Numero visualizzazioni articolo: 292

Ormea: successo enogastronomico dove sindaco ed assessore fanno anche i cassieri

Una ‘passeggiata’, un tour enogastronomico di 14 tappe, nel borgo antico di Ormea, con altrettante specialità e degustazioni di vini liguri e piemontesi. Un sabato di giugno, una serata estiva, per assaporare piatti della tradizione dell’Alta Val Tanaro e Alta Valle Arroscia, con due cassieri particolari: il sindaco in persona, Giorgio Ferraris, insegnante e il suo assessore Serenella Omero, avvocato. E tanti volontari nei panni di cuochi, cuoche, ciceroni per decantare le prelibatezze. Ormea che è alle prese con le ferite dell’alluvione, con una stagione invernale tutt’altro che brillante, se ci sono fine settimana di maltempo si perdono anche i clienti cosidetti della domenica. Ormea che si ripropone spingendo al massimo le attrazioni e le manifestazioni estive – autunnali. Merita senz’altro un posto d’onore e di ammirazione la serata all’insegna del buon vino e buon mangiare che di fatto consente di scoprire o riscoprire il fascino dell’antico paese. Non abbiamo i dati dei pasti venduti, con 25 euro, 14 assaggi ed altrettanti bicchieri. Tutto basato sul volontariato, sulle casalinghe, qualche chef nostrano, qualche sommelier. Degustazioni per ogni giusto e sapore della tradizione culinaria ormesca e imperiese. Ogni tappa era indicato il nome della Corte: con assaggio (mezzo bicchiere, ma alla fine la miscelanea faceva qualche scherzetto in tema di ebrezza)  di Vermentino, Pigato, Ormesco di Pornassio, Rossese di Dolceacqua, Barbaresco, Moscato d’Asti, Grignolino, Taverga, Ormeasco Sciac – trà.

E come capita spesso di vedere nei paesi, la nota di colore di essere ricevuti alla cassa dallo stesso sindaco e dall’assessore.

Il sindaco Giorgo Ferraris e l’assessore Serenella Omero alla cassa dell’evento ‘Terra d’Ormea?

Una suggestiva immagine di una delle ‘tappe’ dell’evento enogastronomico nel centro storico di Ormea

I mitici fratelli dell’Ormeasco di Pornassio, Rafafele ed Agostino Guglierame, uniti nei vigneti, in cantina e nelle esposizioni, cultori della qualità e delle serietà commerciale

 

Tutti in fila e paziente attesa alla cassa per l’acquisto dei biglietti sulla piazza del paese

Tra i volontari anche Ezio Michelis conosciuto come Ezio di Villaro

Non poteva mancare lo chef del Rifugio di Chionea con le sue delicatezze’ della Valle Arroscia, Danilo Pelassa, 42 anni, originario di Mendatica e ristoratore per passione con il socio Gianluca

Condividi!
    Print Friendly and PDF

    collabora

    collabora

    Segnalazioni e consigli

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    Archivio Articoli

    Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su “accetta Più info

    Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. Ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 D. Lgs. n. 196/2003 si rende noto quanto segue: I Suoi dati saranno trattati nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti soltanto dagli autorizzati, esclusivamente per dare corso all’invio della newsletter e informarla sulle novità editoriali del settimanale. Il conferimento dei dati ha natura obbligatoria e autorizza al trattamento in relazione alla sola finalità sopra esposta. Il rifiuto di fornire tali dati comporterà l’impossibilità di inoltrarle via e-mail le informazioni relative alle notizie riportate da: Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. I Suoi dati non saranno comunicati a terzi, né diffusi. Lei potrà rivolgersi in qualunque momento al Servizio newsletter attraverso l’indirizzo Blog@trucioli.it per esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs 196/03. I dati sono trattati elettronicamente, in modo da garantirne la sicurezza e la riservatezza, e sono conservati presso il’archivio di trucioli.it Nel rispetto del art. 7 della legge di cui sopra ti informiamo che puoi modificare o rimuovere completamente i tuoi dati scrivendo a blog@trucioli.it.

    Chiudi