Numero visualizzazioni articolo: 663

Lettera di un sindaco: Perché non crediamo nell’Unione o Convenzione di piccoli comuni mentre nascono le nuove Unioni Montane

A Roma hanno abolito le Comunità Montane. In Piemonte nascono le nuove Unioni Montane con lauti finanziamenti. Ho letto molte cose sulla questione delle gestioni associate dei comuni, sia per ciò che riguarda l’attuazione della normativa nazionale, sia per quella regionale (Piemonte) e mi piacerebbe poter fare chiarezza sulla posizione tenuta degli amministratori di Rifreddo e farvi partecipi delle ragioni che stanno alla base di tali comportamenti. Leggi anche grande partenza per la cucina in alta quota, ecco i 4 rifugi dell’alta Val Tanaro.

 

Cesare Cavallo sindaco di Rifreddo (foto Targatocn)

Cominciamo innanzitutto col capire su ciò di cui si parla. Da un lato c’è una normativa nazionale che impone ai comuni di gestire in forma associata (Unione o Convenzione) tutte le funzioni fondamentali di spettanza degli enti locali. Per essere più pratici occorre mettere insieme Bilanci, urbanistica, polizia municipale, trasporto locale, ect. Esiste poi una normativa regionale che impone di gestire in forma associata (Unione o Convenzione) le funzioni di sviluppo montano. Ora non sfuggirà a nessuno che per chi crede nella sopravvivenza dei Comuni, e noi siamo tra quelli, il principale obiettivo è contrastare la normativa nazionale.

Infatti la gestione di tutte le funzioni significherebbe di fatto svuotare i comuni lasciandoli in vita solo formalmente. Una battaglia che abbiamo portato avanti (insieme a pochi altri) facendo pressione in tutte le sedi possibili, spiegando come il nuovo sistema non solo non creava risparmi ma generava nuova burocrazia ed anche attraverso una resistenza passiva ovvero evitando di creare Unioni o Convenzioni prima della scadenza dei termini previsti per legge. Azioni che contro ogni previsione hanno dapprima fatto cambiare idea all’Associazione dei Comuni Italiani (ANCI) e che negli ultimi tempi hanno fatto breccia anche nel Governo nazionale tanto che ormai comunemente si parla di una revisione della legge Delrio che obbligherebbe i comuni a mettere in gestione associata soltanto 3 funzioni. Un punto di caduta accettabile perché, sia chiaro, noi non siamo contro le gestioni associate ma le vogliamo fare in quei settori dove creano efficienza e risparmio e non per far semplicemente sparire i piccoli comuni. Veniamo ora alla seconda partita ovvero il livello regionale.

Qui la questione è molto più semplice. Infatti è stato fin da subito chiaro a tutti che la Regione Piemonte privilegia lo strumento Unione e per ciò che riguarda i comuni montani sta in tutti i modi cercando di rifare le Comunità Montane che da Roma hanno abolito. Una scelta che già a livello teorico non condividiamo in quanto a nostro modesto parere i livelli di governo sono già troppi ma che diventa ancora meno condivisibile si considerano gli aspetti pratici della gestione e le imputazioni delle spese. Infatti la Regione non ha mai fatto chiarezza su come si finanziano dipendenti e strutture delle Unioni Montane (le nuove Comunità Montane). Certo c’è il fondo alla montagna, c’è una normativa di favore sugli ex dipendenti delle Comunità montane ma nessuna quantificazione precisa e temporalmente definita. In poche parole si chiede ai Comuni di creare un nuovo ente senza garanzie su chi ne pagherà i costi. Tanto per farci capire ciò vuol dire che se il fondo regionale per la montagna sarà minore saranno i comuni che hanno costituto l’Unione a dover trovare le risorse per far andare avanti la baracca. Quanto poi all’idea che la questione dei costi potrà essere sistemata con i risparmi che l’Unione creerà bhe permetteteci di avere qualche dubbio (ovviamente è un eufemismo) visto che fino ad ora le Unioni sono state in piedi solo con lauti finanziamenti statali o regionali.

Per queste e per altre ragioni (vedasi le questioni della titolarità del rapporto giuridico del personale, la gestione di bilanci multipli, la duplicazione di funzioni, ect) che qui non svisceriamo per brevità noi abbiamo deciso di non aderire alle “nuove Comunità Montane regionali”. Anzi chiediamo alla Regione  Piemonte di tener conto del nuovo corso della normativa nazionale e di rivalutare se non sia il caso di andare nella stessa direzione consentendo una gestione più flessibile del fondo per la montagna. Un fondo che, lo ricordiamo sommessamente, dovrebbe essere di tutti i comuni montani e non solo di quelli che hanno scelto l’Unione.

Unioni dei Comuni, Rifreddo la vede così.  “Aderiremo alle “nuove Comunità Montane” solo se obbligati. Intanto sulle funzioni fondamentali, grazie alla resistenza, stiamo portando a casa la revisione della Delrio

Cesare Cavallo – Sindaco di Rifreddo (CN)

 

ALTA VAL TANARO Grande partenza per “CUCINA IN QUOTA”

dal 9 aprile al 1 maggio la cucina sale in alta quota

Grande successo per il primo fine settimana dedicato alla “Cucina in quota” che ha visto la partecipazione di molti visitatori in Rifugi dove, fino al 1 maggio, ogni week-end sarà possibile degustare un menù alla scoperta dei sapori del territorio.

L’evento, giunto alla sua seconda edizione ed organizzato da Associazione Turismo Alpi Liguri in collaboazione con Slow Food e Consorzio Prodotti Tipici Valle Tanaro, vuole essere il primo assaggio di primavera dei prodotti tipici della Valle, dove, a un passo dal mare, il clima favorevole e mite favorisce già ad inizio primavera escursioni o semplici scampagnate.

Quattro Rifugi, Pian dell’Arma (Caprauna), Chionea, Quarzina e Locanda del Mulino (Valcasotto), per proporre quattro menù strettamente legati all’Alta Val Tanaro, con cucina tipica piemontese insieme a quella ligure.

Tutti i sabati a cena e le domeniche a pranzo, fino al 1 maggio si potranno dunque degustare i menù a tema. I piatti, uguali nei 4 locali che ospitano la rassegna portano il nome delle cime montuose della valle. Dopo il menù del Pizzo dello scorso 9 e 10 aprile, il prossimo fine settimana sarà la volta del menù dell’Armetta, per proseguire poi con quello della Colma e dell’Antoroto. Il costo è di 25 euro bevande escluse e la prenotazione è obbligatoria

Condividi!
    Print Friendly and PDF

    collabora

    collabora

    Segnalazioni e consigli

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    Archivio Articoli

    Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su “accetta Più info

    Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. Ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 D. Lgs. n. 196/2003 si rende noto quanto segue: I Suoi dati saranno trattati nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti soltanto dagli autorizzati, esclusivamente per dare corso all’invio della newsletter e informarla sulle novità editoriali del settimanale. Il conferimento dei dati ha natura obbligatoria e autorizza al trattamento in relazione alla sola finalità sopra esposta. Il rifiuto di fornire tali dati comporterà l’impossibilità di inoltrarle via e-mail le informazioni relative alle notizie riportate da: Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. I Suoi dati non saranno comunicati a terzi, né diffusi. Lei potrà rivolgersi in qualunque momento al Servizio newsletter attraverso l’indirizzo Blog@trucioli.it per esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs 196/03. I dati sono trattati elettronicamente, in modo da garantirne la sicurezza e la riservatezza, e sono conservati presso il’archivio di trucioli.it Nel rispetto del art. 7 della legge di cui sopra ti informiamo che puoi modificare o rimuovere completamente i tuoi dati scrivendo a blog@trucioli.it.

    Chiudi