trucioli

Loano e Toirano, addio a Sandretto Provaggi vero ‘Maestro del Lavoro’

UAlessandro Provaggi, al centro della foto, nel 1968 al  Monte Carmo

Un lutto ‘di peso’  e di spessore per Loano e Toirano. Se n’è andato Alessandro Provaggi, “Sandretto”, 85 anni compiuti il giorno di Natale. Un imprenditore illuminato e di successo. Schivo e riservato, soprattutto concreto. Non alzava mai la voce. Un solo incarico pubblico: sindaco,  anni ’60, nella ‘sua amata Toirano’. Dal 2010 ‘Maestro del Lavoro” ed un hobby raro: ‘lavorar tacendo’. Socio prestigioso del Lions Club Finale- Loano – Pietra Ligure Host. Era rimasto vedovo e lascia i figli Franco, dentista, titolare dell’Istituto San Giovanni (duce centri a Loano, altri in Riviera), passione per gli affari e Luigi (Gigi), già presidente revisore dei conti della Camera di Commercio di Savona, assurto a personalità nel mondo universitario, docente di economia, tra i più quotati dello Studio Tributario e Societario e di Deloitte Touche Tohmatsu Tax Services Srl di Milano. I nipoti Alessandro, Riccardo, Marco, Ludovica, Eleonora, la pronipote Lena, le nuore Laura e Luisa, la cugina prediletta Giannina.  I funerali , domenica 7 settembre, ore 16, nella chiesa parrocchiale di San Giovanni  Battista.  Continua…

Lettera di scuse al delfino Annibale: ‘I perdenti siamo noi, non sappiamo neppure vergognarci’

Giovanni Sanna avvocato

Caro delfino Annibale (ti hanno anche chiamato Jimmy vedi La Stampa on line del 29-08-14), almeno io devo chiederti scusa, altri non credo che lo faranno. Continua…

Savona ‘sfratto’ ingrato alla preside di gran cuore. E Berruti dirigente multiplex a Finale, Albenga, Alassio.Barberis trasferito a Genova

IMassimo Macciò scrittore

Adesso, a bocce ferme, si capisce meglio la ragione per la quale Graziella Rosso, popolarissima dirigente scolastico del liceo “Della Rovere” è stata presa a pesci in faccia dall’assessore provinciale all’istruzione Pietro Santi al momento di decidere il riordino delle sedi delle scuole superiori savonesi e acquista un senso anche la risposta del vicesindaco di Savona, Livio Di Tullio, alle proteste dell’ex presidente della Consulta e fresco diplomato dello stesso liceo Andrea Castellini: un sorriso di circostanza che suona come una pietra tombale al progetto, su cui cinque anni prima si era impegnato Berruti, di riservare tutto il complesso già degli Scolopi a sede del liceo, trasformando Monturbano in un campus riservato agli studenti delle ex magistrali.

Continua…

Informazione di servizio per il capogruppo Marco Melgrati

Marco Melgrati 'abbonato' ai processi e alle assoluzioni

Un’ informazione di servizio per il consigliere regionale Marco Melgrati. Questa è la notizia: il Consigliere Regionale Marco Melgrati ha presentato una interrogazione al Presidente della Regione Liguria lamentando il fatto che un ex operatore della Rsa Vada Sabatia, che ha patteggiato una pena di un anno e quattro mesi di reclusione, sia stato ammesso ad un corso finanziato dalla Regione per diventare tecnico animatore socio sanitario. Nell’interrogazione, sottoscritta anche dal Vice Presidente della Commissione Sanità Matteo Rosso, si legge che “E’ vergognoso che un condannato per un fatto grave nell’ambito socio sanitario possa riciclarsi per operare nelle strutture sociali e socio-sanitarie e sanitarie“. Continua…

Poteri segreti: la massoneria e ‘ndrangheta

Mario Guarino

“Un plotone di professionisti, ai quali oggi possono essere aggiunti ragionieri, commercialisti, consulenti d’azienda, esperti finanziari, notai,  giornalisti, tutti insieme appassionatamente in grado di spianare la strada all’infiltrazione nel mercato dell’economia (oltre che nella società).  Non è un caso che una gola profonda abbia fatto i nomi di alcuni noti professionisti, specialisti nel settore (alcuni dei quali già incappati in indagini della Dia di Torino, Milano, Reggio Calabria, altri finora nell’ombra), che non disdegnano collegamenti con la mafia russa”. L’ha scritto su Il Sole 24 Ore del 28 agosto 2014, Roberto Gallullo. Domanda di trucioli.it: quanti di questi ‘colletti bianchi’ hanno acquistato immobili e qualche spiaggia nel Ponente Ligure ? A Montecarlo? Ci sono nomi e cognomi nelle centinaia di concessioni edilizie rilasciate da Comuni e di cui nulla è venuto a galla, se non in rarissimi casi ? Chi si nasconde dietro società, famigliari, parenti , prestanome? Chi acquista alloggi sul mare ponentino che hanno raggiunto 15 mila euro il mq. ? Oppure ville da nababbi.  Continua…

Liguria tra sagre, miss, spot mediatici e mega stipendi, mentre la Provincia di Bolzano sostiene i costi dei piccoli negozi rurali

Pippo Rossetti

Agosto, dai primi anni ’60, è il mese della Riviera ed entroterra affollati. Vacanze, lavoro, allegria. Giornali, tv (Rai 3, Imperia Tv, Telenord)  sfornano notizie di sagre, alcune ridicole nell’offerta gastronomica. Con il denominatore comune: far cassa a sostegno di Pro Loco o associazioni di volontariato. I prodotti in gran parte forniti da aziende commerciali, a volte fondi di magazzino scontati. Iniziative che non da oggi sono in concorrenza con il sciaguratissimo comparto dei piccoli negozi, pizzerie e ristoranti, già pilastro dell’economia locale, con alberghi, bagni marini, agricoltura. Purtroppo nessuno  racconta del divario che continua a dividerci con l’altra Italia, l’Alto Adige. Non perché siano miracolati; mantengono la mentalità teutonica: concretezza e priorità. Così nel silenzio è andata in scena la notizia che la giunta provinciale di Bolzano, in pieno agosto, ha approvato una misura straordinaria a sostegno dei negozi e servizi di vicinato nelle aree periferiche. Non solo, nonostante crisi europea e flessione turistica dell’8 per cento ( 22 giorni di pioggia a luglio) hanno deciso di aumentare la tassa di soggiorno, tra le proteste degli albergatori , salita a 2 euro e 50. Il presidente della Provincia ha spiegato che vuole portare i fondi destinati al turismo da 60 a 70 milioni. In Liguria  il nostro assessore, imperturbabile, concede interviste a iosa, per dire che le cose“non vanno poi così male”. Plaude a miss e sagre inflazionate, al trionfo dell’effimero. Intanto, come ha documentato Il Secolo XIX (vedi…), la Regione è tra le più ricche di dirigenti (uno ogni 13 dipendenti), con stipendi tra i 163 e i 71 mila euro l’anno. Beati loro e sfortunati contribuenti dell’addizionale regionale.   Continua…

Rivisto spara: ‘cherchez la villa’ Scajola in Costa Azzurra. E la cassaforte estera ?

Daniele La Corte con il sindaco Floris

Nuove rivelazioni nell’infinita ‘Scajola story‘ del mensile Rivisto, a firma del direttore Daniele La Corte.  Qualche  certezza, tanti ‘presunto’, ad iniziare dalla notizia che gli inquirenti sarebbero sulle tracce di una villa – rifugio nel Sud della Francia. E ancora: “ collegamenti immobiliari in Costa Azzurra e nel Principato di Monaco”. Oppure “una cassaforte estera dove si trova nascosto un…tesoro”.  In prima linea il Pm Alessandro Bogliolo (alassino doc) e l’imperiese sottufficiale della Polizia Postale, Ivan Bracco. Per finire con le “chiavette Usb scoperte in anfratti del muro“, o invece “occultate dietro i quadri“. Alcuni organi di stampa e trucioli .it hanno dato conto, a fine luglio, di una lettera dei congiunti dell’ex ministro, scandalizzati ed indignati (allora) da ‘indiscrezioni giornalistiche false” per gli articoli sull’archivio segreto. Intanto per Claudio Scajola, agli arresti domiciliari , il 22 ottobre, andrà in scena la prima udienza del processo, con rito immediato, a Reggio Calabria. La pubblica accusa ha chiesto che sia contestato anche il reato di connivenza con la ‘ndrangheta. Il castello accusatorio farà la sorte (assoluzione in attesa di appello) della ‘casa al Colosseo‘  pagata da benefattori a sua insaputa? Continua…

Notizie dalle vacanze e rischio inondazioni a Noli e Spotorno. Ma se n’è sono andati: Francesco, navigava sulle ‘navi dei veleni’. Dina, mitica sarta. Pastorino, il Dc ‘sano’

Carlo-Gambetta

Mese d’agosto, mese di vacanza anche per Trucioli.it; però,”un pensierino della sera” è bene tenerlo in considerazione, ed allora ecco qualche riflessione giornaliera scritta il giorno dopo. * Non una sorpresa, ma una completa condivisione a quanto scrive Don Angelo Magnano, il quale, attraverso il suo “L’EDITORIALE” di agosto sul mensile della Curia a cui sono abbonato, “Il Letimbro”, dal titolo:“MAFIA, SCOMUNICA CHE FA CHIAREZZA”, riferendosi all’omelia di Papa Francesco, spara a zero contro la malavita organizzata. Il Direttore, Don Magnano, ringrazia Papa Francesco per le sue “parole come tizzoni”, le analizza e puntualizza perchè “I mafiosi non sono in comunione con Dio. Sono scomunicati.” Continua…

Erosione litorale a Borghetto S. Spirito: il porto di Ceriale minaccia le nostre spiagge

Silvestro-Pampolini

In occasione del ricorso al T.A.R. presentato nel mese di agosto dal WWF Italiano, dall’ANPANA (Associazione Nazionale Protezione Animali Natura Ambiente), dall’ASSOUTENTI, dal Comitato cittadino TUTELIAMO BORGHETTO, da alcuni titolari di Stabilimenti Balneari e da molti cittadini di Borghetto S.S. e turisti, contro il progetto di costruzione del porto di Ceriale, pubblico il seguente saggio: “Le nostre spiagge: situazione e provvedimenti necessari” – Savona: Ente provinciale per il Turismo – 1968″ di Giorgio Berriolo, Giorgio Sirito, Ettore Gallareto. Lo stesso articolo fu pubblicato sul libro “QUANDO A BORGHETTO…” di S.Torre, S.Pampolini e G.G.Viara, edito dal Comune di Borghetto S.Spirito e dal FORUM CULTURALE nell’anno 2002. Continua…

Borghetto S.Spirito: il fabbricante di sindaci

Silvestro Pampolini

La mattina presto del 2 agosto 2014, proprio mentre il sole sta per sorgere, il Fabbricante di Sindaci già corre veloce per le strade polverose dei Prigliani. “Miraculu! A l’emmu truvon! A l’emmu truvon!” grida felice. Dalle finestre e dai balconi delle case sparse nella campagna si affaccia la gente, allarmata prima, curiosa poi. Tutti chiedono: “Cusse ti l’ai truvon?” “U Scindicu! U Scindicu!” risponde il Fabbricante di Sindaci, che non si ferma e continua a correre per portare al mondo la buona novella. Continua…

‘La Gazzetta di Ceriale’ annuncia: tifiamo per Stefano Roascio sindaco

Belfagor

Nella mia dimora dorata sulla collina di Alassio ho ricevuto in udienza privata l’ambasciatore della ‘contea’ di Ceriale – Peagna e possiamo annunciare, radiosi, che i ‘regnanti’ hanno designato a prossimo candidato sindaco (con certificato di garanzia) il giovane, brillante, dr. Stefano Roascio, dal 2012 in pianta stabile nella prestigiosa Soprintendenza di Genova. L’unico ostacolo all’investitura era convincere il plenipotenziario del Pd, Miceli, detto Nino, figlio di benestanti loanesi, già ‘amico di merende’ (senza delinquere) dell’ex big dr. Bertolotto, detto Marco, presidente – primario, stipendiato dall’Asl con 127.096 € (2012) . Ho provveduto a telefonare.  Risposta di Nino: “A Borghetto S.Spirito l’abbiamo stoppato (Roascio), preferendogli il non tesserato, ma ubbidiente  Gianni Galdolfo e poi se me lo chiede Belfagor…a Ceriale, Stefano è l’uomo giusto”. E’ fatta ! Continua…

Grazie di tutto cara Mina! Donna forte, silenziosa, valorosa. L’ ultimo viaggio tra gli umili e volti noti di Albenga, ma non solo

Silvio Fasano

Il decano, tra i volti noti, era l’avv. Cosimo Costa, 86 anni, memoria storica di Albenga e dintorni. C’era Silvio Riolfo Marengo, 74 anni, critico letterario, già direttore della Garzanti e di ‘Risorse’, ex vice presidente Carisa. C’era Antonio Ricci l’albenganese più noto e big degli ‘ascolti’ televisivi (Striscia la notizia),  il primo contribuente (Irpef) della provincia di Savona.  C’era la ‘destra’ con il popolare Marco Melgrati, ex sindaco, battagliero capogruppo berlusconiano in Regione. C’erano gli ex sindaci galantuomini, Mauro Zunino e Antonello Tabbò. C’era l’avv. Nazzareno Siccardi, 71 anni, simbolo coerente dell’estrema sinistra ideologica da sempre esclusa dal potere.  C’era il geom. Danilo Sandigliano figura di primo piano nelle obbedienze massoniche del ponente ligure. C’era Giabetto Noberasco, uno dei rari imprenditori locali rimasto ad onorare la gloriosa tradizione di famiglia. C’era Flavio Furlani, genio della scultura e della fotografia. E poi Edmondo Segre,  mosca bianca nell’imprenditoria alberghiera di eccellenza e del ‘lavor tacendo’. Così come ‘insegnava’, con il suo stile di vita e rigorosa coerenza, Mina Sommariva. Chissà se Albenga sarà capace di (non) dimenticarla, come ha fatto per altre donne meritevoli e benemerite: da Mara Giovine Scavuzzo, ad Angioletta Romagnoli. Oppure Angelo Gastaldi, Giuseppe Simoncini (Pippo), Aldo Ghidetti.  Leggi il ricordo scritto da Gerry Delfino. Leggi l’addio a Barbara Ravotto, 44 anni, regina del soft air in Riviera. Continua…

Villanova d’Albenga: se un ‘fiore’ dona i suoi organi. E a Cisano sul Neva disastro sfiorato

Funerali Marco Fiori a Villanova d'Albenga

Di Marco Fiori hanno scritto, con rispetto e risalto, i giornali locali cartacei e web. La sua sorte, il destino crudele, hanno suscitato lo strazio dei genitori, della shoccata sorella Natalia, dei parenti, dei giovani amici, increduli e sconvolti. La donazione degli organi è stato un gesto sublime. E sarebbe stato distrutto dal dolore, ma fiero ed orgoglioso come sapeva essere, il compianto capostipite, nonno Giuseppe Fiori, ‘antesignano’ dei frantoiani della pianura albenganese, negli anni del dopoguerra. Si recava col camioncino nei paesini dell’entroterra ad acquistare sacchi di olive, pagava subito, in contanti; manna dal cielo per molte povere famiglie. La raccolta delle olive creava introiti e lavoro a catena (si raccoglievano a mano, senza reti). Giusepin portava il prodotto nel suo frantoio di frazione Coasco, commerciava l’olio e la sansa. Un uomo specchiato, onesto che ha fatto una piccola fortuna acquistando anche immobili ad Albenga. Un galantuomo con la G  maiuscuola che le seconde generazioni viventi ancora ricordano. Intanto nella vicina Cisano sul Neva si è sfiorato l’inferno. Un incendio che per dimensioni non ha precedenti nella zona, è divampato in un’azienda che da lavoro diretto a 40 persone. Vedi i professionali servizi fotografici di Silvio Fasano. Continua…

Il ‘pacco’ giustizia anche del ministro ligure

Antonio Di Pietro

“Ho appena finito di leggere il reale contenuto delle tanto sbandierate decisioni epocali prese ieri dal Consiglio dei Ministri in materia di riforma della giustizia e mi son chiesto: “ma fino a che punto è lecito truffare la buona fede degli italiani?”. Poi, però, ho letto i titoli e gli articoli dei soliti giornali di regime e soprattutto le dichiarazioni di alcuni “illuminati” Ministri e mi sono detto: “ma come possono gli italiani valutare l’effettiva bontà delle suddette riforme, se ad essi vengono propinate notizie così false e fuorvianti da rasentare il reato di truffa?”. Continua…

L’estate dei giudici e l’inerzia del legislatore

Giustizia in nome del popolo

L’estate dei giudici e l’inerzia del legislatore. Dapprima, l’ordinanza del Tribunale di Roma che ha deciso il drammatico caso del neonato conteso, perché frutto di uno scambio di provette. Poi, quella del Tribunale di Bologna che, dopo la sentenza della Corte Costituzionale e nel perdurante silenzio del legislatore, ha autorizzato la fecondazione eterologa. Ora la sentenza del Tribunale per i minorenni che ha sancito l’adozione di un bimbo da parte della compagna omosessuale della madre naturale. Continua…

‘I giovani l’unica risorsa che ci resta’

Gilberto Costanza

I moralisti e la gioventù “bruciata” già dopo la Grande GuerraNella rubrica di Corsi & ricorsi del Direttore Mauro Calabresi de La Stampa del 27 agosto 2014, sono stati pubblicati a pag. 26, lo splendido articolo di Nicola Adelfi -grande inviato de La Stampa scomparso nel 1987 – dal titolo “I moralisti e la gioventù “bruciata’ già dopo la Grande Guerra” e una lettera a firma di A. Gusperti di Cremona, titolata “I giovani l’unica risorsa che ci resta”. Una missiva scritta con una sintesi ammirevole e molto chiara per cui mi sembra doveroso riportare il testo integrale come pubblicato nella rubrica “Lettere al direttore”.

Continua…

Mauro, Il + Bello d’Italia a Ceriale

Michele Zambrano Il + Bello d'Italia a Ceriale

Una manifestazione quasi dimenticata, di cui si ricordava soprattutto la ‘guerra’ legale – giudiziaria tra il giornalista fotoreporter Silvio Fasano e l’esercente alassino Carlo Mighetti. A quanto pare neppure il tempo, oltre alle sentenze passate in giudicato, insegnano il prevalere del buon senso e che un giorno tutti lasceremo casa in una bara. L’ultimo appuntamento che ha visto, nel clou dell’estate cerialese, un buon successo di pubblico, pare abbia scatenato contro il Comune le ‘ire funeste’ dell’avversario (?) del più noto reporter del nostro ponente (Fasano) che, pare giusto ricordarlo, non si è arricchito né con i media, né con la manifestazione del + Bello d’Italia.  Ma almeno in questo frangente non roviniamo le feste, i sogni dei giovani e speriamo nessuno si presti (avvocati inclusi) a fomentare sterilissime polemiche. A meno che non si abbia tempo da perdere e soldi da spendere. Infine speriamo che Ceriale porti fortuna al turista milanese Mauro Zambrano incoronato da una speciale giuria.  Dopo un’estate di pioggia, almeno il ‘sole della gioventù’ ! Continua…

Parco Alpi Liguri e Montegrosso Pian Latte. A Pieve di Teco il sindaco: “Siamo la Riviera Verde, basta ‘entroterra’ che confonde”

Logo Parco  Alpi Liguri

Ultimi scorci della stagione estiva nella Riviera dei Boschi e del relax nel ponente ligure. Il Parco Alpi Liguri (Comuni di Cosio d’Arroscia,Mendatica, Montegrosso Pian Latte, Pigna, Rezzo, Rocchetta Nervina e Triora) vi invita a trascorrere anche il mese di settembre sul territorio. Leggi il programma completo….. Ma c’è una novità. L’autorevole sindaco di Pieve di Teco, geom. Alessandro Alessandri, scajolano e capofila dei comuni della Valle Arroscia, a Imperia TV (sei ore di programma ripetuto) in occasione della seconda edizione Expo ha proposto di abolire il nome “entroterra” per un più efficace, a livello planetario, “Riviera Verde”; di conseguenza le altre riviere, a suo avviso, sarebbe utile definirle “Riviera Blu”. Inoltre ha sostenuto che il termine ‘entroterra confonde con il cuneese’, soprattutto i turisti giapponesi, russi, cinesi. Devono sapèere che dal mare al monte Saccarrello in soli 22 chilometri, una passeggiata se paragonata alle distanze extraeuropee. Una proposta rivoluzionaria, speriamo che il colosso televisivo del cav. Francesco Zunino lo faccia proprio e lo sostenga con informazione capillare e dibattiti.
Continua…

Il ‘top secret’ costi hub portuale Savona – Vado

Paolo Forzano
Nella “DGR 1454 piano di utilizzo delle terre di scavo viabilità di accesso all hub portuale di Savona e Vado” (nome ufficiale di quanto pubblicizzato come  “Aurelia bis”) dell’ 11-12-2013 era previsto un volume di scavo di  910.000 m3, di cui per riutilizzo nella costruzione di 260.000 m3,  ed i restanti da conferire alla piattaforma Maersk  650.000 m3. Il Piano è stato successivamente integrato con l’individuazione di un sito di deposito intermedio in località Poggio Azzurro in comune di Albisola Superiore (GE34/08-PE- 21FC-000-045-RE-01-01 del 11/03/2014) approvato dalla Regione Liguria con delibera n 331. In questo “sito intermedio” dovranno conferire “tutti i volumi di scavo” per essere poi smistati alle destinazioni finali. Continua…

collabora

collabora

Segnalazioni e consigli

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Archivio Articoli

Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su “accetta Più info

Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. Ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 D. Lgs. n. 196/2003 si rende noto quanto segue: I Suoi dati saranno trattati nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti soltanto dagli autorizzati, esclusivamente per dare corso all’invio della newsletter e informarla sulle novità editoriali del settimanale. Il conferimento dei dati ha natura obbligatoria e autorizza al trattamento in relazione alla sola finalità sopra esposta. Il rifiuto di fornire tali dati comporterà l’impossibilità di inoltrarle via e-mail le informazioni relative alle notizie riportate da: Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. I Suoi dati non saranno comunicati a terzi, né diffusi. Lei potrà rivolgersi in qualunque momento al Servizio newsletter attraverso l’indirizzo Blog@trucioli.it per esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs 196/03. I dati sono trattati elettronicamente, in modo da garantirne la sicurezza e la riservatezza, e sono conservati presso il’archivio di trucioli.it Nel rispetto del art. 7 della legge di cui sopra ti informiamo che puoi modificare o rimuovere completamente i tuoi dati scrivendo a blog@trucioli.it.

Chiudi