Numero visualizzazioni articolo: 488

Bergeggi, notizie inedite dal Transylvania
Il comandante che ha affondato 54 navi

La mattina del 3 maggio 1917 il piroscafo HMT Transylvania lascia il porto di Marsiglia per Alessandria d’Egitto, sede del Comando inglese per il Medio Oriente, con a bordo 3000 ufficiali e soldati di vari corpi e 64 infermiere della British Cross Society. Lo stesso giorno , nelle stesse ore, il comandante Otto Schultze della Marina germanica è in agguato con il suo U.Boote U.12 nel golfo di Genova a caccia di navi alleate da affondare .

Il comandante Otto Schultze: 11 May 1884 – 22 January 1966

Verso sera, quando il battello è in perlustrazione nel quadrante antistante Camogli, intercetta un convoglio, del quale fa parte il piroscafo statunitense Washington, di 8000 tonn, che trasporta materiali strategici e locomotive . L’U.12 si porta sulla dritta del trasporto ed effettua il primo lancio, colpendolo sulla fiancata. ll Washington si inabissa rapidamente di prua, mostrando per un attimo le eliche, ancora in azione. L’equipaggio era riuscito fortunatamente ad alare le scialuppe, e si salva .

Due navi , due destini paralleli : anche il Transylvania verrà silurato da U.Boote, il giorno dopo, 4 maggio; il protagonista dell’affondamento è lo stesso, il Tenente di Vascello Otto Schultze.

Alla fine della guerra mondiale, Shultze risulterà ai primi posti nella graduatoria di affondamenti, con 54 navi affondate, per complessive 137.781 tonnellate . Nel dopoguerra, il comm. Quaglia, titolare della SO.RI.MA verrà incaricato del recupero dei materiali pregiati, presenti nel relitto del Washington, a 85 mt. di profondità e a circa tre miglia a sud-est di punta Chiappa, invierà la capitana della sua flottiglia di imbarcazioni attrezzate per ricuperi, l’Artiglio. I lavori si protrarranno per ben tre anni , dal 1926 al 1929 , riportando alla luce dalla stiva – dopo aver fatto saltare con cariche esplosive il ponte – materiali ferroviari, minerali e manganese. La benna dell’Artiglio ritroverà, tra le lamiere contorte, anche un reperto importante: il frammento dell’elica e dei timoni direzionali appartenuti al siluro lanciato da Shultze contro il Washington . Quindi gemello dei due siluri lanciati contro il Transylvania. Oggi questo ricordo, insieme ad altri reperti a memoria del sacrificio di tante navi mercantili affondate durante due conflitti mondiali, è visibile presso il Civico Museo Marinaro Gio Bono Ferraridi Camogli .

Un frammento del siluro tedesco custodito nel museo di Camogli

Della curiosa coincidenza storica si parlerà al Convegno di Bergeggi , venerdì 28 aprile alle ore 16, insieme ad altre notizie inedite, come le lunghe ricerche del sito del relitto da parte dell’archeologo subacqueo Edoardo Riccardi e del suo gruppo di ricerca negli anni ottanta, quando alcuni reperti – segnalati da pescatori – avevano dato la sensazione di poter appartenere al Transylvania. Purtroppo le coordinate fornite dai pescatori bergeggini si riferivano evidentemente ad altri naufragi.

Luigi Griva

*Si ringrazia il Comandante Bruno Sacella, Direttore del Civico Museo Marinaro di Camogli, per le immagini messe a disposizione.

Condividi!
    Print Friendly and PDF

    collabora

    collabora

    Segnalazioni e consigli

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    Archivio Articoli

    Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su “accetta Più info

    Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. Ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 D. Lgs. n. 196/2003 si rende noto quanto segue: I Suoi dati saranno trattati nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti soltanto dagli autorizzati, esclusivamente per dare corso all’invio della newsletter e informarla sulle novità editoriali del settimanale. Il conferimento dei dati ha natura obbligatoria e autorizza al trattamento in relazione alla sola finalità sopra esposta. Il rifiuto di fornire tali dati comporterà l’impossibilità di inoltrarle via e-mail le informazioni relative alle notizie riportate da: Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. I Suoi dati non saranno comunicati a terzi, né diffusi. Lei potrà rivolgersi in qualunque momento al Servizio newsletter attraverso l’indirizzo Blog@trucioli.it per esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs 196/03. I dati sono trattati elettronicamente, in modo da garantirne la sicurezza e la riservatezza, e sono conservati presso il’archivio di trucioli.it Nel rispetto del art. 7 della legge di cui sopra ti informiamo che puoi modificare o rimuovere completamente i tuoi dati scrivendo a blog@trucioli.it.

    Chiudi