Numero visualizzazioni articolo: 525

Albenga e Ranzo (Im): le vergogne taciute

Ad Albenga un distributore Agip – Eni da un anno ha il lavaggio automatico che funziona a metà. I giovani gestori hanno chiesto invano la riparazione del guasto. Che succede ? Gli automobilisti usando l’autolavaggio, dopo una prima esperienza negativa, preferiscono altre stazioni di servizio (non Agip, azienda dello Stato) lungo la stessa strada verso i centri commerciali, l’ospedale, per la Valle Arroscia ed il Piemonte.  Altra chicca, in provincia di Imperia, ai confini della Provincia di Savona, lungo la provinciale ecco la galleria  Goretto, 307 metri, priva di illuminazione da quasi un anno. Impianto guasto e non si provvede, con grave rischio per l’incolumità di automobilisti, motociclisti, ciclisti.

Due storie che non meritano molte descrizioni, analisi, commenti. Si suol dire la vergogna si commenta da sola. Il tutto favorito, come accade spesso, senza che i media locali più seguiti se ne accorgano. O meglio ritengano di dare notizia, fare la doverosa cassa di risonanza per il disservizio che non dura da un giorno, da una settimana o da un mese. Oltre un anno come nulla fosse. Due casi diversi, con un comune denominatore.

Ad Albenga c’è la responsabilità di un’azienda di Stato, con funzionari ed alti dirigenti, magari profumatamente pagati. Con un responsabile di zona che risponde solo a se stesso ? Se così non fosse, sarebbe difficile spiegare agli utenti della stazione di servizio Agip- Eni, sulla strada del Piemonte, appena fuori regione Cavallo, perchè non sia possibile utilizzare il servizio di lavaggio. Anzi, il caso è capzioso. L’automobilista, magari ignaro o non proprio esperto, arriva nella postazione  e si serve dell’autolavaggio automatico. Il prezzo è conveniente,  5 euro.  Poi si accorge che la vettura  non è lavata bene, a cominciare dai cerchioni, da macchie che resistono sulla carrozzeria. Se il gestore è presente, negli orari di apertura, alla richiesta di spiegazioni o lamentele risponde, con educazione: “Ci spiace,  abbiamo rilevato l’impianto con il lavaggio che già funzionava a metà, da un anno chiediamo si provveda, anche per le continue segnalazioni di nostri clienti. Tutto inutile. Siamo impotenti”. In effetti c’è pure un cartello. Indica tre possibilità di lavaggio: 1 fast (l’unico che funziona), mentre full e star non sono operativi.  Conseguenze ovvie, automobilisti scontenti. La stazione Agip in questione perde clienti che raggiungono altri autolavaggi non lontani, ma non Agip, bensì di altre compagnie non nazionali. Che ringraziano !

GALLERIA DI RANZO - L’altra storia, ancora più semplice, ha per teatro la provinciale Pieve di Teco – Albenga. Siamo nel comune di Ranzo. Qui in seguito ad una utilissima variante che evita la strettoia del paese, fonte di continui ingorghi, soprattutto per camion e pullman, sono state realizzate due gallerie. Ebbene, la prima arrivando da monte – la seconda se si arriva dal mare –  è la Goretto, 307 metri, come indica il cartello.  Che succede ? Semplicemente che da un anno è buia. Un buio pesante, pericoloso in caso di guasto del mezzo in transito e costretto a fermarsi. Mette a grave rischio le persone, nel caso siano costrette a camminare a piedi ed allontanarsi. Una trappola per tutti, gli stessi automobilisti  che alla guida dei mezzi trovano improvvisi ostacoli, INSIDE A CATENA. Resta da capire se le forze dell’ordine addette alla circolazione (polstrada, carabinieri, polizia provinciale) abbiano o meno segnalato agli organi competenti e perchè gli stessi restino latitanti. C’è ancora da capire se lo stesso ente Comune abbia o meno, a sua volta, segnalato il grave pericolo. Da ultimo sarebbe quantomeno indispensabile installare cartelli stradali che segnalano la galleria al buio e priva di illuminazione. Come accade sulle autostrade anche di fronte ad interruzioni limitate nel tempo.  In caso di malaugurato incidente non è difficile immaginare una chiamata di corresponsabilità civile. In caso di sinistra grave, con vittime feriti, è fuori dubbio che l’autorità giudiziaria debba perseguire penalmente chi non ha fatto il proprio dovere di prevenire. Una situazione grottesca e pericolosa. Tutto tace, una cattiva abitudine.

La galleria provinciale (Im) che da un anno è priva di illuminazione e buia perchè l’impianto è guasto

ACCADE AD ALBENGA ALLA STAZIONE DI SERVIO AGIP – ENI SULLA PROVINCIALE PER PIEVE DI TECO ED IL PIEMONTE

La stazione di servizio Agip di Albenga, regione Cavallo, dove da un anno è parzialmente fuori uso l’impianto di lavaggio ai danni di automobilisti ignari

Condividi!
    Print Friendly and PDF

    collabora

    collabora

    Segnalazioni e consigli

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    Archivio Articoli

    Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su “accetta Più info

    Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. Ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 D. Lgs. n. 196/2003 si rende noto quanto segue: I Suoi dati saranno trattati nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti soltanto dagli autorizzati, esclusivamente per dare corso all’invio della newsletter e informarla sulle novità editoriali del settimanale. Il conferimento dei dati ha natura obbligatoria e autorizza al trattamento in relazione alla sola finalità sopra esposta. Il rifiuto di fornire tali dati comporterà l’impossibilità di inoltrarle via e-mail le informazioni relative alle notizie riportate da: Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. I Suoi dati non saranno comunicati a terzi, né diffusi. Lei potrà rivolgersi in qualunque momento al Servizio newsletter attraverso l’indirizzo Blog@trucioli.it per esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs 196/03. I dati sono trattati elettronicamente, in modo da garantirne la sicurezza e la riservatezza, e sono conservati presso il’archivio di trucioli.it Nel rispetto del art. 7 della legge di cui sopra ti informiamo che puoi modificare o rimuovere completamente i tuoi dati scrivendo a blog@trucioli.it.

    Chiudi