Numero visualizzazioni articolo: 553

Pietra L. diploma speciale al dr. Sfacteria.
E La Pietra (1853) nel museo di Bordighera

La nona edizione della Fondazione prof. Michele Erede, con il patrocinio della Regione Liguria e del Comune di Genova, nell’ambito del tema- concorso ‘L’occidente e lo scontro di civiltà’, ha conferito il premio speciale al dr. Corrado Sfacteria, medico dentista in pensione, già assessore al Comune di Pietra L. quando era sindaco il compianto cav. Salvatore Caltavituro. Altra notizia curiosa. C’è un porticato, nel centro storico di Pietra Ligure, dove si può ammirare e leggere la storia pietrese attraverso un dipinto molto originale. Vedi le immagini, compreso il sagrato del 1791, tesoro unico nel ponente.

Copia del dipinto (Pietra Ligure com’era) che si trova nel museo di Bordighera.

Il dipinto del paesaggio di Pietra Ligure, come dall’acquarello custodito nel Museo di Bordighera datato 28 aprile 1853. Ora la riproduzione fedele si può ammirare nel porticato che unisce il lungomare Bado e la piazza della chiesa di San Nicolò.

Il testo: Anna De L’Espinois. Acquarello 28 aprile 1853.  Veduta ‘ideale’ pittorica di La Pietra. Da notare: Alla chiesa di San Nicolò manca ancora il campanile lato mare che sarà realizzato nel 1862.  Le due cappelle di Santa Caterina e Santa Lucia (a destra) verranno  demolite, la prima per il passaggio delle via Aurelia (1941), la seconda per il passaggio  della ferrovia (1862). Il Ponte medievale a tre arcate ( a destra)  che verrà distrutto dalla piena del Maremola (28-29 settembre 1933). Il castello appare molto più alto dell’attuale perchè all’epoca, è alla vera altezza rispetto al suolo. Sullo sfondo: Loano e Borghetto. Alla destra la collina del Trabocchetto. La riproduzione è stata un’iniziativa del dr. Mario Carrara quando era assessore comunale ed ha ‘scoperto’ il dipinto nel museo di Bordighera.

Fai un click per ingrandire la lettura Veduta ideale pittoria de La Pietra

Nello stesso giorno, aprile 2016, in cui abbiamo fotografato il dipinto, sul sagrato della chiesa parrocchiale di San Nicolò, faceva ‘brutta’ mostra ormai dallo scorso anno un rattoppo in cemento, nel bel mezzo dell’antico e prezioso mosaico. In attesa che il Comune provveda.

Il rattoppo in cemento sull’antico sagrato delle chiesa di san Nicolò

L’artistico sagrato della chiesa è stato realizzato, come si può leggere, nel 1791. Un’opera unica nel panorama del tesori storici rimasti tali nel ponente ligure e che meriterebbe di essere maggiormente valorizzato e ‘ promozionato’

Condividi!
    Print Friendly and PDF

    collabora

    collabora

    Segnalazioni e consigli

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    Archivio Articoli

    Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su “accetta Più info

    Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. Ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 D. Lgs. n. 196/2003 si rende noto quanto segue: I Suoi dati saranno trattati nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti soltanto dagli autorizzati, esclusivamente per dare corso all’invio della newsletter e informarla sulle novità editoriali del settimanale. Il conferimento dei dati ha natura obbligatoria e autorizza al trattamento in relazione alla sola finalità sopra esposta. Il rifiuto di fornire tali dati comporterà l’impossibilità di inoltrarle via e-mail le informazioni relative alle notizie riportate da: Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. I Suoi dati non saranno comunicati a terzi, né diffusi. Lei potrà rivolgersi in qualunque momento al Servizio newsletter attraverso l’indirizzo Blog@trucioli.it per esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs 196/03. I dati sono trattati elettronicamente, in modo da garantirne la sicurezza e la riservatezza, e sono conservati presso il’archivio di trucioli.it Nel rispetto del art. 7 della legge di cui sopra ti informiamo che puoi modificare o rimuovere completamente i tuoi dati scrivendo a blog@trucioli.it.

    Chiudi