’impostazione del PUC ne complica l’analisi e addirittura la distinzione.

Di certo, la parte del dimensionamento dedicata alla vera pianificazione prevede appartamenti di  100 mq, metratura fuori mercato e incoerente già con gli incrementi di popolazione dichiarati.  Infatti, considerando i 25 mq di legge a persona, si scopre che si farebbe posto a 8410 nuovi abitanti;  accettando, invece, quelli ipotizzati, a ognuno spetterebbero 270 mq: una magione per famiglia.

In breve, il fabbisogno ipotizzato non arriva a un quarto dell’effettivamente pianificato. Ed è sempre  un fabbisogno basato su stime irreali!  Questo Piano, dunque, va respinto, nel merito come nel metodo.  Nel merito, il calcolo del fabbisogno abitativo si basa su un computo distorto della popolazione.  Quanto al metodo, invece, le obiezioni sono due.  Anzitutto, non si può dedurre un deficit edilizio su ipotesi ingiustificate e ingiustificabili, come non  si può cercare di giustificarle col deficit edilizio medesimo: è un ragionamento circolare.  Inoltre, si tace che il PUC è una normativa, la quale resta fissata e vincolante anche con variazioni  di popolazione pari a zero, o addirittura negative.  Insomma, pare un lavoro commissionato per inventarsi un fabbisogno.

Resta incomprensibile il  perché un Comune come Albenga voglia deprimere l’agricoltura, settore che rappresenta la storia  del suo territorio. Ha buchi di bilancio e cerca risorse svendendo quel che gli resta, cioè il territorio  medesimo? Così facendo, però, espone interessi collettivi e beni pubblici all’influenza del mercato e  dei privati, con tutti i relativi problemi giuridici, amministrativi ed economici.  Specificatamente riguardo a questi ultimi, il PUC potrebbe pure rivelarsi inefficace: siccome  l’offerta non crea sempre la domanda, non è detto che il pianificato (ossia ciò che può essere  costruito), sarà davvero realizzato. In tal caso, dopo l’addio già in partenza alla tutela del paesaggio,  alla funzione sociale della proprietà privata e alla razionalità dello sfruttamento del suolo, addio  anche alle agognate risorse!

Il nuovo Puc cambia in modo consistente l’assetto del settore agricolo. 60 ettari di terreno non più agricolo rappresentano per i proprietari un danno non solo fiscale( per via della tassazione maggiore dei terreni edificabili), la loro mutata destinazione impedirà la partecipazione a pini di sviluppo agrari e relativi investimenti previsti. Ecco il testo integrale delle osservazioni….

Osservatorio Pubblico – Albenga

Condividi!
    Print Friendly and PDF

    collabora

    collabora

    Segnalazioni e consigli

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    Archivio Articoli

    Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su “accetta Più info

    Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. Ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 D. Lgs. n. 196/2003 si rende noto quanto segue: I Suoi dati saranno trattati nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti soltanto dagli autorizzati, esclusivamente per dare corso all’invio della newsletter e informarla sulle novità editoriali del settimanale. Il conferimento dei dati ha natura obbligatoria e autorizza al trattamento in relazione alla sola finalità sopra esposta. Il rifiuto di fornire tali dati comporterà l’impossibilità di inoltrarle via e-mail le informazioni relative alle notizie riportate da: Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. I Suoi dati non saranno comunicati a terzi, né diffusi. Lei potrà rivolgersi in qualunque momento al Servizio newsletter attraverso l’indirizzo Blog@trucioli.it per esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs 196/03. I dati sono trattati elettronicamente, in modo da garantirne la sicurezza e la riservatezza, e sono conservati presso il’archivio di trucioli.it Nel rispetto del art. 7 della legge di cui sopra ti informiamo che puoi modificare o rimuovere completamente i tuoi dati scrivendo a blog@trucioli.it.

    Chiudi