Numero visualizzazioni articolo: 781

Villeggiante di Albenga scivola sul ghiaccio a Briga Alta: risarcita e ora assolto l’ingegnere

La donna, una villeggiante di Albenga, era scivolata sulla rampa di accesso che portava alla sua casa di Piaggia, capoluogo del comune di Briga Alta. Era 7 febbraio 2010, la strada era ghiacciata e le conseguenze della caduta furono serie: la donna si fratturò tibia, perone e malleolo, riportando un’invalidità e risarcita dall’assicurazione.

 

Si è svolto il processo a carico dell’ingegner G.F., dirigente fino a dicembre 2015 della Comunità Montana Alto Tanaro Cebano Monregalese, al quale, in veste di responsabile dell’ufficio tecnico di Briga Alta, la Procura della Repubblica aveva attribuito la responsabilità del mancato servizio di sgombero neve e pulizia strade. Ma in dibattimento, come ha motivato nella sua requisitoria il pm Massimiliano Bolla, non è emersa alcuna prova che fosse proprio lui a capo dell’ufficio comunale. Conseguentemente, i giudici del tribunale collegiale di Cuneo hanno assolto per non aver commesso il fatto l’ingegnere, imputato con l’accusa di omissione di atti d’ufficio.

La strada principale e quella secondaria erano una lastra di ghiaccio, per camminare attaccavamo i ramponcini alle scarpe perché non era stato sparso il sale”, hanno ricordato alcuni testi. Chi doveva allora provvedere alla manutenzione e pulizia delle strade di Piaggia nel febbraio 2010? Il servizio non era neppure di competenza della Comunità Montana, come ha spiegato il suo ex segretario: “Fu costituita nel 2010, subentrando alle tre comunità montane precedenti che avevano convenzioni ognuna con i propri comuni. Il nuovo ente doveva perciò ristipulare gli accordi per lavori e servizi associati. Nel febbraio 2010 non c’erano convenzioni con il comune di briga Alta, che quindi doveva provvedere al servizio di pulizia strade tramite il proprio ufficio tecnico”. Dove si alternavano il sindaco con il segretario, ma di fatto chi firmava per conto del comune era G.F., autorizzato a farlo: “Ma io abitavo a Ceva e non davo nessuna direttiva sui lavori”, ha spiegato l’imputato.

G.F. era entrato come responsabile dell’ufficio tecnico del comune solo da marzo 2010”, ha concluso il difensore avvocato Paolo Rocca.“Neppure arrivarono richieste da parte del comune di Briga alla comunità montana, che con due soli dipendenti non poteva vigilare sull’intero territorio”. (Inizialmente rischiava di finire sul banco degli accusati pure l’ex sindaco Mario Zentilini, un po’ confuso tra i due Ferraris (ndr).

Monica Bruna (dal blog Targatocn)

La causa era iniziata dopo che la signora Marzia Saccone di Albenga si era rivolta  all’avvocato Vittorio Manduca, con studio ad Albenga, unitamente all’avv. Maria Luisa Testino di Mondovì che, per conto della cliente, aveva citato in causa il sindaco. Il Comune aveva inizialmente affidato la difesa all’avv. Enrico Costa che tuttavia aveva dismesso il mandato in quanto nominato vice ministro della  Giustizia nel marzo 2014 e di conseguenza aveva sospeso  l’esercizio della professione forense. L’incarico passò, con delibera di giunta (sindaco Zentilini, vice sindaco Sergio Pastorelli, assessori Terenzio Toscano, Riccardo Grasso e Giorgio Ferraris) allo studio legale Tomatis – Rocca fiduciario della compagnia UnipolSai. C’è da aggiungere che nessuna spesa era gravata sul bilancio comunale per via della copertura assicurativa.

Ivo Alberti sindaco di Briga Alta

E ORA IL SINDACO IVO ALBERTI PREVIENE I PERICOLI CON ORDINANZA AD HOC

 

 

Condividi!
    Print Friendly and PDF

    collabora

    collabora

    Segnalazioni e consigli

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    Archivio Articoli

    Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su “accetta Più info

    Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. Ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 D. Lgs. n. 196/2003 si rende noto quanto segue: I Suoi dati saranno trattati nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti soltanto dagli autorizzati, esclusivamente per dare corso all’invio della newsletter e informarla sulle novità editoriali del settimanale. Il conferimento dei dati ha natura obbligatoria e autorizza al trattamento in relazione alla sola finalità sopra esposta. Il rifiuto di fornire tali dati comporterà l’impossibilità di inoltrarle via e-mail le informazioni relative alle notizie riportate da: Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. I Suoi dati non saranno comunicati a terzi, né diffusi. Lei potrà rivolgersi in qualunque momento al Servizio newsletter attraverso l’indirizzo Blog@trucioli.it per esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs 196/03. I dati sono trattati elettronicamente, in modo da garantirne la sicurezza e la riservatezza, e sono conservati presso il’archivio di trucioli.it Nel rispetto del art. 7 della legge di cui sopra ti informiamo che puoi modificare o rimuovere completamente i tuoi dati scrivendo a blog@trucioli.it.

    Chiudi