Numero visualizzazioni articolo: 1.468

Ceriale ‘trasferisce’ prostitute ad Albenga.
La farmacia comunale, ok a Richeri.
Scotta il caso Farinazzo – Fasano e parcheggi

Tante notizie, tre hanno la precedenza. Aria nuova nel mondo della prostituzione serale, sull’Aurelia, a Ceriale. L’ordine della polizia ? Spostatevi ad Albenga. In effetti sono sparite le belle di notte che popolavano la zona adiacente a Famila, Lidl, addirittura davanti alla casa del sindaco. Tutte trasferite nella zona dei Fortini: 800 metri di strada -bordello. Seconda novità, la farmacia comunale Moreno. I 4 dipendenti, tre farmaciste, hanno rinunciato al diritto di prelazione. Sbarca ufficialmente, come annunciato da Trucioli, la famiglia del farmacista Richeri di Finale Ligure. Infine il ‘caso’ spinoso dei parcheggi Farinazzo, con l’intervento dell’assessore Marinella Fasano delegata a turismo, cultura, commercio, artigianato, attività produttive, arredo urbano e verde pubblico.

E’ una storiella, seppure significativa. A Ceriale un tempo faceva notizia, la stampa locale sparava ai quattro venti la presenza di una marea sempre più vasta di ‘farfalle della notte’. Un periodo anche di giorno. Con tutti i problemi economici e di sopravvivenza di tanta gente, quel mestiere era solo un disturbo per le case alle prese col via vai di clienti e prostitute, in qualche caso di igiene e decoro. L’opinione pubblica non pare si appassioni più di tanto. Presenze sgradite, ma tollerate, ad iniziare da chi è eletto nel parlamentino locale. Molti soldatini e un paio di generali. Cosa sia accaduto dopo un lungo periodo di massiccia presenza, persino a ridosso del Palazzo comunale, non è dato a sapere ai comuni mortali. Deve essere arrivato un ordine dall’alto, dai piani alti romani e da qui alle istituzioni provinciali. Forse il nuovo questore. Sta di fatto che sono ‘sparite’ dalle abituali postazioni di lavoro serale tutte le ‘abbonate’ (è noto che pagano una tangente per ogni metro di Aurelia, conteso e sorvegliato da bande straniere, con supervisione e collaborazione del vertice ligure della mala e del Nord Ovest). Si sono trasferite in quel di Albenga dove c’è un sindaco ed una giunta di centro sinistra. Difficile dimenticare la rassegna stampa, decine di dichiarazioni leghiste soprattutto (Rosy Guarnieri) che promettevano tolleranza zero, non case di tolleranza come accade nei paesi più civili. A quanto pare non è un problema di colore politico, ma di capacità, competenze. Le incrostazioni di Ceriale sono note, qui l’elettorato ha finito per premiare proprio la Lega Nord, nonostante siano scomparsi, in loco, i suoi storici rappresentanti. Non sono deceduti, sono semplicemente e da tempo silenziati, si sono estraniati. Cosa accadrà ora, dopo la liberazione di Ceriale dalla cappa prostituzione ? Vedremo, speriamo che almeno non si tratti di fumo negli occhi. I cerialesi hanno già dato e pagato abbastanza, Albenga pare abbia le spalle grosse. Vedremo.

FARMACIA COMUNALE  a  Richeri di Finale Ligure-  Tutto come previsto ? Un po’ di suspence in realtà c’era. Sono scaduti ai primi di dicembre i 30 giorni entro cui i 4 dipendenti della farmacia comunale potevano far valere il diritto di prelazione nell’ambito del bando di gara e vendita. Al quarto tentativo una sola offerta – deserte le aste precedenti (leggi…..) -  E’ stato il dr. Franco Richeri e la moglie, farmacisti  affermati e benestanti di Finale Ligure, a conquistare la proprietà (gestione).  Al Comune versano poco più di un milione e mezzo, si era partiti da due e dalla tenace opposizione del consigliere di minoranza, candidato sindaco Luigi Giordano che aveva raccolto oltre 1500 firme contro la dismissione. Il bilancio della farmacia  si aggira sui 2 milioni di Euro, non sono molti, ma certamente incrementabili con il passaggio al privato. Non sarebbe la prima volta, del resto, che una farmacia comunale della Riviera opulenta e turistica faccia fatica a far quadrare i conti (Loano, Alassio, senza andare lontani) e in mano ai privati diventi redditizia incrementando il volume d’affari. Per il Comunce di Ceriale un’occasione persa ?  Chi vivrà, vedrà.

LA QUESTIONE FARINAZZO – ASSESSORE FASANO – PARCHEGGI .  In origine il costruttore Delio Farinazzo, ora alla terza età, che a Ceriale ha conosciuto, nel settore immobiliare e pubblico, i fasti e gli onori. Serate musicali, manifestazioni, l’inno d’Europa unita, le contestazioni per la legalità, manifesti e petizioni.  Ha costruito, qualche decennio fa, quasi un quartiere (Corso Europa). Il figlio ha scoperto che tra un palazzo e l’altro un’area che doveva diventare pubblica, a parcheggio, in realtà non era stata acquisita al patrimonio comunale.  Ha presentato una Dia al Comune per realizzare i park  e metterli in vendita. Il Comune ha risposto: non si può fare.  Lui ha ricorso al Tar Liguria che gli ha dato parzialmente ragione (avvocato Tabbò per Farinazzo, Vallerga per l’amministrazione comunale). In pratica l’erede dell’imprenditore  chiede di realizzare  una sessantina di parcheggi, per il Tar si doveva scendere a 40. Il caso vuole che amministratore dei palazzi interessati sia Marinella Fasano, agenzia immobiliare, tra i fedelissimi del sindaco e del centro destra cerialese al governo della città. C’era un termine fissato, a quanto pare,  dicembre 2014. Si fanno dei sopralluoghi, presente la Fasano in veste di assessore o di amministratore ? Pare entrambi. I condomini intanto protestano, si sentono defraudati di un’area dove continuavano a parcheggiare liberamente. A costo zero.  A questo punto si fa strada l’ipotesi, sostenuta dall’assessore Fasano,di promuovere una causa civile. Altre lettere di contestazione e discesa in campo dei legali delle parti in causa. Che succederà ?  Il Comune fa i parcheggi pubblici ed ora c’è il rischio che siano tolti ? Per il contestatore Giordano è pane per i suoi denti (in senso politico amministrativo), chiede che Marinella Fasano si faccia da parte. C’è un conflitto di interessi ? Motivo di etica ed opportunità ? Perchè deve essere proprio lei, si chiede Giordano, ad occuparsi del caso Farinazzo – Comune – parcheggi pubblici e privati ? Gli altri assessori, consiglieri di maggioranza e minoranza non hanno nulla da obiettare ?

 

Condividi!
    Print Friendly and PDF

    collabora

    collabora

    Segnalazioni e consigli

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    Archivio Articoli

    Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su “accetta Più info

    Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. Ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 D. Lgs. n. 196/2003 si rende noto quanto segue: I Suoi dati saranno trattati nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti soltanto dagli autorizzati, esclusivamente per dare corso all’invio della newsletter e informarla sulle novità editoriali del settimanale. Il conferimento dei dati ha natura obbligatoria e autorizza al trattamento in relazione alla sola finalità sopra esposta. Il rifiuto di fornire tali dati comporterà l’impossibilità di inoltrarle via e-mail le informazioni relative alle notizie riportate da: Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. I Suoi dati non saranno comunicati a terzi, né diffusi. Lei potrà rivolgersi in qualunque momento al Servizio newsletter attraverso l’indirizzo Blog@trucioli.it per esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs 196/03. I dati sono trattati elettronicamente, in modo da garantirne la sicurezza e la riservatezza, e sono conservati presso il’archivio di trucioli.it Nel rispetto del art. 7 della legge di cui sopra ti informiamo che puoi modificare o rimuovere completamente i tuoi dati scrivendo a blog@trucioli.it.

    Chiudi