Numero visualizzazioni articolo: 220

Battaglia a suon di pesto tra gli Alberti
Clamoroso goal in tribunale del ‘re del latte’

E’ stata definita un ‘colpo di scena’ la sentenza di assoluzione sulla ‘guerra del pesto’ tra ‘Cipressa Sapori’ di Remo Alberti e ‘Latte Alberti’ del più noto Alberto Alberti, contitolare del rinomato caseificio di Pontedassio, nonchè presidente dell’Unione Industriali della Provincia di Imperia, accusato di aver commercializzato il prodotto con il marchio ‘ Alberti ‘quando lo stesso marchio era stato registrato dal titolare dell’azienda di Imperia. Dalla giustizia civile alla penale. Il processo per non aver rispettato una sentenza del tribunale confermata in appello che vietava a ‘Latte Alberti’ di commercializzare il pesto con il brand di Cipressa Sapori.

Il verdetto del giudice del tribunale di Imperia,  Laura Russo, ha pienamente scagionato l’imputato Alberto Alberti, 68 anni, dall’accusa di ‘  introduzione nello Stato e commercio di prodotti con segni falsi’ e ‘ vendita di prodotti industriali con segni mendaci’ perchè il fatto non sussiste. Il denunciante, Remo Alberti (tra i due nessuna parentela) che si era costituito parte civile, è stato  condannato a risarcire il ‘re del latte’ ponentino con 30 mila euro, oltre che a pagare le spese  legali sostenute dall’imputato: 7.600 euro. Alberto Alberti era difeso da Carlo Fossati e Serena Pilati;  l’avversario assistito dall’avvocato Bruno Di Giovanni che ha annunciato il ricorso alla Corte d’Appello di Genova una volta depositate le motivazioni del verdetto.

Lo scontro è iniziato nel novembre 2011 quando un collaboratore di  ‘Cipressa Sapori’, con sede in via Argine Destro di Imperia, avrebbe fotografato vasetti di pesto a marchio ‘Alberti’ in due supermercati della Riviera ligure. Quel nome era ‘protetto’ e con marchio registrato nel 2004, secondo la tesi di Remo Alberti, che  31 anni fa è stato fondatore dell’azienda Cipressa Sapori, con il socio Giancarlo Lupi. Una brand affermato sulla Riviera Ligure e nella cucina Mediterranea. “La qualità è la caratteristica che contraddistingue i prodotti Alberti – si legge sul sito internet – , frutto della rigorosa selezione  delle materie prime ed accurata lavorazione”. L’azienda produce oltre ai vasetti di pesto, olio extra vergine, olive taggiasche denocciolate e in salamoia, filetti di tonno, salse, creme, trofie, vini.

Nello scontro commerciale figurano tre sentenze della Corte d’Appello di Genova, riporta Il Secolo XIX,  che avevano imposto alla ditta di Pontedassio di Alberto Alberti di non utilizzare più quel marchio per il pesto prodotto. Ma le fasi dibattimentali hanno fatto emergere diverse contraddizioni e la stessa pubblica accusa ha finito per chiedere l’assoluzione. Manca la parola ‘ultimo capitolo’ che potrebbe arrivare fino alla Cassazione, come preannunciato dall’avvocato Di Giovanni, nel frattempo la sentenza diventa esecutiva.

CURRICULUM VITAE  di Alberto Alberti, nato ad Imperia il 19 ottobre 1948, residente a Imperia in via Fanny Roncati Carli, coniugato con Rita Aicardi, padre di due figli, Andrea e Matteo, diploma liceale di maturitá scientifica, laurea in Economia e Commercio con indirizzo economico aziendale conseguita presso l’Ateneo Genovese, iscritto all’albo nazionale dei Revisori dei Conti.

IMPEGNI SOCIALI ED ESPERIENZE VARIE – attivitá politica giovanile culminata con presenza nel direttivo provinciale della Gioventù Liberale Italiana. Attivitá sportive varie, dallo sci alla lotta giapponese, e in particolare atletica leggera con risultati ancora presenti nell’Albo d’Oro della societá sportiva Maurina.

Attivitá studentesca universitaria con iniziative a carattere ludico (recupero e riorganizzazione della storica Corsa delle Carrette), sociale (interessamento per modificare fasce orarie per treni studenti, ecc) e culturale (mostra storico fotografica della cittá). Partecipazione ultradecennale ad attività culturale musicale quale membro del Coro Alpino Mongioje, gruppo corale cittadino di cui ho retto anche la presidenza.

Socio fondatore e Presidente del Rotaract, associazione giovanile del Rotary Club, socio fondatore del Chapter Riviera Ligure della Junior Chamber. Socio e past Presidentdel Rotary club di Imperia

PROFILO PROFESSIONALE impegno operativo nella centrale del latte, azienda storica di famiglia, dalla metá degli anni settanta, amministratore delegato della stessa azienda. Amministratore di un’altra azienda di famiglia piemontese, centro di raccolta latte e stabilimento di produzione di Grana Padano. Amministratore nella società immobiliare di famiglia. Membro del consiglio di amministrazione nella societá capofila della holding di famiglia.

IMPEGNI DI CARATTERE ASSOCIATIVO E PUBBLICO – Membro del consiglio direttivo della sezione Latte Alimentare della Associazione Nazionale di Categoria “Assolatte”. Membro del Comitato di Presidenza della Associazione Nazionale di categoria delle aziende produttrici di latte fresco “Frescolatte”. Past President di Confindustria Imperia e attuale membro del Comitato di Presidenza, già membro del Consiglio Direttivo di Confindustria Liguria in rappresentanza delle aziende del territorio della Provincia, giá consigliere della locale filiale della Banca d’Italia fino a che è esistita, membro di Consiglio e di Giunta Camerale presso la locale CCIA.

Condividi!
    Print Friendly and PDF

    collabora

    collabora

    Segnalazioni e consigli

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    Archivio Articoli

    Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su “accetta Più info

    Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. Ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 D. Lgs. n. 196/2003 si rende noto quanto segue: I Suoi dati saranno trattati nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti soltanto dagli autorizzati, esclusivamente per dare corso all’invio della newsletter e informarla sulle novità editoriali del settimanale. Il conferimento dei dati ha natura obbligatoria e autorizza al trattamento in relazione alla sola finalità sopra esposta. Il rifiuto di fornire tali dati comporterà l’impossibilità di inoltrarle via e-mail le informazioni relative alle notizie riportate da: Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. I Suoi dati non saranno comunicati a terzi, né diffusi. Lei potrà rivolgersi in qualunque momento al Servizio newsletter attraverso l’indirizzo Blog@trucioli.it per esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs 196/03. I dati sono trattati elettronicamente, in modo da garantirne la sicurezza e la riservatezza, e sono conservati presso il’archivio di trucioli.it Nel rispetto del art. 7 della legge di cui sopra ti informiamo che puoi modificare o rimuovere completamente i tuoi dati scrivendo a blog@trucioli.it.

    Chiudi