Trucioli

Liguria e Basso Piemonte

Settimanale d’informazione senza pubblicità, indipendente e non a scopo di lucro Tel. 350.1018572 blog@trucioli.it

Pupi D’Angeri, l’Alassino d’oro:
‘Silvia rapita?’ La verità dell’ambasciatore del Belize (Unione Europea) a Radio 24

Era 28 ago 2015 dal giornale on line più letto nel savonese e dai proprietari di seconde case:  “Alassio, in una gremita Sala del Consiglio Comunale, alla presenza di numerosi componenti dell’Amministrazione Civica e di un folto pubblico, S. E. Nunzio Alfredo D’Angeri  ha ricevuto l’ambito Alassino d’oro”. 17 maggio 2020: Pupi d’Angeri ambasciatore del Belize presso l’Unione Europea, intervistato dalla Zanzara su Radio 24: “Silvia Romano non era una cooperante e forse non era neppure prigioniera”.

Pupi D’Angeri, ambasciatore del Belize, con moglie e figli, ha ricevuto l’Alassino d’Oro nel 2015. Nella foto col sindaco Enzo Canepa. Trucioli.it in altri servizi (oltre alla vendita all’asta della residenza alassina di D’Angeri) aveva proposto, non certo per motivi politici o di antipatia, ma di opportunità al prestigio di quanti hanno ricevuto L’Alassino d’oro, di revocare l’onorificenza, senza strumentalizzazioni di parte, ma come gesto di coerenza al buon nome passato e futuro di un ‘premio’. Non è accaduto nulla, nessun rappresentante eletto nel consiglio comunale ha ritenuto dovere prendere posizione. C’è chi ritiene persino che lasciando così le cose sia un modo per mettere all’angolo l’ex sindaco dr. Enzo Canepa sotto la cui Amministrazione era stato scelto D’Angeri per le sue benemerenze in quel di Alassio. Sarebbe interessante conoscere il pensiero del presidente del consiglio comunale, avv. Massimo Parodi nella sua veste istituzionale.

QUESTO IL TESTO – La liberazione della giovane Silvia Romano ha destato non solo polemiche ma anche dubbi. E’ stato pagato un riscatto? Nei giorni scorsi circolava la notizia che il Governo italiano avesse sborsato la bellezza di 4 milioni di euro ai terroristi che l’avevano rapita. Notizia smentita dal Ministro degli Esteri Luigi Di Maio. Ma ora entrano sulla scena altre informazioni che aumentano la confusione intorno a tutta la vicenda.

Intervistato dalla Zanzara su  Radio 24, Pupi D’Angeri – l’ambasciatore del Belize presso l’Unione Europea – ha rilasciato una dichiarazione importante, se non sconvolgente: “Vi rivelo una cosa: a un certo punto Silvia Romano è stata acquistata e non è stata più prigioniera. Anzi: è una signora dalle uova d’oro. Ha portato 4 milioni di euro in dote al gruppo terroristico. Lei è una di Al Shabaab”.

D’Angeri ha proseguito con affermazioni sempre più pesanti. Infatti ha sostenuto che Silvia Romano ha una relazione con uno dei suoi rapitori con il quale si sarebbe congiunta in matrimonio. Questa notizia non giunge nuova, era circolata già mesi fa ma la ragazza si era affrettata a smentirla non appena ritornata in Italia. Ma l’ambasciatore asserisce: “Una donna che abbraccia la religione musulmana lo fa per sposare l’uomo che ama. E per la legge del ricongiungimento familiare il suo sposo può venire qua in Italia anche domani mattina”.

E non è ancora tutto. Stando a quanto detto da Daniela Gelso, Project manager di alcune delle principali Ong italiane e francesi, la signorina Romano non sarebbe stata neppure una cooperante. Gelso – intervistata da TPI – ha spiegato che per essere ritenuti cooperanti o volontari bisogna essere inseriti in uno specifico progetto di sviluppo. Mentre Silvia Romano era partita con una Onlus, Africa Milele, che non è una Ong e senza nessun contratto di questo tipo. Nessun progetto di sviluppo ma la sola mansione di far giocare i bambini del villaggio di Chakama. “I cooperanti sono persone altamente specializzate e i programmi in cui sono inseriti non consistono in carità o assistenzialismo. Silvia Romano era solo una neolaureata inesperta esposta a rischi enormi”. Dito puntato, dunque, contro Africa Milele.

Gelso precisa che si tratta di un’associazione piccolissima, non accreditata dall’Associazione Italiana per la Cooperazione e lo Sviluppo e , presumibilmente, a conduzione familiare. Inoltre – in base alle informazioni presenti sul sito – non risulta ben chiaro di quali attività si occupa come non è presente alcun bilancio che rendiconti la gestione dei fondi e nessun rapporto annuale delle attività svolte. Al momento Africa Milele è nell’occhio del mirino. Infatti – riferisce Il Fatto Quotidiano – ieri mattina i Ros sono entrati negli uffici di Fano per raccogliere informazioni sulle attività svolte e per verificare le condizioni di sicurezza in cui si trovava Silvia Romano al momento del suo rapimento.

DALL’ARCHIVIO DI TRUCIOLI.IT

 

 

Avatar

Trucioli

Torna in alto