Numero visualizzazioni articolo: 728

Loano, le cause legali del Comune
Come è finita con i carri di carnevale bruciati

Chi controlla la sorte finale della cause in cui è parte attiva il Comune di Loano ? Non lo sappiamo, non abbiamo mai letto una relazione. Aveva stupito la notizia rivelata nel corso di un’assemblea di cittadini organizzata da LoaNoi che le casse comunali avevano  accumulato 5 milioni di crediti inesigibili. Chi sono i maggiori debitori ? Altro dato, ci ripetiamo, mai letto in dichiarazioni o resoconti consiliari, né della maggioranza, né della minoranza. Possibile sia sfuggito a tutti come nulla fosse, alla stregua di quisquilie. Il Comune, ad esempio, ha una causa con il Gruppo Valle Impero Srl in quanto risultava proprietaria del capannone dato in locazione alla società Eucalipto, di via Ugo Foscolo 40, a Loano e dove il 25 gennaio 2010 si è sviluppato un incendio ed ha distrutto tutti i carri allegorici dell’Associazione Vecchia Loano.

Fai un click per ingrandire la lettura

Come è andata a finire, pare siano in pochi a saperlo. Quel carnevale di cui Loano va fiera e che è risorto grazie ai volontari e all’aiuto concreto del Comune. Il contenzioso, come si legge nella delibera di giunta che pubblichiamo, risale all’8 aprile 2013, con la notifica del ricorso per la consulenza tecnica preventiva. Quale è stato, tra l’altro, il risultato della consulenza ? Come e perchè si  era sviluppato l’incendio ? C’erano materiali infiammabili ‘vietati’ o perlomeno abbandonati. Senza custodia. Esisteva un sistema antincendio collaudato e se non c’era per quale ragione ? Chi doveva provvedere ? Cosa c’entrava l’amministrazione comunale ?  C’era assicurazione?

La richiesta, si legge ancora nella delibera, era finalizzata ad accertare e descrivere i danni provocati indicando altresi gli interventi necessari ed i costi di ripristino e ove possibile la conciliazione delle parti chiamando in causa l’Associazione Vecchia Loano e il Comune che notoriamente la finanzia.  Quale terzo chiamato in causa il Comune ha dato incarico all’avvocato Stefania Poggi di Loano.

CAUSA  NEW PARKING SRL COMPLESSO RIVIERA DELLE PALME - Con una delibera di giunta del 20 maggio 2014 l’Amministrazione comunale si è costituita in giudizio  nell’atto di citazione in Corte d’Appello di Genova promosso dalla società New Parking srl in liquidazione in persona del suo liquidatore prof. Luca Bubbi, con sede ad Albenga, rappresentata e difesa dall’avv. Gian Paolo Maraini di Genova.  Contro il Complesso Riviera delle Palme, il Comune di Loano e la società Nord Ovest Italia di Mauro Biale. Avverso la sentenza del tribunale di Savona ,  del 19 dicembre 2012, che condannava la New Parking al pagamento  della somma di 145.875 euro, oltre a Iva, rivalutazione e interessi, in favore del complesso  Riviera delle Palme, alla rifusione delle spese di lite al Comune (3 mila euro), oltre alle spese  di lite  al Complesso Riviera delle Palme.  Il Comune  con determina del servizio affari legali ha conferito il mandato della difesa agli avvocati  Riccardo Salvadori di Genova e Federico Barbano di Savona rendendosi disponibili  per la somma di 5 mila euro quali onorari, oltre le spese generali.

CAUSA CON TELECOM - Il 26 settembre dello scorso anno è pervenuto al Comune  il ricorso al Tar promosso da Telecom per ottenere l’annullamento dell’atto  a seguito di istanza per adeguamento tecnologico della stazione base di Vodafon e nuova installazione di radio base di Telecom, su infrastruttura esistente.  Chiedendo altresi la condanna del Comune per il rifiuto. Il Comune si è costituito affidando la difesa  all’avvocato Gerolamo Taccogna perchè sia rigettato il ricorso Telecom.  Spesa presumibile 1.280 euro inclusa Iva e altre spese connesse.

CAUSA LIGURSARDA SERL -  Il 3 novembre  è stato notificato al Comune  il ricorso al Tar promosso dalla società Ligursarda srL con sede a Loano, corso Europa 38.  In persona del presidente  Alessandra Ariotto, e degli amministratori delegati  Stefano Lupini e Rachele Beccati, difesi dall’avvocato Mauro Vallerga.  Si chiede l’annullamento  dell’ordinanza del Comune, servizio Edilizia Privata avente per oggetto ” Demolizione e rimessa in pristino di opere realizzate in variazione essenziale rispetto al titolo abitativo in via Degli Orsolani 37,  Il Comune ha affidato l’incarico della difesa  all’avvocato Gianemilio Genovesi. Spesa prevista 2.537 euro.

CAUSA PARIM SRL RECUPERO CREDITO – Il 13 luglio 2013 è stato notificato un ricorso al Tar promosso da Pietro Piave, quale amministratore unico della Parim srl, con sede a Loano e difeso da Mauro Vallerga, per ottenere sospensione ed annullamento  di due ordinanze del 2013 per la demolizione di opere eseguite  dal signor Deodato Reghin. Il Tar ha dichiarato improcedibili i ricorsi ed ha condannato la Parim  a versare al Comune 3.800 euro,  Nel maggio 2016 si è proceduto alla messa in mora. Ora si affida l’incarico per il recupero della somma  agli avvocati  Marco Barilari e Federico Barbano.

Condividi!
    Print Friendly and PDF

    collabora

    collabora

    Segnalazioni e consigli

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    Archivio Articoli

    Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su “accetta Più info

    Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. Ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 D. Lgs. n. 196/2003 si rende noto quanto segue: I Suoi dati saranno trattati nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti soltanto dagli autorizzati, esclusivamente per dare corso all’invio della newsletter e informarla sulle novità editoriali del settimanale. Il conferimento dei dati ha natura obbligatoria e autorizza al trattamento in relazione alla sola finalità sopra esposta. Il rifiuto di fornire tali dati comporterà l’impossibilità di inoltrarle via e-mail le informazioni relative alle notizie riportate da: Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. I Suoi dati non saranno comunicati a terzi, né diffusi. Lei potrà rivolgersi in qualunque momento al Servizio newsletter attraverso l’indirizzo Blog@trucioli.it per esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs 196/03. I dati sono trattati elettronicamente, in modo da garantirne la sicurezza e la riservatezza, e sono conservati presso il’archivio di trucioli.it Nel rispetto del art. 7 della legge di cui sopra ti informiamo che puoi modificare o rimuovere completamente i tuoi dati scrivendo a blog@trucioli.it.

    Chiudi