Numero visualizzazioni articolo: 472

Quei discendenti di Lanteri in Svezia: 3 figli, 7 nipoti. Suzanne, storia di un amore proibito in hotel. A Verdeggia il Dna della verità

A fine anni ’40, Nino Lanteri, un latin lover precursore dei ‘rubacuori’ che tra gli anni ’60 -’80 hanno imperversato sulle Riviere liguri, toscane e romagnole. Con migliaia di giovanissime ‘vichinghe’ che perdevano la testa, prendevano ‘cotte’ , perdutamente innamorate del maschio italiano. E si raccontava di tanti bambini nati oltre frontiera. Ma la storia che si legge negli archivi del periodo A Vaštéra, se non fosse vera, autentica, coinvolgente sarebbe un romanzo perfetto. Da leggere tutto d’un fiato. 

Suzanne, insegnante come il marito svedese Martin, vive ora felice e serena a Ostermsund nella Svezia centrale. Ha tre figli e sette nipoti. Tutti, nelle vene, hanno il sangue dei Lanteri. Lei, dopo l’esame del Dna che ha sciolto ogni dubbio, risulta figlia  naturale di Antonio (Nino) Lanteri, a sua volta figlio di Antonio e  Celestina Lanteri di Verdeggia.

Prima di leggere l’interessante servizio scritto da Gian Paolo Lanteri su  A Vaštéra (vedi sotto), è il caso di ricordare un lungo periodo di tormento, di angoscia, travaglio vissuto da una giovane mamma. Aveva tenuto nascosto a tutti (o quasi) quel segreto, quella figlia concepita durante una vacanza  in un albergo della Costa Azzurra, a Nizza, dove Nino, giovane aitante, lavorava e faceva ‘conquiste’. E’ a Stoccolma, nel luglio 1950,  che nasce Suzanne che ha già una sorella più grande di lei, nata dal primo matrimonio della mamma.  Accade persino che nel 1954 da le figlie in adozione a due coniugi che vivono a 100 chilometri dalla capitale svedese e tronca ogni rapporto col passato. Solo negli anni ’90, quando Suzanne si sposa una seconda volta, comincia ad avere dei dubbisu chi sia realmente suo padre. Si rende conto che tra lei e sua sorella  non ci sono molte affinità e si mette alla ricerca della madre naturale, la quale peraltro non ha mai più voluto vederla, ma invano. Non la trova, rimane con il suo tormento interiore e umano.

Solo nel 2000 riesce a rintracciare il primo marito della mamma, ormai ottantenne e malato che le svela la verità, la vera storia.  Eppure la mamma, nonostante tutto, si ostina e rifiuta di dire alla figlia  chi sia il vero padre.  Solo nel luglio 2008 Suzanne  riceve un’inattesa telefonata dalla madre che  finalmente  decide di parlare. Racconta Suzanne: “ Mi pregò di aprire una busta mentre lei  se ne andava in cucina, C’era una foto, dietro al quale aveva scritto: Antoine ed io alle sue spalle. Lui (girandosi ndr) mi guarda…La prima immagine di mio padre, con lo sguardo di mio figlio e il nome di scritto in modo corretto ‘Lanteri’.

Suzanne tornò a Nizza nel 2008, Nino Lanteri era morto cinque anni prima.

 

 

Condividi!
    Print Friendly and PDF

    collabora

    collabora

    Segnalazioni e consigli

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    Archivio Articoli

    Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su “accetta Più info

    Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. Ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 D. Lgs. n. 196/2003 si rende noto quanto segue: I Suoi dati saranno trattati nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti soltanto dagli autorizzati, esclusivamente per dare corso all’invio della newsletter e informarla sulle novità editoriali del settimanale. Il conferimento dei dati ha natura obbligatoria e autorizza al trattamento in relazione alla sola finalità sopra esposta. Il rifiuto di fornire tali dati comporterà l’impossibilità di inoltrarle via e-mail le informazioni relative alle notizie riportate da: Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. I Suoi dati non saranno comunicati a terzi, né diffusi. Lei potrà rivolgersi in qualunque momento al Servizio newsletter attraverso l’indirizzo Blog@trucioli.it per esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs 196/03. I dati sono trattati elettronicamente, in modo da garantirne la sicurezza e la riservatezza, e sono conservati presso il’archivio di trucioli.it Nel rispetto del art. 7 della legge di cui sopra ti informiamo che puoi modificare o rimuovere completamente i tuoi dati scrivendo a blog@trucioli.it.

    Chiudi