Numero visualizzazioni articolo: 1.377

Ho fotografato Upega a Ferragosto.
Non merita questo spregio al decoro !

Sono Daniele O., tra gli ammiratori di Upega, il paese – frazione  di Briga Alta (Cn), capace di far sognare. Ho atteso molto tempo ed il 2016. Allego alcune immagini che fatto l’antivigilia di Ferragosto 2015. Trucioli.it, con ammirevole attenzione, non dimentica mai l’entroterra e la montagna del nostro ponente ligure e l’Alta Val Tanaro. Serve anche da stimolo e richiamo.  Spero che non si ripeta mai più lo sgradevole spettacolo. La bella Upega non lo merita….

 

Questa foto è stata scattata,a mezzogiorno, l’antivigilia di Ferragosto 2016, sul primo parcheggio all’ingresso del paese

E’ il problema della raccolta dei rifiuti solidi urbani e dei cassonetti dei rifiuti speciali nella stagione estiva, nei fine settimana, nei ponti festivi.  Quando arrivano gli abitanti delle seconde case, quando c’è una via vai di gente. Upega torna ad animarsi, grazie a giovani, a volenterosi, a cittadini affezionati a questo scorcio di paradiso incontaminato e che fa bella mostra.  Ci tramanda un ‘identità smarrita, rimasta nei ricordi, nei libri di storia locale,  nelle vie e negli angoli del borgo, delle sue case – presepio.  Poi un merito particolare a chi ha aperto attività di ristorazione, commerciale, dell’ospitalità. Upega che negli ultimi anni con inventiva, originalità e buon successo ha saputo organizzare manifestazioni di richiamo per nulla effimere, all’insegnma della natura, dello sport, del sano agonismo, della valorizzazione.

Ebbene in questo scenario non è un’eccezione, bensì la regola il disservizio della Nettezza Urbana. Il sistema di raccolta non tiene in dovuto conto la realtà, la stagionalità, l’afflusso degli ospiti pendolari, della moltiplicazione degli abitanti. Così arrivando in paese, al suo ingresso può accadere, con frequenza, che si accumulino rifiuti speciali, in bella mostra su un parcheggio, vicino alle auto, in luoghi di passaggio. Non solo, a pochi metri da case e villette rustiche che magari  vengono curate con amore, dedizione, con buon gusto dell’estetica. Con aiuole tenute in ordine, piantine in fiore, vasi profumati. Uno stridente contrasto con aree pubbliche. Sarà pur vero che i piccoli paesi, in particolare l’orografia di Piaggia, Upega e Carnino (Briga Alta) sia più complessa per la lontananza degli abitati, nulla può però giustificare quando il cattivo servizio diventa una costante, è all’ordine del giorno, come accade appunto in quel di Upega.

Ivo Alberti sindaco di Briga Alta

Il sindaco Ivo Alberti, 57 anni la vigilia di Ferragosto, in carica dal maggio 2014, non amministra tra rose e fiori. La buona volontà e la dedizione non mancano. Tanti problemi, grandi e piccoli,  di una comunità con una quarantina di residenti, in maggioranza uomini, con tante case vuote per molti mesi, alla prese con le secche del bilancio comunale e difficoltà a far fronte ai bisogni primari e secondari. C’è la vivacità di Upega, l’unicità montanara e agreste di Carnino.  La dove volano le aquile, proprio Upega  nel luglio 2014, era stata protagonista di un evento unico in Italia, con risonanza sui  media. A 1400 metri, tra Liguria e Piemonte, titolavano i giornali, 24 volontari si sono autotassati per riaprire locanda, bar e negozio. A sessanta chilometri da Albenga, affrontando curve e strettoie. Il fiore all’occhiello è La Locanda d’Upega. Tutti impegnati nella rinascita. Mentre resta il problema, non proprio secondario, dell’installazione di un ripetitore telefonico.  Niente cellulari, la tivù si vede con la parabola.  A Upega si può ammirare, nella stagione estiva, la mandria di mucche e pecore  della famiglia Benedetti che durante il  resto dell’anno abita a Leca d’Albenga e qui arriva per l’alpeggio, produce squisiti formaggi.  Upega impegnata a ripartire, ma per favore il servizio di Nettezza Urbana del comprensorio non può fare da intralcio allo scampato declino del paese, a ciò che sembrava ormai una sorte inesorabile. Sarebbe autolesionismo, disservizio e un danno imperdonabile all’immagine, al decoro che dovrebbe vedere tutti impegnati, nessuno escluso. Con il Comune a dare il buon esempio.

 

 

A pochi passi dal rumentaio estivo, il decoro di una casa e di un giardino di un cittadino esemplare di Upega

Condividi!
    Print Friendly and PDF

    collabora

    collabora

    Segnalazioni e consigli

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    Archivio Articoli

    Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su “accetta Più info

    Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. Ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 D. Lgs. n. 196/2003 si rende noto quanto segue: I Suoi dati saranno trattati nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti soltanto dagli autorizzati, esclusivamente per dare corso all’invio della newsletter e informarla sulle novità editoriali del settimanale. Il conferimento dei dati ha natura obbligatoria e autorizza al trattamento in relazione alla sola finalità sopra esposta. Il rifiuto di fornire tali dati comporterà l’impossibilità di inoltrarle via e-mail le informazioni relative alle notizie riportate da: Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. I Suoi dati non saranno comunicati a terzi, né diffusi. Lei potrà rivolgersi in qualunque momento al Servizio newsletter attraverso l’indirizzo Blog@trucioli.it per esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs 196/03. I dati sono trattati elettronicamente, in modo da garantirne la sicurezza e la riservatezza, e sono conservati presso il’archivio di trucioli.it Nel rispetto del art. 7 della legge di cui sopra ti informiamo che puoi modificare o rimuovere completamente i tuoi dati scrivendo a blog@trucioli.it.

    Chiudi