Numero visualizzazioni articolo: 352

Ceriale in spiaggia come acciughe,
ce n’è una sempre vuota (per legge)

Fa impressione eppure non ha mai fatto notizia. Sul lungomare di Ceriale, in zona centrale, c’è un ampia spiaggia, un’ottantina di metri lunga e ‘profonda’ almeno una quindicina, con una sola fila di sdraio e ombrelloni, desolatamente senza ‘clienti’. Ci sono le cabine in muratura, seppure non proprio un inno al decoro, c’è il cartello con tanto di scritta ‘spiaggia privata, orario di balneazione’. Il mistero è presto svelato, basta chiederlo al consigliere a tempo pieno di minoranza Luigi Giordano. La proprietà dell’arenile è del Comune  di Verona, in precedenza della Provincia. Proprietari dell’immobile attiguo ormai ‘deserto’ da alcuni anni. La concessione dell’arenile prevede che non possa essere utilizzata la spiaggia a fini di lucro; lo scorso anno c’erano i bambini di Cisano sul Neva, come capo solare.

La spiaggia della Colonia Veronese di Ceriale desolatamente deserta, non può essere utilizzata a scopo di lucro e da 4 anni la colonia del Comune di Verona è chiusa e non ospita persone

Con un’estate 2017 da incorniciare anche per gli stabilimenti balneari di Ceriale.  Si lavora è vero soprattutto con l’esaurito dell’week end, non piove da mesi, il turismo, italiano e straniero, quest’anno fa il pieno degli esercizi alberghieri ( a Ceriale significa  residence perchè di alberghi, con poche stanze peraltro, ne sono rimasti due), campeggi, villaggi, seconde case. E anche su questo lido i Bagni Marini ringraziano l’assessore imperiese Marco Scjaola ed il capogruppo di Forza Italia in Regione, Angelo Vaccarezza, per il costante, tenace e caparbio impegno nella lotta contro la Bolkestein ed in difesa dei ‘legittimi interessi della categoria’.

Pure sul litorale di Ceriale sono stati eretti manufatti da adibire a ristorante, bar, tavola calda e fredda. Di fatto hanno arricchito quella che può essere considerata la ‘gallina delle uova d’oro’ ovvero la spiaggia destinata ai bagni e alla tintarella. Anche a Ceriale, come nel resto della Regione, le concessioni demaniali sono spesso passate di mano a peso d’oro, hanno ottenuto la possibilità di ampliare, a discapito del demanio- bene pubblico,  la superficie coperta da cemento per ospitare zone di ristoro, tavoli e sedie, giochi e svago.  Ci sono realtà, come a Noli, dove sulla spiaggia sono stati ricavati veri e propri complessi lastricati di muretti, piattaforme fisse cementate.  Un’opportunità in più per i turisti grazie a quelle che è pur sempre considerato suolo inalienabile dello Stato italiano, dunque dei cittadini tutti. In attesa che magari, con il ritorno dei governi Berlusconi, vada in porto quella proposta di mettere in vendita, per fare cassa, anche le proprietà demaniali, ovvero gli stabilimenti balneari.

Ceriale, peraltro, saldamente in mano da anni al centro destra berlusconiano, i leghisti non sono rappresentati; a Ceriale i leghisti hanno spesso raccolto molti suffragi, ma alle elezioni il condottiero Vaccarezza è sempre riuscito a ‘ depotenziarli’, come è accaduto più di recente a Loano. Abilità politica e tattica. Non è un caso se i Bagni Marini restano l’unica vera e potente lobby in attività permanente non solo nel savonese, nel ponente ligure. Merito anche di un presidente storico, con ruolo nazionale, il geom. Riccardo Borgo, già veterano tra i sindaci in quel di Bergeggi, socialista che non è mai scivolato su nessuna inchiesta, dai tempi di Teardo quando è facile vederlo ritratto con l’allora ex presidente della Regione ed un altro esponente finito nel dimenticati, Tommaso (Mascin) Amandola di Pietra Ligure che è stato anche segretario della Federazione provinciale proprio negli anni cruciali. In pratica gli unici due della squadra socialista scampati alla grande retata.

Un tempo i proprietari di Bagni si compravano un paio di appartamenti l’anno. I tempi sono cambiati ? Oggi ci sono spiagge che hanno un titolare che sub affitta: il bar, il ristorante, altri servizi se esistenti. Le denunce dei redditi non brillano nel comparto Bagni Marini: la statistica Istat parla di poco più di 17 mila euro l’anno di utile. Uno stipendio da poverelli si direbbe. Perlomeno è una categoria che sa farsi rispettare, a volte ci sono aspetti grotteschi.

La Spiaggia Veronese è uno di questi. Se ad Alassio c’è la più piccola concessione demaniale della Liguria, tre metri lineari, per una profondità di 12-15 quando il mare è calmo, tre sdraio, riservata alle suore e di fatto quasi sempre ‘vuota’, a Ceriale la Veronese  attende invano di essere occupata mentre tutto intorno una distesa di ombrelloni e sdraio fitti caratterizzano la vitalità e la presenza di bagnanti. Quanto può valere sul mercato una spiaggia così ? Dai 2 ai 3 milioni di Euro. Si aggiunga che è in stretta connessione con l’ex colonia che è di fronte, non occupata da quattro anni e che per il piano regolatore ricade  in zona turistica non residenziale. In pratica si può costruire solo un albergo o residence.  Pare ci siano stati contatti con il Comune di Verona, lo scorso anno una delegazione della giunta di Ennio Fazio, con il segretario comunale, si è recata a far visita ai colleghi veneti.  Il messaggio era: vi faremo sapere appena possibile le nostre ultime decisioni ed eventuali richieste.

Tra gli interessati che hanno già ristrutturato e ‘valorizzato’ altri stabili sul lungomare, il gruppo cerialese Fresia e Verus di Magliolo. Molto attive alcune immobiliari della Basso Piemonte.

Domenica mattina spiagge affollate: il corridoio che fiancheggia la spiaggia Veronese, tra cumuli di detriti e sacchetti di immondizia

Ceriale con la stagione estiva 2017 fu fare bella mostra con la passeggiata a mare in gran parte rifatta, questa fontana a zampilli ha funzionato tutto l’inverno, che sia già arrivata la ‘siccità’?

Ceriale nel centro storico davanti ad una gastronomia un giovane mendicante, con tanto di cartello, chiede l’elemosina, scaltro a coprirsi il volto quando si rende conto che qualcuno fotografa, si saranno passati la voce del terribile fotoreporter di IVG.it Il Vostro Giornale che accorre laddove gli altri scappano ?

Centro storico, altra cartolina, giovane donna chiede la questua in compagnia di cani. Nel cartello ricorda che ha fame…..

Anche a Ceriale alla domenica spiagge a tappo, buon segno e tutti felici

Un tratto centrale di spiaggia libera una domenica di luglio

Ceriale sosta selvaggia continua negli spazi gialli riservati alla fermata degli autobus di linea, in questo tratto di Aurelia che dista a 32 metri dal palazzo Municipale ogni giorno l’impunità la fa da padrone sotto gli sguardi di sindaco, assessori, consiglieri comunali. Evviva l’educazione civica ‘modello Ceriale’.

Oltre all’impunità e tolleranza massima , i pualan si fermano in mezzo alla strada per far salire i viaggiatori, bloccano l’Aurelia anche quando il semaforo è verde e c’è già una coda di auto. Va bene che il consigliere delegato è impegnato nel lavoro da elettricista, ma almeno ogni tanto potrebbe rendersi conto e provvedere, le cattive abitudini non giovano

Non sappiamo se l’informazione sia esatte, Ceriale sarebbe l’unico Comune della Riviera dove non è vietato circolare in città in costume da bagno. In realtà è facilissimo trovare donne e uomini in costume nel centro storico, sul lungomare, davanti alla chiesa parrocchiale e piazza del Municipio. Non vogliamo credere che se ci fosse un ‘divieto’ sindacale tutti chiudano gli occhi. A meno che non sia un’eccellenza tutta cerialese osservare un bel kikini

 

Condividi!
    Print Friendly and PDF

    collabora

    collabora

    Segnalazioni e consigli

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    Archivio Articoli

    Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su “accetta Più info

    Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. Ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 D. Lgs. n. 196/2003 si rende noto quanto segue: I Suoi dati saranno trattati nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti soltanto dagli autorizzati, esclusivamente per dare corso all’invio della newsletter e informarla sulle novità editoriali del settimanale. Il conferimento dei dati ha natura obbligatoria e autorizza al trattamento in relazione alla sola finalità sopra esposta. Il rifiuto di fornire tali dati comporterà l’impossibilità di inoltrarle via e-mail le informazioni relative alle notizie riportate da: Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. I Suoi dati non saranno comunicati a terzi, né diffusi. Lei potrà rivolgersi in qualunque momento al Servizio newsletter attraverso l’indirizzo Blog@trucioli.it per esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs 196/03. I dati sono trattati elettronicamente, in modo da garantirne la sicurezza e la riservatezza, e sono conservati presso il’archivio di trucioli.it Nel rispetto del art. 7 della legge di cui sopra ti informiamo che puoi modificare o rimuovere completamente i tuoi dati scrivendo a blog@trucioli.it.

    Chiudi