Numero visualizzazioni articolo: 423

La ‘Torre di Pisa’ caduta in Val Bormida

Improvvisamente, dopo vari fatti luttuosi ed attentati cruenti che si erano verificati nelle nazioni vicine, accadde negli ultimi giorni di quel luglio, nel territorio geografico dell’Alta Val Bormida, un fatto decisamente insolito: un disastro di grandi proporzioni che si verificò improvvisamente senza nessuna causa apparente.

I numerosi testimoni presenti in quella calda sera estiva dichiararono che tutto si era svolto nel giro di pochi secondi: la grande torre di Pisa che pende che pende e mai non vien giù, realizzata interamente di gelato alla crema e fior di latte, quasi a voler battere un record internazionale, non resse a sé stessa e precipitò con un tonfo sordo, ed una serie di rumori attutiti, nella piazza di quel famoso centro abitato che era considerato negli anni uno dei più bei borghi d’Italia.

Il gelato che aveva repentinamente invaso la piazza venne subito attaccato dalla popolazione presente che si precipitò sulla massa molle di crema e fior di latte con le bocche spalancate e le lingue fuori.

Fu uno “slurp-slurp” generale che in breve tempo fece sparire i resti della torre pendente e che nettò la piazza fino a livello di pavimentazione…

Fu ricordato come uno dei più bei disastri e la popolazione espresse grandi complimenti agli organizzatori, agli architetti dell’opera ma soprattutto ai gelatai che avevano indovinato la ricetta giusta di quella manufatto, consentendone la realizzazione in tempo di record, la repentina caduta e la rapida sparizione delle macerie commestibili.

Bruno Chiarlone Debenedetti

Condividi!
    Print Friendly and PDF

    collabora

    collabora

    Segnalazioni e consigli

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    Archivio Articoli

    Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su “accetta Più info

    Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. Ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 D. Lgs. n. 196/2003 si rende noto quanto segue: I Suoi dati saranno trattati nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti soltanto dagli autorizzati, esclusivamente per dare corso all’invio della newsletter e informarla sulle novità editoriali del settimanale. Il conferimento dei dati ha natura obbligatoria e autorizza al trattamento in relazione alla sola finalità sopra esposta. Il rifiuto di fornire tali dati comporterà l’impossibilità di inoltrarle via e-mail le informazioni relative alle notizie riportate da: Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. I Suoi dati non saranno comunicati a terzi, né diffusi. Lei potrà rivolgersi in qualunque momento al Servizio newsletter attraverso l’indirizzo Blog@trucioli.it per esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs 196/03. I dati sono trattati elettronicamente, in modo da garantirne la sicurezza e la riservatezza, e sono conservati presso il’archivio di trucioli.it Nel rispetto del art. 7 della legge di cui sopra ti informiamo che puoi modificare o rimuovere completamente i tuoi dati scrivendo a blog@trucioli.it.

    Chiudi