Numero visualizzazioni articolo: 1.227

Alassio, bene i sequestri del commercio abusivo ma quel profumo elettorale di tavolini e sedie la dice lunga signor sindaco

La giunta di centro destra del sindaco Enzo Canepa fa bene ad informare i cittadini circa l’impegno, a volte impari, per combattere la piaga ultradecennale del commercio abusivo che dall’arenile si esteso al lungomare e al centro storico. Del resto Alassio è l’unica città della Riviera dodata di un commissariato di Polizia, oltre ai carabinieri e ai vigili urbani.  In passato anche la Finanza e la Capitaneria di Porto. Ora accade un altro curioso fenomeno: alcuni esercizi pubblici della zona mare si allargano con tavolini, sedie, fioriere, ovvimente si tratta di spazio pubblico sottratto ai pedoni, all’isola pedonale. C’è chi maliziosamente sostiene che l’approssimarsi (2018) delle elezioni comunali rappresenta il momento ideale per ‘chiedere ed ottenere’.  Siamo proprio sicuri sia così, o invece sia eccessiva tolleranza ?

Sulla piazza su cui confluiscono via Vittorio Veneto e via Brennero tavolini e fioriere delimitano il passaggio dei pedoni con tanto di concessione comunale

Viene da pensare che da una parte si mostrano i muscoli contro la plateora di ambulanti extracomunitari, dall’altra si lascia correre.  Una compensazione ? Vedete voi. Ci sono alcuni ‘allargamenti’  che meritano di essere documentati con le immagini, assai più efficaci delle parole, delle descrizioni.

Ad Alassio il commercio abusivo ha una radicata matrice. Ci sono le famiglie marocchine (sono trascorsi 10 anni da quando Fabio Lucchini, ex consigliere comunale inquieto ed imprevedibile, promosse la prima raccolta di firme anti vu’ cumprà) che dominano la scena dagli anni ’90. E non è mai stato dato a sapere per quale ragione non si possa ricorrere a provvedimenti di espulsione, visto che la loro sfida è organizzata, costante e non teme sequestri, denunce, persistenza a violare la legge ed i regolamenti. Che dire ? Pensate che una multa, un verbale, una denuncia possano spaventare ? Chi può pensare che paghino ? Si tratta di nuclei famigliari organizzati da padre in figlio, fino nonno e nipoti, zio, ragazzi minorenni che ormai parlano correttamente italiano. Vivono a Savona, a Genova. Resta il mistero – del resto l’informazione locale si limita a rendicontare, senza porre domande troppo scomode – della ‘resistenza’ negli anni, con i vigili urbani in prima linea a rincorrere, a dare la caccia,  quasi un nascondino protetto da cellulari e vedette.  Tra l’altro, nella città dove la Lega Nord da un decennio detiene l’assessorato alla Polizia Urbana; non c’è quello alla legalità.

Trucioli.it. nel corso degli anni ha realizzato numerosi reportage- testimonianza, basta navigare sull’archivio. Se non siamo di fronte ad una palese resa dello Stato e delle sue istituzioni locali, poco ci manca. Sarà pure un problema di leggi, legislazione e di assuefazione, inciviltà. Se ci sono gli abusivi è perchè qualcuno compra ed in netta

Lo spettacolo dell’occupazione non è dei più accattivanti ed è probabile che abbia l’autorizzazione dell’assessorato ed uffici competenti con concessione comunale

maggioranza gli acquirenti sono italiani, anche perchè non c’è più l’invasione dei turisti stranieri come accadeva negli anni dei magliari napoletani.  In diversi mesi  dell’anno la maggioranza degli ospiti parlava straniero per la gioia degli alberghi, esercizi pubblici, locali notturni. Speriamo di non sbagliarci, la circostanza che siamo rimasti i soli a non fare solo da notaio a questa o quella ‘operazione antiabusivi’, a raccontare e soprattutto documentare cosa accade sulla spiaggia e sul lungomare, nel ‘budello’, non è di grande incoraggiamento.  In più occasioni abbiamo corso dei rischi, essere malmenati, aggrediti, insultati. Certamente un risultato c’è già stato: sono molto attenti a non farsi fotografare, siamo considerati alla stregua dell’uomo in divisa, sospettati e scrutati nelle veste di possibili fotocronisti.

Sappiamo che c’è differenza tra abusi e abusivi, tra chi vende povere mercanzie e chi oggetti e materiale contraffatto e solo in questo caso la legge consente provvedimenti severi, immediati, sequestro e procedimento penale.  Lasciamo a parte le multe e le condanne a pene pecuniarie che nessuno pagherà mai. Anzi intasano purtroppo già intasati uffici giudiziari, sottraggono uomini, mezzi, tempo alle forze dell’ordine che magari preferirebbero dare la priorità alla microcriminalità dedita ai furti, allo spaccio, alla macrocriminalità.

L’ultima cartolina dal lungomare di Alassio propone, da levante a ponente, l’avanzare di strutture mobili (in qualche caso fisse) negli spazi pubblici.  Tavolini e sedie per ampliare il dehor. Di fatto si creano strettoie pedonali dove transitano anche carrozzolle di bambini e portatori di handicap.  Nessuno è così sciocco da pensare che il Comune non debba

Sulla piazza Airaldi e Durante vivacizzata dalla presenza di bancarelle, bar e di un’area di relax lo spazio di transito è ridotto creando un inutile ingorgo

favorire tutte le attività che in qualche modo incoraggino e incoraggiano chi fa turismo con i bar, la ristorazione, il commercio legale. C’è però un limite, altrimenti si crea un selva di favoritismi che qualcuno attribuisce all’approssimarsi dell’appuntamento elettorale. E una palese disparità di trattamento da chi è ligio agli spazi riservati e chi si allarga, magari con la spintarella. Figli e figliastri. A te sì, a lui no.  A discapito della corretta e responsabile gestione degli spazi comunali. Il sindaco Enzo Canepa, i suoi assessori sono informati ? Non camminano sul lungomare ? Non conoscono la realtà ? L’ufficio stampa del Comune è tra i più professionali e diligenti. Magari per una volta riuscirà a sottoporre all’attenzione dei ‘capi’ anche il nostro umilissimo lavoro informativo, probabilmente seguito da quattro gatti ed ignorato dalla stragrande maggioranza dei colti lettori di cose alassine.

Nulla di male si allarga il ristporante bar e si stringe la sede stradale, sul lunghomare di levante

Sulla passeggiata Dino Grollero già nella stagione invernale con i giorni di sole i tavoli avanzano sulla sede stradale pedonale con tanto di concessione comunale

Quando i tavolini non danno fastidio ed occupano la spiaggia per la gioia dei clienti e degli esercenti

Un’invasione di troppo sul lungomare Dino Grollero in un tratto dove la ristorazione nobilità il turismo ma dovrebbe rispettare le regole del buon senso

Suggestiva immagine di tavolini adobbati per clienti che non si sentono disturbati dalla privacy e forse siamo di fronte ad un’eccessiva occupazione di spazi pubblici del lungomare

MISTER COCCOBELLO, OVVERO GIUSEPPE SCIORTINO, ALASSINO D’ADOZIONE, L’UNICO AMBULANTE DEL LITORALE ALASSINO: ANCHE PER LUI E’ INIZIATA LA STAGIONE ESTIVA, APPREZZATO DAI BAGNANTI, GRANDI E PICCINI. DI LUI CI ERAVAMO OCCUPATI IN PASSATO QUANDO AVEVA LAMENTATO LA TOLLERANZA DEL COMUNE PER L’INVASIONE DI EXTRACOMUNITARI CAPACI PERSINO DI DETTARE LEGGE. SCIORTINO FRANCO E SCHIETTO ERA ANDATO A PROTESTARE DAL SINDACO CANEPA ACCOMPAGNATO DALLA MOGLIE.  UN INCONTRO – SCONTRO DA DIMENTICARE.

Il ponte del Primo Maggio sulla spiaggia è già tempo di ‘coccobello’, Giuseppe Sciortino è al lavoro, causalmente si incontra con un ambulante abusivo che nonostante la lontananza si rende conto che qualcuno fotografa e lui cerca di nascondere il volto

Per i vigili urbani di Alassio una vecchia conoscenza del commercio abusivo che resiste alle multe che non paga ed ai sequestri di merce, sropreso a vendere borse dal volontario fotografo di trucioli.it con l’hobby di raccontare la realtà

SULL’ARINILE INCONTRO CON UN AMICO DELL’UOMO A QUATTRO ZAMPE, UN TRONCO D’ALBERO SCAMPAYTO ALLA PULIZIA POSTO ALLUVIONE VIENE UTILIZZATO PER LEGARE IL CANE MENTRE I PADRONCINI SI GODONO IL SOLE E L’ARIA MARINA

Nel Ponte del Primo Maggio pur non essendo affollato come per il 25 Aprile e a Pasqua alcuni tratti del litorale alassino erano già occupati da bagnanti negli stabilimenti balneari che hanno inaugurato la stagione

Una curiposità nella stagione balneare 2017, è stata ammainata (tolta) dai pennoni la bandiera inglese della Brexit che gran parte dei bagni aveva invece issato per protesta contro la Bolkestein nell’estate 2016 come dimostra la foto

Erano le festivati natalizie 2016 e sulla spiaggia di Alassio c’è chi prendeva la tintarella

Le zone privilegiate dagli ambulanti abusivi, un abituèe che nella stagione invernale vendeva giacconi

E’ il giovane mendicante più assiduoi e popolare della Riviera savonese, si sposta dalle città balneari a Savona centro, ha una tecnica particolare. Avvicina preferibilmente le persone anziane ed in lacrime dice di dovere sfamare due figlie ammalate

 

La tecnica dell’avvicinamento di persone anziane, meglio se con pelliccia, per proporre l’acquisto di una borsa di marca e di occasione, siamo nella centralissima piazza Partigiani

Condividi!
    Print Friendly and PDF

    collabora

    collabora

    Segnalazioni e consigli

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    Archivio Articoli

    Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su “accetta Più info

    Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. Ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 D. Lgs. n. 196/2003 si rende noto quanto segue: I Suoi dati saranno trattati nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti soltanto dagli autorizzati, esclusivamente per dare corso all’invio della newsletter e informarla sulle novità editoriali del settimanale. Il conferimento dei dati ha natura obbligatoria e autorizza al trattamento in relazione alla sola finalità sopra esposta. Il rifiuto di fornire tali dati comporterà l’impossibilità di inoltrarle via e-mail le informazioni relative alle notizie riportate da: Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. I Suoi dati non saranno comunicati a terzi, né diffusi. Lei potrà rivolgersi in qualunque momento al Servizio newsletter attraverso l’indirizzo Blog@trucioli.it per esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs 196/03. I dati sono trattati elettronicamente, in modo da garantirne la sicurezza e la riservatezza, e sono conservati presso il’archivio di trucioli.it Nel rispetto del art. 7 della legge di cui sopra ti informiamo che puoi modificare o rimuovere completamente i tuoi dati scrivendo a blog@trucioli.it.

    Chiudi