Numero visualizzazioni articolo: 810

Lettere/Albenga ‘a nescia’ testimonia un avvocato. E Melgrati contro De Vincenzi

Ero in piazza della Croce Bianca, per la manifestazione pro Ospedale, con poche altre centinaia di persone. Ho sentito concionare dal palco troppo in politichese e sindacalese, con i politici intervenuti tutti di una parte soltanto.

 

L’avvocato Franco Maria Zunino interviene dopo la manifestazione pro ospedale e denuncia l’incapacità di Albenga per un vero Rinascimento e le tante occasioni mancate

Non ho udito parlare di puerpere in urgente ansioso lungo viaggio, di anziani in faticosa trasferta, di liste di attesa semestrali o astanterie di pronto soccorso con le tende, di turismo senile che sceglie sulla base della vicinanza di affidabili nosocomi. Ho sentito di “lavoratori e cittadini”, ricordando che in matematica mi spiegavano che nel più sta il meno, ma a quanto pare non in politica. Non ho visto intervenire nemmeno un medico, ma d’altronde si parlava solo di ospedale….!E ancora una volta ho ascoltato affermare che ci manca un protettore, come se Albenga, la nostra Albenga, fosse come una vecchia battona che non riesce a gestirsi le marchette e tutelarsi dai puttanieri violenti con le sue sole forze. Ma se sul palco c’erano tutti i Sindaci, la Presidente della Provincia e pure un Deputato! Mancava soltanto un “europeo”, forse tutti impegnati a decidere a Bruxelles il calibro dei cavoli (nomen omen) o Renzi, accidenti alla Leopolda se no sarebbe venuto. Mentre ero lì mi veniva in mente quando mesi addietro in Tribunale noi giureconsulti ci riunivamo per impegnarci alla lotta dura in difesa dello stesso (ma almeno parlavano gli avvocati. In effetti è difficile che ci facciamo sottrarre gli strumenti del mestiere!).

ALBENGA QUANDO I PARTITI INSORSERO PER IL CARCERE - Così ho cominciato a riflettere (in verità non subito, faceva freddo in piazza) ricordando i nostri vecchi allorquando mi dicevano come un tempo si definiva Albenga “a nescia” per le sue incongruenze e, sempre nelle rimembranze ma ben più recenti, mi è sovvenuto di quando centinaia di ingauni alle ultime regionali hanno votato, se collocati da una parte, l’ex sindaco di Pietra Ligure (vediamo se indovinate dove sta Santa Corona…), se dall’altra quello della vicina (a Pietra) Loano, che ci tranquillizzava rammentando gli aborigeni natali. E mi è anche tornato a mente quando, una dozzina di anni or sono, i partiti insorsero all’ipotesi dell’allora Sindaco di proporre nel territorio di Albenga la costruzione del necessitante carcere provinciale, o di quando, una dozzina di mesi or sono, altre lungimiranti categorie insorsero anch’esse contro l’ipotesi del forno crematorio da collocare a fianco, pensate un po’ che incongruenza, al cimitero grande (che intorno ha terreni vincolati proprio a causa di codesta vicinanza). Senza dire del lavoro indotto e degli introiti, tanti ma tanti, cui le casse comunali hanno rinunciato (e così provvedono le tasse di ognuno di noi a sostituirli).

L’INGANNO DEI SUPERMERCATI E IL FORNO CREMATORIO - Quando ancor prima, per l’ombra dei piloni o la polvere dei cantieri, non si è riusciti a decidere dove far passare la ferrovia veloce, quella che porta popoli di facoltosi turisti, convogli infiniti di merci e conseguenti ricchezze (ormai dirette altrove). In compenso ci siamo presi, e prenderemo, centri commerciali a iosa, capaci solo di giugulare i nostri residui eroici commercianti in centro, col trasferimento quotidiano altrove dei non più nostri faticati denari, ingannati dalla falsità del “compra qui oggi che ti sconto domani, se…”. Albenga a nescia, dicevano. Altri tempi: ora vogliamo protettori, però non siamo disposti (non certo a battere) a sacrificare la nostra preferenza elettorale o un lembo di terra magari abbandonato. Scusate la banalità, ma senza rapidi spostamenti non ci si sposta; scusate la brutalità ma, senza carcere, in provincia non ti affidano un tribunale e, scusate ora il cinismo, senza forno crematorio, che attira invece che esportare, non ti lasciano un ospedale. Se siamo noi che non vogliamo essere Città, loro ci trattano da paese. Chi si fa pecora, il lupo con la Lanterna se lo mangia.

VECCHI CAMPEGGI FATISCENTI ANZICHE’ LOCALI PER LA MOVIDA- Così, cari concittadini, rinunciamo agli alberghi coi centri congressi o alle residenze per anziani (magari anche benestanti, di quelli che prendono la residenza e in cambio ci lasciano la pensione, che se ricca chiamano pudicamente vitalizio), alla stazione grande e allo smistamento delle merci (magari qualcuna prodotta o trattata qui e non in Valbormida ove ci si è dovuti rifugiare), al carcere con centinaia di posti lavoro indotti e alle forze dell’ordine che stazionerebbero (e voglio vedere chi viene a delinquere qui, se raddoppiano carabinieri e polizia), al forno crematorio per i nostri defunti e per migliaia di esterni, teniamoci invece le tasse in sostituzione degli introiti, l’illusione della sicurezza se i cattivoni stanno relegati altrove, la nostra preferenza elettorale attribuita per simpatia o indicazione di capobastone invece che per interesse, i vecchi campeggi fatiscenti in centro invece dei locali per la movida dei giovani forse rumorosi ma almeno vivi, il sole abbacinante a illuminare terreni abbandonati, i sindacalisti dei “cittadini e lavoratori” invece che gli imprenditori che rendono benestanti i cittadini che diventano, grazie a loro, lavoratori veri e non semplice categoria elettorale.

LA SORTE DELLA CASERMA PIAVE E DEL VECCHIO OSPEDALE - Ci lamentiamo che Caserma Piave o vecchio ospedale non trovino acquirenti, ma chi viene a investire qui ove rifiutiamo di accettare (non dico pagare noi, ma accettare che altri le facciano) le infrastrutture che renderebbero invece appetibile un luogo baciato dalla fortuna del clima, del mare pulito, della bellezza naturale e storica? Per non parlare di depuratore e polo scolastico. Rimaniamo così una piccola cittadina di provincia incapace di scegliere e di decidere di tornare ad essere Città quale era, con servizi e responsabilità conseguenti e connessi, e, mugugnando un po’, aspettiamo ansimando i protettori che vengano, da fuori a noi, a miracol portare. Prepariamoci infine a spiegare tutto ciò (sinteticamente perché poi c’è la coda in autostrada, rigorosamente unica sino a Savona perché grazie agli ecoillogisti non potremo certo a Borghetto S. Spirito trapassare una innocente montagna per creare un’ipotenusa sostitutiva che toglierebbe dall’aria tonnellate di Co2 la domenica sera) ai nostri figli e nipoti quando con le loro famiglie verranno un week ogni tanto a trovarci dalle città ove lavoreranno negli ospedali, nei tribunali, nelle università, negli uffici delle aziende che pure accetterebbero il tele-remoto, negli alberghi coi centri congressi, nelle carceri (uscendo però a fine turno) o nei centri assistenza finevita (ove andremo noi, ma non a trovarli).

Franco M. Zunino, Avvocato, Esponente del Lions Clubs International, Responsabile locale de “La casa del Cittadino”, già dirigente nel Partito Liberale Italiano.

MARCO MELGRATI ATTACCA DE VINCENZI, EX SINDACO E CONSIGLIERE REGIONALE DI PIETRA LIGURE

Marco Melgrati, architetto, ex sindaco e ex capogruppo in Regione

COMUNICATO STAMPA DI MELGRATI – Caso Gsl: Compagno De Vincenzi ma quando eri Sindaco di Pietra Ligure perché non hai proferito parola quando i compagni in Regione del PD hanno chiuso Emodinamica di notte e il reparto di pediatria di Santa Corona?

Ci sei o ci fai?

Bisognerebbe spiegare un po’ di cose al consigliere De Vincenzi, che pare non gli siano chiare. Questo è l’intervento del vicecoordinatore regionale di Forza Italia Marco Melgrati, in risposta al comunicato stampa del Consigliere Regionale De Vincenzi sulla vicenda della sospensione del progetto sperimentale del reparto di Ortopedia convenzionato ospitato all’Ospedale di Albenga da parte della Giunta Regionale.

Bisognerebbe spiegarGli, per esempio, che un ospedale di base, quale è quello di Albenga, con un diritto all’esistenza confermatogli dalla LEGGE (decreto 70/2015), ha la sua “missione”, tanto per usare un termine che piace ai piddini, nell’offrire prestazioni sanitarie alla popolazione.

In questo caso a 63.000 persone residenti oltre ai turisti. Ha una “missione” quando serve alle persone ancor prima di essere attrattivo per recuperare fughe e quindi provvedere ad esigenze di bilancio.

Prima vengono le persone e poi il business e in questo caso più che mai. Oppure é un abitudine di partito quella di trascurare le persone e vedere gli ospedali come “fabbriche” con una” missione”, produttrici di utili e profitti?

La ” missione”, caro consigliere regionale De Vincenzi, l’Ospedale di Albenga l’aveva prima e la possiede ancora senza che arrivasse qualcuno a ricercarla o a inventarsela .

La “missione” è quella di erogare sanità come Ospedale di base alla gente. Una missione che i suoi compagni di partito non sono riusciti a demolire nonostante i sabotaggi che hanno messo in atto per cercare di deviarne proprio la sua istituzionale “missione” verso quella di recupero fughe, dimenticando quella più importante.

Se anche lei si lascia coinvolgere da queste distorsioni concettuali comincia male consigliere De Vincenzi. …Quantomeno viene meno a quelle promesse elettorali che sembravano protese in un certo senso mentre si faceva riprendere prima delle elezioni in quel video promozionale con alle spalle l’ospedale (di Albenga) che non aveva mai considerato prima.

Sono costretto a ricordare anche a lei gli stessi elementari concetti che ho proposto ai suoi ostinati compagni ingauni: Se lei avesse un po’ più chiara la materia della quale esterna saprebbe che la missione COMPLEMENTARE dell’ospedale ingauno sarà ancora quella quella di specialità chirurgiche di elezione in collaborazione con il DEA pietrese, dedito all’emergenza /urgenza, come per primo ho proposto molte volte in dettaglio. Una missione sinergica con il Dea che anche lei (dopo di me) si affrettò a teorizzare in campagna elettorale e che ora avrebbe dovuto sovvenirle.

E anche a lei mi viene da dire: ma dove era, e soprattutto, come mai non ha alzato la voce (e nemmeno fatto cenno) quando era Sindaco di Pietra Ligure e i Suoi compagni Burlando-Montaldo e Paita hanno chiuso Emodinamica di notte e il reparto di Pediatria di Santa Corona (e non solo)?

Marco Melgrati

Alassio, 16.12.2015

 

Condividi!
    Print Friendly and PDF

    collabora

    collabora

    Segnalazioni e consigli

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    Archivio Articoli

    Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su “accetta Più info

    Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. Ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 D. Lgs. n. 196/2003 si rende noto quanto segue: I Suoi dati saranno trattati nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti soltanto dagli autorizzati, esclusivamente per dare corso all’invio della newsletter e informarla sulle novità editoriali del settimanale. Il conferimento dei dati ha natura obbligatoria e autorizza al trattamento in relazione alla sola finalità sopra esposta. Il rifiuto di fornire tali dati comporterà l’impossibilità di inoltrarle via e-mail le informazioni relative alle notizie riportate da: Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. I Suoi dati non saranno comunicati a terzi, né diffusi. Lei potrà rivolgersi in qualunque momento al Servizio newsletter attraverso l’indirizzo Blog@trucioli.it per esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs 196/03. I dati sono trattati elettronicamente, in modo da garantirne la sicurezza e la riservatezza, e sono conservati presso il’archivio di trucioli.it Nel rispetto del art. 7 della legge di cui sopra ti informiamo che puoi modificare o rimuovere completamente i tuoi dati scrivendo a blog@trucioli.it.

    Chiudi