Numero visualizzazioni articolo: 370

Cave Fazzari, sindaco e funzionario ‘assolti’

“La situazione rilevata in occasione del sequestro non è addebitabile agli indagati … e non vi è stata inerzia da parte degli stessi nella gestione dell’area, per la quale era già stata assunta iniziativa di bonifica ancora prima del sequestro”. Con queste motivazioni il Pubblico Ministero, Cristina Buttiglione, della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Savona, ha chiesto l’archiviazione del procedimento nei confronti del sindaco del comune di Borghetto S.Spirito Giovanni Gandolfo e del dipendente allora responsabile del servizio ambiente del medesimo Ente, ancor prima della conclusione dell’inchiesta.

COMUNICATO STAMPA DEL COMUNE – Il pubblico ministero ha presentato al giudice per le indagini preliminari la richiesta di archiviazione in quanto ritiene l’infondatezza della notizia di reato e perché gli elementi acquisiti nelle indagini preliminari non sono stati ritenuti idonei a sostenere l’accusa in giudizio. Non sono trascorsi neppure 6 mesi, dal momento della notifica dell’iscrizione nel registro degli indagati e del sequestro dell’area, che il primo cittadino è stato completamente prosciolto dalle accuse del reato di gestione di rifiuti non autorizzata di cui all’art. n. 256 del D.Lgs 156/2006 – Codice dell’ambiente.

Il magistrato inquirente nella sua richiesta di archiviazione e proscioglimento degli indagati osserva in particolare che: “l’opera di pulizia e ripristino dell’area è stata portata a compimento dalla locale Amministrazione in tempi congrui.

Gandolfo ed il dipendente comunale erano stati indagati dalla magistratura savonese, nel novembre scorso, a seguito di un sopralluogo effettuato dal Noe – Nucleo operativo ecologico – dei Carabinieri di Genova per accertare la presenza o meno di sostanze tossiche e per verificare un presunto sversamento nel terreno di olii e carburante, da una cisterna e da diversi fusti, nell’area non ancora bonificata e che era stata espropriata dal Comune. I controlli avevano evidenziato la presenza di sostanze inquinanti nonostante ci fosse un intervento di ripulitura in corso. A quel punto Il primo cittadino aveva ricevuto l’avviso di garanzia per non aver ottemperato, secondo gli inquirenti, all’ordine di bonifica.

I Carabinieri del Nucleo Ambientale avevano altresì posto i sigilli alla zona interessata che ora, con il medesimo atto, è stata anch’essa dissequestrata e completamente rimessa nella disponibilità del Comune.

E’ bene ricordare che il sito è quella della ex cava “Fazzari”, appartenuta alla famiglia di Francesco Fazzari, divenne tristemente famosa nel 1992, quando vennero scoperti 12.500 fusti di rifiuti tossico-nocivi, come si classificavano allora, nascosti sotto terra. Dopo numerosi interventi oggi su gran parte di essa sorge il depuratore della Servizi Ambientali s.p.a. che tratta i reflui dei comuni da Borgio Verezzi a Ceriale.

La notizia di quanto accaduto era stata riportata, anche in modo allarmistico, sia dai giornali locali che dai mass-media a livello nazionale. Il sindaco ha più volte ribadito, fin da subito, come le notizie pubblicate non siano state riportate in modo del tutto preciso e dettagliato, creando eccessivo allarmismo ed i fatti, oltre ai recenti atti giudiziari, lo dimostrano e confermano.

“Ero sicuro, come ho sempre sostenuto fin da subito, che la vicenda si sarebbe conclusa positivamente e nel minor tempo possibile” – afferma il sindaco Giovanni Gandolfo - “In merito alle tematiche dell’ambiente la Giunta Comunale ha un’attenzione costante; infatti per il 2° anno consecutivo Borghetto ha ottenuto la bandiera blu, che mai aveva avuto in passato nonostante i numerosi tentativi”.

Dell’esito delle operazioni poste in essere, delle azioni intraprese e degli avvenimenti ne è stato altresì, correttamente ed adeguatamente, informato ed interessato l’istituto di certificazione della qualità del sistema di gestione ambientale, di cui è titolato il Comune, al fine di garantire la continua adeguatezza ed efficacia dello stesso.

Ufficio di Staff del Sindaco

Condividi!
    Print Friendly and PDF

    collabora

    collabora

    Segnalazioni e consigli

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    Archivio Articoli

    Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su “accetta Più info

    Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. Ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 D. Lgs. n. 196/2003 si rende noto quanto segue: I Suoi dati saranno trattati nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti soltanto dagli autorizzati, esclusivamente per dare corso all’invio della newsletter e informarla sulle novità editoriali del settimanale. Il conferimento dei dati ha natura obbligatoria e autorizza al trattamento in relazione alla sola finalità sopra esposta. Il rifiuto di fornire tali dati comporterà l’impossibilità di inoltrarle via e-mail le informazioni relative alle notizie riportate da: Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. I Suoi dati non saranno comunicati a terzi, né diffusi. Lei potrà rivolgersi in qualunque momento al Servizio newsletter attraverso l’indirizzo Blog@trucioli.it per esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs 196/03. I dati sono trattati elettronicamente, in modo da garantirne la sicurezza e la riservatezza, e sono conservati presso il’archivio di trucioli.it Nel rispetto del art. 7 della legge di cui sopra ti informiamo che puoi modificare o rimuovere completamente i tuoi dati scrivendo a blog@trucioli.it.

    Chiudi