Numero visualizzazioni articolo: 260

‘Savona Porto Elettrico’, nasce il comitato
Il ‘regalo salute’ di Costa Crociere alla città

‘Savona Porto Elettrico’ diventa comitato. Quando le Istituzioni, dal Governo in giù, non difendono la salute della cittadinanza, interviene la società civile: Savona Porto Elettrico oggi diventa un Comitato di cittadini e invita tutti ad aderire.

L’amministratore delegato di Costa Crociere, Michael Thamm

COMUNICATO STAMPA - Un comitato apartitico e apolitico (la salute è di tutti e non ha colore) al quale invitiamo ad aderire prima di tutto i nostri Amministratori, di qualsiasi parte politica.

Abbiamo ascoltato tante promesse, specialmente nei caldi periodi elettorali, e abbiamo voluto crederci: ma come unico atto di buona volontà, in vent’anni, ci siamo ritrovati tre panchine in alluminio riciclato, il “regalo” di Costa Crociere alla città.

E al danno si aggiunge la beffa, se ricordiamo che proprio l’amministratore delegato di Costa Crociere, Michael Thamm, ha suggerito a Savona di diventare “una città verde”!

L’Autorità portuale, pur essendo un organismo pubblico, ha come finalità l’indirizzo, la programmazione, il coordinamento e il controllo delle operazioni portuali, la manutenzione dei porti e la fornitura di servizi per gli utenti portuali. La normativa non dà disposizioni circa la tutela della salute dei cittadini. Questo aspetto è compito del Governo, delle Regioni e del Sindaco. Purtroppo i cittadini di Savona si trovano soli a difendere le loro istanze nei confronti di colossi come le compagnie di crociere e le AP, che oppongono i temi della crisi economica e della crescita quale giustificazione ai mancati investimenti nelle migliori tecnologie per la tutela ambientale.

SPE ritiene che le operazioni attuate e previste peggiorino lo stato dell’ambiente ed aumentino i rischi per la salute.

Abbiamo ribadito più volte i nostri dubbi sul metodo dei monitoraggi da cui emerge che “a Savona le navi inquinano poco”, come sulle altre criticità ambientali del nostro territorio, a partire dalla piattaforma Maersk, che eroderà le spiagge e che rischia di provocare un inquinamento incontrollato con i dragaggi.

Leggiamo che a Savona, da parte dell’AP, sono previsti investimenti per 8 milioni di € proprio in dragaggi – per rendere più profondo il fondale e consentire l’attracco delle navi più grandi del mondo – ma neppure un € per mitigare l’impatto dell’inquinamento prodotto dalle navi e dal traffico collegato alle loro attività.

Dopo la decina di milioni già spesi per la nuova sede, di cui ora non si sa cosa fare, la necessità di dragare dimostra, ancora una volta, la scarsa lungimiranza nella scelta della sede del terminal crociere: non solo a ridosso di abitazioni residenziali, ma anche in una zona con profondità del fondale insufficiente.

Oltre al costo, che in ultima istanza è pagato dai cittadini, quali sostanze verranno fuori, dragando i fondali? A quale ulteriore inquinamento rischiano di andare incontro il mare, le spiagge? (in primis la Margonara, ultimo angolo naturale della nostra costa minacciato da quel cemento tanto caro agli amministratori di tutte le appartenenze…)

Qualcuno ci pensa? Qualcuno ci dirà come si intende smaltire il materiale?

Il Comitato Savona Porto Elettrico nasce oggi: vi aspettiamo numerosi e siamo curiosi di vedere chi tra i nostri amministratori intenda aderire.

Perché a parole la salute e l’ambiente interessano tutti: ora chiediamo di sostenerci mettendoci la faccia e il nome.

Savona Porto Elettrico

Condividi!
    Print Friendly and PDF

    collabora

    collabora

    Segnalazioni e consigli

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    Archivio Articoli

    Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su “accetta Più info

    Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. Ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 D. Lgs. n. 196/2003 si rende noto quanto segue: I Suoi dati saranno trattati nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti soltanto dagli autorizzati, esclusivamente per dare corso all’invio della newsletter e informarla sulle novità editoriali del settimanale. Il conferimento dei dati ha natura obbligatoria e autorizza al trattamento in relazione alla sola finalità sopra esposta. Il rifiuto di fornire tali dati comporterà l’impossibilità di inoltrarle via e-mail le informazioni relative alle notizie riportate da: Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. I Suoi dati non saranno comunicati a terzi, né diffusi. Lei potrà rivolgersi in qualunque momento al Servizio newsletter attraverso l’indirizzo Blog@trucioli.it per esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs 196/03. I dati sono trattati elettronicamente, in modo da garantirne la sicurezza e la riservatezza, e sono conservati presso il’archivio di trucioli.it Nel rispetto del art. 7 della legge di cui sopra ti informiamo che puoi modificare o rimuovere completamente i tuoi dati scrivendo a blog@trucioli.it.

    Chiudi