Numero visualizzazioni articolo: 476

Pieve di Teco: i rastrelli di Sergio in mostra

Sono ormai immagini da album storico, con personaggi d’altri tempi. All’Expo di Pieve di Teco esponeva l’ultimo ‘artigiano’  dei rastrelli in legno. Un antico e povero mestiere di cui si sono perse quasi le tracce. Ma Sergio Bonanato,  76 anni, non ha nulla da vendere, la sua è solo una passione da esibire alle nuove generazioni. Per non dimenticare

Sergio Bonanato ultimo ‘artigiano’ della Valle Arroscia che realizza i rastrelli simbolo della civiltà contadina

Il rastrello è uno strumento indispensabile nel lavoro rurale, e lo era ancora di più in passato in assenza di mezzi meccanizzati, inoltre utilizzato pressoché in tutto il mondo. La sua diffusione è iniziata sicuramente con gli albori della vita rurale. Per raccogliere il fieno, la paglia, le foglie. Ora modificato: manico e pettine in metallo, plastica. I vecchi rastrelli per la fienagione fanno bella mostra nei musei della civiltà contadina. O da esibire alla stregua di un arredamento. Sergio Bonanato. dimorante un frazione Moano, rivela una piccola curiosità. Resiste ancora un piccolo mercato di acquirenti. Oltre il confine, i ‘cugini’ francesi. ” Loro li cercano ancora per  lavoro….”

Il suo mestiere era un altro: muratore di ‘muretti a secco’. In gioventù ha fatto anche l’autista, addetto ai trasporti da e per i mercati di Savona, Genova, Torino, Milano. Si guadagnava 60 mila lire al mese. Non si contavano le ore, tanto meno riposi, festivi. E’ stato dipendente comunale. L’ hobby  dei rastrelli resta un passatempo da pensionato nel paese che gli ha dato i natali e dove il logorio delle vita moderna lascia ancora spazio a mestieri del fai da te. Sergio, persona semplice, ricca di humor e ricordi, descrive con orgoglio la provenienza della ‘materia prima’ della sua maestria. Noce e castagno della Valle Arroscia.

A Pieve di Teco ha vissuto Luigi Brunengo, ‘maestro’ artigiano conosciuto ed apprezzato in tutta la valle. Si dedicava esclusivamente a realizzare rastrelli, tini e tinozze in legno, falci, forche e ‘berriun’ utilizzati per i fardelli del fieno. La tradizione contadina. La stalla, il fienile, il prato, il boschi.

Oggi è tornato d’attualità far rivivere la grandeur dell’antico, la semplicità, promuovere il territorio risparmiato dalla devastazione, ma impoverito dallo spopolamento, dall’abbandono e alla ricerca di un ritorno alle origini, di uno sviluppo sostenibile.

All’Expo di Pieve di Teco hanno fatto pure la loro comparsa, creando una nota di colore, due ‘ ospiti’ particolari, gli asinelli. Festeggiati dai ‘bimbi’, ammirati dagli adulti. Almeno i somari non sono in estinzione. Hanno ripreso il posto che meritano. Abbandonato il carro, il lavoro dei campi, sono utilizzati per il Trekking.  Un modo di viaggiare con “lentezza”, scoprendo le bellezze paesaggistiche, i sentieri di montagna. Un turismo “ecologico” importato dalla Francia e dalla Svizzera dove operano molte strutture che affittano i somari addestrati per questo tipo di trekking.

Solo dopo gli anni ’60, con l’avvento della meccanizzazione nelle nostre campagne, si è avuto un costante declino del suo impiego in agricoltura. Pochi forse sanno che l’Asino è un’animale assai indipendente e lavora per compiacere il suo padrone. A conquistare l’affetto delle persone è pure la loro docilità e l’intelligenza, a detta di molti, superiore a quella dei “cugini” Cavalli. Nel trekking dopo una prima fase di conoscenza della persona che lo guida sui sentieri di montagna, come in campagna, l’Asino fa del suo “conduttore” il suo punto di riferimento, e lo seguirà fedelmente alla pari del cane.

L’originale mostra in occasione dell’Expo di Pieve di Teco, il bancone del falegname e l’artigiano dei rastrelli in legno, a fianco una ‘capalla’ di grano

L’Expo della Valle Arroscia ha visto ‘sfilare’ anche i somari di Mendatica oggi sinonimo di trekking ed escursionismo lungo i sentieri

 

Condividi!
    Print Friendly and PDF

    collabora

    collabora

    Segnalazioni e consigli

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    Archivio Articoli

    Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su “accetta Più info

    Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. Ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 D. Lgs. n. 196/2003 si rende noto quanto segue: I Suoi dati saranno trattati nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti soltanto dagli autorizzati, esclusivamente per dare corso all’invio della newsletter e informarla sulle novità editoriali del settimanale. Il conferimento dei dati ha natura obbligatoria e autorizza al trattamento in relazione alla sola finalità sopra esposta. Il rifiuto di fornire tali dati comporterà l’impossibilità di inoltrarle via e-mail le informazioni relative alle notizie riportate da: Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. I Suoi dati non saranno comunicati a terzi, né diffusi. Lei potrà rivolgersi in qualunque momento al Servizio newsletter attraverso l’indirizzo Blog@trucioli.it per esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs 196/03. I dati sono trattati elettronicamente, in modo da garantirne la sicurezza e la riservatezza, e sono conservati presso il’archivio di trucioli.it Nel rispetto del art. 7 della legge di cui sopra ti informiamo che puoi modificare o rimuovere completamente i tuoi dati scrivendo a blog@trucioli.it.

    Chiudi