Numero visualizzazioni articolo: 946

Loano, valorizzato l’antico ponte
di San Sebastiano e la sua nicchia

Inaugurato, a Loano, del ponte di S. Sebastiano, con la nuova statua costruita in Albenga, dagli allievi del liceo Giordano Bruno. Tra gli intervenuti il sindaco Luigi Pignocca e Remo Zaccaria, assessore ai Lavori Pubblici.

Il sindaco Luigi Pignocca e l’ing. Filippo Bonfiglietti posano sul ponte di San Sebastiano tornato agli antichi ‘splendori’

Anche se per falsa modestia, per pigrizia o per mancanza di capacità di auto-celebrarci non saremo presenti in pompa magna, come qualcuno sa abbiamo avuto i nostri meriti. E qualcuno, nel mio piccolo, l’ho avuto anch’io, incominciando da quando l’orrenda pavimentazione in calcestruzzo degli anni ’50 sembrava che dovesse essere ricoperta in calcestruzzo, mentre siamo riusciti a far scoprire e valorizzare di nuovo l’antico acciottolato del ’600.

E finendo quando sono intervenuto perché la “nicchia” fosse ricostruita in un modo così simile a quello originale che perfino i vecchi loanesi dicono che è identica.

Ecco, inoltre, il manifesto che ho presentato (in italiano e in inglese) a villa Cambiaso durante la visita del nostro Presidente Internazionale del Rotary.

Filippo Bonfiglietti

Panoramica suggestiva dell’antico ponte di San Sebastiano ristrutturato nel rispetto architettonico tradizionale

RICEVIAMO DA UN LETTORE DI LOANO

….Vorrei ricordare che il ponte di San Sebastiano risale al 1691 che, essendo stato riaperto, attualmente utilizzo spesso. Credo sia ‘istruttivo’ leggere http://www.ivg.it/2016/05/loano-la-statua-san-sebastiano-tornata-casa/.

Gli anziani ed i disabili in carrozzina o i loro accompagnatori ringraziano che, ad esempio, verso il lato mare, NON sia stato realizzato un camminamento largo un 60-70 cm magari in legno dove poter transitare senza rompersi l’osso del collo. Oppure ricordare che il ponte è illuminato con NUOVI impianti a led sopra e sotto (sotto?), quando nel giardino lì vicino siamo ancora ai cavi volanti, che sarebbero dovuti sparire entro l’Ottobre 2015, con i fari “legati” alle palme perché il Comune non ha gli schemi elettrici e forse non ha voglia di “disturbare”  l’imprenditore Fresia il quale, in un ‘opera di urbanizzazione, pare abbia lesinato sulla qualità dell’impiantistica.

L’ingegner Filippo Bonfiglietti si è (s)battuto affinché si recuperasse il più possibile la situazione originale del ponte dei Doria e di questo è meritorio, Pignocca si è preoccupato delle elezioni, le pie (?) donne che hanno piazzato degli orribili vasi in plastica con i fiori direttamente sul ponte pagano l’occupazione di suolo pubblico?  Non scherziamo. E’ una battuta. Ma si sarebbe potuto prevedere e realizzare nella nicchia uno spazio, tanto non ne manca, per i fiori…

e- mail firmata

 

Condividi!
    Print Friendly and PDF

    collabora

    collabora

    Segnalazioni e consigli

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    Archivio Articoli

    Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su “accetta Più info

    Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. Ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 D. Lgs. n. 196/2003 si rende noto quanto segue: I Suoi dati saranno trattati nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti soltanto dagli autorizzati, esclusivamente per dare corso all’invio della newsletter e informarla sulle novità editoriali del settimanale. Il conferimento dei dati ha natura obbligatoria e autorizza al trattamento in relazione alla sola finalità sopra esposta. Il rifiuto di fornire tali dati comporterà l’impossibilità di inoltrarle via e-mail le informazioni relative alle notizie riportate da: Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. I Suoi dati non saranno comunicati a terzi, né diffusi. Lei potrà rivolgersi in qualunque momento al Servizio newsletter attraverso l’indirizzo Blog@trucioli.it per esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs 196/03. I dati sono trattati elettronicamente, in modo da garantirne la sicurezza e la riservatezza, e sono conservati presso il’archivio di trucioli.it Nel rispetto del art. 7 della legge di cui sopra ti informiamo che puoi modificare o rimuovere completamente i tuoi dati scrivendo a blog@trucioli.it.

    Chiudi