Numero visualizzazioni articolo: 706

Ceriale: venduta all’asta la villa, con giardino, dei due figli eredi del medico Bertin Merlo

Davanti al Municipio,  vicino alla chiesa parrocchiale, nel centro storico di Ceriale. Piange il cuore, un pugno nello stomaco, leggere due cartelli gigantografia: ‘ Oikos costruzioni vende, telefono…’ I tabelloni ravelano un epilogo triste per quella che è stata una delle famiglie più apprezzate, amate, conosciute di Ceriale e del comprensorio albenganese. La villa e lo studio professionale di un personaggio unico, ricco di umanità, di umiltà quale è stato il defunto Bartolomeo (Bertin) Merlo, medico di famiglia d’altri tempi. Quando si andava a piedi o in bicicletta per raggiungere i pazienti di frazione Peagna. Con lui la fedele compagnia di vita, la moglie Carla Ferrari, insegnante, già assessore comunale. Il dissidio tra i due figli eredi ha fatto si che fosse il tribunale a mettere in vendita l’immobile che fu anche studio del dentista  Luigino Piantelli.

In questi giorni a Ceriale si è ricordato l’anniversario di due figure che meritano di essere iscritte nell’albo d’onore delle persone meritevoli e benemerite della comunità, i compianti coniugi Merlo, lui medico di famiglia, lei insegnante ed ex assessore

Al terzo bando d’asta, dunque con il massimo ribasso di legge, e con un unico offerente, l’immobile a due piani da 180 mq (il terzo appartiene ad un cugino ed era escluso dalla procedura ), 50 mq di garage, 150 mq di giardino, è stato acquistato per 600 mila euro da una società  siciliana che ha interessi a Torino, amministratore delegato Addamo e socio finanziatore  Giuseppe Rosso.  Tutto alla luce del sole, tutto nei crismi di legge. Ora l’edificio è stato messo in vendita dalla Oikos. Può essere frazionato e se si raggiunge un accordo  con il proprietario del terzo piano, Marco Missana, cugino dei fratelli Merlo,  una vita da astronomo a Brera, non è difficile ipotizzare un ampliamento del 35 % grazie al ‘piano casa’.

Proprio nelle scorse settimane trucioli.it aveva riportato il manifesto funebre affisso in città per ricordare gli anniversari di morte dei coniugi Merlo.

Uno dei figli è  valente medico all’ospedale di Albenga dove abita e vivono un figlio ed una figlia. Non è questo il momento per ricostruire cosa sia accaduto tra i due fratelli, uno vive nella casa paterna che dovrà abbandonare a giorni (o forse nel frattempo ha lasciato). Tra le altre cose pare che la biblioteca medica e personale di Bertin Merlo sarà donata all’Ordine dei medici della provincia di Savona.  Una scelta che il papà in vita avrebbe apprezzato. E’ pur sempre un dramma umano, ma anche un dispendio di risorse finanziarie quando un’eredità finisce per mille ragioni plausibili o meno davanti ai giudici e si deve ricorrere ai legali che a loro volta hanno diritto di essere pagati e praticare gli onorari sulla base dell’ammontare presunto del valore della causa. Servirebbe un paciere (anche gli arbitrati hanno un costo) in grado di far prevalere il buon senso dove ogni parte rinuncia a qualcosa.

A quanto è trapelato la sentenza del tribunale è stata appellata, ma ormai la casa è stata venduta e quella casa non rappresenta solo il valore affettivo, è la storia di una famiglia che si è fatta onore ed ha onorato Ceriale. Purtroppo il diavolo ci ha messo lo zampino anche se c’è chi non riesce a trattenere le lacrime. Un epilogo che papà Bertin e mamma Carla non auspicavano e non meritavano. Da rivoltarsi nella tomba, si suole dire. Lascia sgomenti e riempie il cuore di tristezza a quanti conoscevano i valori di vita che hanno ispirato la coppia di cerialesi benemeriti.

 

 

 

Condividi!
    Print Friendly and PDF

    collabora

    collabora

    Segnalazioni e consigli

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    Archivio Articoli

    Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su “accetta Più info

    Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. Ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 D. Lgs. n. 196/2003 si rende noto quanto segue: I Suoi dati saranno trattati nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti soltanto dagli autorizzati, esclusivamente per dare corso all’invio della newsletter e informarla sulle novità editoriali del settimanale. Il conferimento dei dati ha natura obbligatoria e autorizza al trattamento in relazione alla sola finalità sopra esposta. Il rifiuto di fornire tali dati comporterà l’impossibilità di inoltrarle via e-mail le informazioni relative alle notizie riportate da: Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. I Suoi dati non saranno comunicati a terzi, né diffusi. Lei potrà rivolgersi in qualunque momento al Servizio newsletter attraverso l’indirizzo Blog@trucioli.it per esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs 196/03. I dati sono trattati elettronicamente, in modo da garantirne la sicurezza e la riservatezza, e sono conservati presso il’archivio di trucioli.it Nel rispetto del art. 7 della legge di cui sopra ti informiamo che puoi modificare o rimuovere completamente i tuoi dati scrivendo a blog@trucioli.it.

    Chiudi